Fabiano Cristofaro – Tante Sigarette (Demo, 2004)

Dimmeli tutti i dispregiativi, quelli che iniziano con la I. Sputali fuori con quanta forza hai dentro, voglio vederti ancora più furiosa. Questo sta scritto sul demo del cd Tante sigarette di Fabiano Cristofaro e suona come una provocazione, specie perché rivolta al femminile. Se tanto mi da tanto. Ma questo album non riesce a tirarmi fuori nemmeno un decimo della mia presunta cattiveria. Forse perché ci sento una passione (ho personalmente un debole per le autoproduzioni, lui si è addirittura confezionato il packaging) e non un “tanto per fare” che si coglie invece in certi coglioncelli italiani, che farebbero meglio ad andare a zappare, se ancor c’è rimasto qualche italiano che la zappa, la terra. I, come imitante un Lucio Battisti, questa la primissima impressione che ho avuto all' ascolto della prima traccia dell’album Non ho fame, forse anche perché la voce di Fabiano sembra quella di Lucio, ogni tanto un po’ stonata. Anche se poi Arrivederci mi ha ricordato i La Crus, ma non vorrei addirittura diventare troppo buona, se non riesco ad essere cattiva. I, come inerente alle canzoni di San Remo, perché sì, Cristofaro ce lo vedrei proprio sul palco dell’Ariston (e questa potrebbe anche essere una cattiveria, per qualcuno, ma non per chi ha ancora il coraggio di cantare in italiano). I, come insopportabile il coretto che fa da contorno in Quello che resta. Toglilo Fabiano, anche se immagino ti sia costato pure qualche quattrino in più del dovuto. I, come interessante l’ultimo brano Gli affari del cielo, l’unico che mi è piaciuto davvero molto. Crea una piccante atmosfera sonica che va a sfiorare gli ultimi (oso bestemmiare, ma mi piace tanto) Marlene Kuntz, se non altro per quelle chitarre elettriche ruffiane e malinconiche che crogiolano. I, come, insomma nel complesso c’è qualcosa di interessante in questo album. Soli 5 euro + spese spedizione e ve lo manda a casa (fabiano@cristofaro.it) fin sotto la doccia a chi vien voglia di cantare non le solite canzonette inglesi.

Tagged under: , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Chemical Resistance - My Low Heart (Taxi Driver, 2019)

Scaglie metalliche alla deriva nello spazio. Una sorta di ambient torbido quanto una sigaretta abbandonata dalle volute di fumo gradevoli,…

23 Mar 2020 Reviews

Read more

Danneggiato Delights Novembre 2011

Non mi piace il dubstep. E' il suono della conservazione, una gratificante e consolatoria esaltazione da potenza e superomismo onanistico.…

08 Feb 2011 Articles

Read more

David Bazan - 06/02/10 La Casa 139 (Milano)

Entrando alla Casa l'atmosfera non è delle migliori, un paio di gorilla coi modi spicci ti chiedono se hai la…

24 Feb 2010 Live

Read more

Absoluten Calfeutrail & Blarke Bayer - Conflict Resolution Seminar (Sabbatical,…

Altro dischetto Sabbatical interessante, altro piatto per stomaci foderati di lamiera. In questo caso più che un eufemismo si tratta…

13 Mar 2009 Reviews

Read more

Satan Is My Brother - A Forest Dark (Boring Machines,…

Seconda uscita per i milanesi Satan Is My Brother, progetto che trascende i generi e si presta fluidamente all'interazione tra…

03 Apr 2011 Reviews

Read more

Autocancrena – Homo Sacer (Diazepam, 2012)

Altra oscura uscita per la Diazepam: stavolta è il turno degli Autocancrena (il romano Lorenzo Chiarofonte) con un CD 3"…

03 May 2013 Reviews

Read more

Dalila Kayros – Nuhk (dEN, 2013)

Anche se la bella stagione stenta a manifestarsi, cominciano ad arrivare i primi dischi che ci portano profumi d'estate, che…

03 Jun 2013 Reviews

Read more

Lady Vallens – Noon EP (Second Family, 2010)

Il boss dell'etichetta più il chitarrista degli ottimi Bonora e un tot di macchinari, questo l'organico dei Lady Vallens, che…

30 Aug 2010 Reviews

Read more

Francisco Lopez/Luca Sigurtà - Erm (Fratto9 Under The Sky, 2013)

Decisamente un disco che lascia spazio ai vuoti questo Erm, un brano a testa diviso tra Francisco Lopez e Luca…

02 Dec 2013 Reviews

Read more

Marta De Pascalis – Quitratue (Autoprodotto, 2014)

Marta De Pascalis l’abbiamo conosciuta grazie alla compilation Burnt Circuits Kept Under My Bed, dove si segnalava con uno dei…

20 Feb 2015 Reviews

Read more

Okkervil River - I Am Very Far (Jagjaguwar, 2011)

A costante scadenza, come un film di Woody Allen, tornano i talentuosi Okkervil River, sempre con la fedelissima Jagjaguwar. Il…

06 May 2011 Reviews

Read more

Davide Cedolin - chiacchiere e fili d'erba

SODAPOP: Ciao Davide, Grazie mille per aver accettato di scambiare qualche chiacchiera con me! Innanzitutto devo ammettere di conoscerti appena musicalmente, sono…

09 May 2022 Interviews

Read more

Patton – Hellénique Chevaleresque Récital (Matamore/Prohibited, 2009)

Mi ricordavo dei belgi Patton dai tempi di JR For Jaune Rouge, del 2000, spigoloso disco noise decisamente interessante, per…

23 Oct 2009 Reviews

Read more

NOFest! 2010 - 18-20/06/10 Spazio 211 (Torino)

Se c'era un festival italiano che quest'anno, anche solo sulla carta, meritava di essere visto, era sicuramente la seconda edizione…

27 May 2010 Live

Read more

Pietro Riparbelli - Three Days Of Silence (Gruenrekorder, 2012)

I lavori di Pietro Riparbelli/K11 mi hanno sempre colpito anche per le forti capacità evocative degli ambienti in cui vengono…

21 Jun 2012 Reviews

Read more

Gianluca Becuzzi/Fabio Orsi - Wildflowers Under The Sofa (Last Visible…

Ciprì e Maresco, Stanlio ed Onlio, Bonnie e Clyde (all'italiana) ed anche Becuzzi e Orsi... ormai visto il buon numero…

13 Feb 2008 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top