since 1997, our two cents on indie/punk/post/electronica and more...

Fabiano Cristofaro – Tante Sigarette (Demo, 2004)

Dimmeli tutti i dispregiativi, quelli che iniziano con la I. Sputali fuori con quanta forza hai dentro, voglio vederti ancora più furiosa. Questo sta scritto sul demo del cd Tante sigarette di Fabiano Cristofaro e suona come una provocazione, specie perché rivolta al femminile. Se tanto mi da tanto. Ma questo album non riesce a tirarmi fuori nemmeno un decimo della mia presunta cattiveria. Forse perché ci sento una passione (ho personalmente un debole per le autoproduzioni, lui si è addirittura confezionato il packaging) e non un “tanto per fare” che si coglie invece in certi coglioncelli italiani, che farebbero meglio ad andare a zappare, se ancor c’è rimasto qualche italiano che la zappa, la terra. I, come imitante un Lucio Battisti, questa la primissima impressione che ho avuto all' ascolto della prima traccia dell’album Non ho fame, forse anche perché la voce di Fabiano sembra quella di Lucio, ogni tanto un po’ stonata. Anche se poi Arrivederci mi ha ricordato i La Crus, ma non vorrei addirittura diventare troppo buona, se non riesco ad essere cattiva. I, come inerente alle canzoni di San Remo, perché sì, Cristofaro ce lo vedrei proprio sul palco dell’Ariston (e questa potrebbe anche essere una cattiveria, per qualcuno, ma non per chi ha ancora il coraggio di cantare in italiano). I, come insopportabile il coretto che fa da contorno in Quello che resta. Toglilo Fabiano, anche se immagino ti sia costato pure qualche quattrino in più del dovuto. I, come interessante l’ultimo brano Gli affari del cielo, l’unico che mi è piaciuto davvero molto. Crea una piccante atmosfera sonica che va a sfiorare gli ultimi (oso bestemmiare, ma mi piace tanto) Marlene Kuntz, se non altro per quelle chitarre elettriche ruffiane e malinconiche che crogiolano. I, come, insomma nel complesso c’è qualcosa di interessante in questo album. Soli 5 euro + spese spedizione e ve lo manda a casa (fabiano@cristofaro.it) fin sotto la doccia a chi vien voglia di cantare non le solite canzonette inglesi.

Tagged under: , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Back to top