Fabiano Cristofaro – Tante Sigarette (Demo, 2004)

Dimmeli tutti i dispregiativi, quelli che iniziano con la I. Sputali fuori con quanta forza hai dentro, voglio vederti ancora più furiosa. Questo sta scritto sul demo del cd Tante sigarette di Fabiano Cristofaro e suona come una provocazione, specie perché rivolta al femminile. Se tanto mi da tanto. Ma questo album non riesce a tirarmi fuori nemmeno un decimo della mia presunta cattiveria. Forse perché ci sento una passione (ho personalmente un debole per le autoproduzioni, lui si è addirittura confezionato il packaging) e non un “tanto per fare” che si coglie invece in certi coglioncelli italiani, che farebbero meglio ad andare a zappare, se ancor c’è rimasto qualche italiano che la zappa, la terra. I, come imitante un Lucio Battisti, questa la primissima impressione che ho avuto all' ascolto della prima traccia dell’album Non ho fame, forse anche perché la voce di Fabiano sembra quella di Lucio, ogni tanto un po’ stonata. Anche se poi Arrivederci mi ha ricordato i La Crus, ma non vorrei addirittura diventare troppo buona, se non riesco ad essere cattiva. I, come inerente alle canzoni di San Remo, perché sì, Cristofaro ce lo vedrei proprio sul palco dell’Ariston (e questa potrebbe anche essere una cattiveria, per qualcuno, ma non per chi ha ancora il coraggio di cantare in italiano). I, come insopportabile il coretto che fa da contorno in Quello che resta. Toglilo Fabiano, anche se immagino ti sia costato pure qualche quattrino in più del dovuto. I, come interessante l’ultimo brano Gli affari del cielo, l’unico che mi è piaciuto davvero molto. Crea una piccante atmosfera sonica che va a sfiorare gli ultimi (oso bestemmiare, ma mi piace tanto) Marlene Kuntz, se non altro per quelle chitarre elettriche ruffiane e malinconiche che crogiolano. I, come, insomma nel complesso c’è qualcosa di interessante in questo album. Soli 5 euro + spese spedizione e ve lo manda a casa (fabiano@cristofaro.it) fin sotto la doccia a chi vien voglia di cantare non le solite canzonette inglesi.

Tagged under: , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Gianluca Favaron – Blank Spaces (I Don’t Want To Be…

Era in qualche modo naturale che Gianluca Favaron (Under The Snow e vari altri progetti e collaborazioni) e Luce Sia…

08 Sep 2017 Reviews

Read more

L'Uomo Di Vetro - 38° Parallelo (I Dischi Del Minollo,…

Ricordate l’episodio dei Simpson con Homer al festival Hullabalooza? Ringraziava (senza ombra d’ironia) Billy Corgan per aver ucciso definitivamente nei…

21 Jun 2010 Reviews

Read more

German Army – Animals Remember Human (Arte Tetra/Crash Symbols, 2020)

Nonostante le oltre 80 uscite i German Army  non erano mai comparsi sulle nostre pagine; a sopperire alla mancanza ci…

10 Apr 2020 Reviews

Read more

Levator - The Biggest Waves Come At Night (Levator Music,…

Recentemente qualcuno lo ha definito dreamcore: un fumoso intruglio di loops, onirico shoegaze ed eteree santità di sapore Cocteau…

24 Feb 2009 Reviews

Read more

Enkil/La Furnasetta – Industrial Archeology (Luce Sia, 2019)

Chi si appresta all’ascolto di Industrial Archeology, cassetta split pubblicata da Luce Sia, non può farsi illusioni: il titolo e…

27 Aug 2019 Reviews

Read more

Casa - Variazioni Gracchus (Dischi Obliqui, 2017)

Nuovo raffinatissimo e difficile lavoro per Filippo Bordignon, ormai ultimo superstite dei Casa, qui ancora una volta proiettati verso una…

10 Apr 2017 Reviews

Read more

Murmur Mori – 13/08/2017 Centro Visita Val Grande (Buttogno -…

Se qualcosa manca all’ambito della ricerca folklorica italiana – non inferiore per quantità e qualità di studi rispetto alle altre…

04 Sep 2017 Live

Read more

Adamennon – MMXII (Autoprodotto, 2012)

C'erano ancora margini di sviluppo nel discorso musicale di Adamennon dopo l'album Nero, che pur avevamo identificato come punto di…

19 Dec 2012 Reviews

Read more

The Necks – Body (Fish of Milk/ReR Megacorp, 2018)

Nuovo disco dei Necks uscito in estate ma che di certo si farà apprezzare per più di una stagione. Ogni…

14 Sep 2018 Reviews

Read more

Bug Jargal - S/T (Aut, 2014)

­ Recuperare dischi dal passato e ristamparli dopo quasi vent'anni è sempre un'operazione un po' pericolosa, perché si rischia di…

24 Jul 2014 Reviews

Read more

Attilio Novellino/Collin McKelvey - Hyperhunt (Random Numbers, 2017)

La Split Series della Random Numbers nasce con l’intento di documentare su nastro la scena italiana più sperimentale. Questo quinto…

02 Mar 2018 Reviews

Read more

Squarcicatrici - s/t (Wallace-Burp-etc, 2009)

Ecco il ritorno di Jacopo Andreini, non che se ne fosse mai andato in verità, infatti ha sempre continuato a…

03 Nov 2009 Reviews

Read more

Lilium - Black Dear (Taxi Driver, 2013)

Prosegue con perseveranza il lavoro della Taxi Driver per portare alla giusta ribalta le identità genovesi dedite a sonorità estreme…

07 Jun 2013 Reviews

Read more

Bear Claw - Slow Speed: Deep Owls (Sickroom, 2007)

Ascoltando I Bear Claw come sempre ero ignaro di chi fossero e da dove venissero, perché se leggo i comunicati…

20 Oct 2007 Reviews

Read more

Duozero - Esperanto (Small Voices, 2006)

Strano il potere dell’autosuggestione: forse quanto sto per scrivere è dettato dal fatto che per una stramba associazione leggere che…

25 Feb 2007 Reviews

Read more

Vonneumann – The Procrastination Loops (Ammiratore Omonimo, 2018)

I Vonneumann sono prossimi a festeggiare i vent’anni di attività e come antipasto dell’evento rendono disponibile sul loro bandcamp una…

11 Sep 2018 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top