Enrico Ruggeri – As If (Autoprodotto, 2017)

Parte da un’idea folle questo disco di Enrico Ruggeri, anzi, di quell’idea è in qualche modo il punto d’arrivo, anche se non quello previsto. L’intenzione era di pubblicare per un mese un disco al giorno giungendo così alla cifra monstre di 30 dischi in 30 giorni: il progetto naufraga, ma una sintesi del meglio di quanto prodotto lo troviamo in questo As If. L’esplorazione continua nei territori di una musica dilatata e priva di battiti che non possiamo definire in altro modo che ambient: dopo aver forzato i limiti del genere inserendo la voce di Luca Barachetti nell’album collaborativo White Out Ruggeri torna su binari abbastanza consueti (la voce di Jennifer Williams compare solo nella breve traccia introduttiva) per un album che, stando alla cartella stampa, rappresenta la sintesi e probabilmente la fine di un percorso sonoro. In realtà, pur avendo ovvi di contatti con l’opera precedente, specie nelle morbide coltri che coprono la prima metà di // e nella gelida chiusura di /////  (con questo curioso sistema sono numerate le tracce del disco) As If contiene elementi di  novità che potrebbero orientare il percorso in direzione prima non prevedibili, pur rimanendo entro quest’ambito.  Lo capiamo presto, dalla seconda parte della già citata //: il tono si fa più inquieto, il suono, meno morbido, diventa vibrante e caldo e per qualche ragione mi vengono in mente i Popol Vuh più dilatati e meditativi. Li risento nelle prime note di ///  – brano che sembra evocare i miraggi del deserto – ed è la conferma che stiamo scendendo a sud, passando da una luce fredda e accecante ad una più calda e diffusa. È tuttavia //// ad aprire le prospettive più intriganti: qui il synth suona come una chitarra che inizialmente intreccia interessanti tessiture folk-ambient e poi, procedendo per accumulo, vira verso un luminoso post-rock. /////, di cui già ho detto, evoca gli episodi precedenti della discografia ma non riesce a riportare il disco sui vecchi binari, rappresentando così una sorta di commiato. “Ci sono suoni e cromatismi per me in buona parte inediti” dice Ruggeri  “tesi a evocare nuove possibilità di immaginazione”. L’idea è dunque quella di guardare avanti e questo disco riesce a farlo benissimo.

Tagged under: , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Massimo Volume/Bachi Da Pietra – Split EP (La Tempesta, 2011)

Uno split fra due dei gruppi della penisola che più curano la parola, integrandola in contesti poco definibili ma certo…

19 May 2011 Reviews

Read more

Marco Scarassatti/Marcelo Bomfin/Nelson Pinton - Sonax (Creative Sources, 2009)

Altro lavoro elettroacustico, che questa volta introduce degli elementi molto interessanti, quanto meno per chi sta scrivendo, infatti Marco Scarassatti…

24 Oct 2010 Reviews

Read more

OvO - Cor Cordium (SuperNaturalCat, 2011)

Non so davvero se o cosa possa definirsi queer metal (in riferimento alle recenti interviste cartacee rilasciate dal gruppo):…

18 Apr 2011 Reviews

Read more

Psychofagist - Il Secondo Tragico (Subordinate, 2009)

Se anche avessi avuto dei dubbi sulla statura di questo disco e ripeto "SE" li avessi avuti, il commento che…

22 Dec 2009 Reviews

Read more

Opus Dei - S/T (Lucifer Rising/Self, 2010)

"L''Opus Dei, fondata nel 1928, è una Prelatura personale della Chiesa Cattolica. La sua missione consiste nel diffondere il…

15 Jun 2010 Reviews

Read more

Matteo Uggeri/Luca Mauri/Francesco Giannico – Pagetos (Boring Machines/Grey Sparkle, 2012)

A concludere la quadrilogia iniziata nel 2007 da Maurizio Bianchi e Matteo Uggeri e dedicata ad alcuni aspetti della natura…

20 Jul 2012 Reviews

Read more

FULkANELLI – S/T (Lemming/Offset/Blinde Proteus, 2012)

Esordisce sulla lunga distanza, dopo lo split-tape con Belorukov vs Marziano di cui già vi avevamo parlato, il duo composto…

28 Dec 2012 Reviews

Read more

Paolo Spaccamonti -Volume Quattro (Escape From Today, 2019)

Ormai le suite di Paolo sono classic rock nel senso più alto del termine: Spaccamonti è uguale solo a sé…

21 Jan 2020 Reviews

Read more

Penelope Sulla Luna - Enjoy The Little Things (I Dischi…

Ultimi giorni del 2011 e ascolto un lavoro fatto di suoni che si adattano a raccordare il passato col futuro.L'EP…

17 Jan 2012 Reviews

Read more

Miss Massive Snowflake - Songs About Music (Wallace/North Pole, 2010)

Mr. De Leon qualcuno di voi se lo ricorderà per i Rollerball, come molti di voi sapranno questo è il…

16 Mar 2010 Reviews

Read more

Grass Widow - Past Time (Kill Rock Stars, 2010)

Le californiane Grass Widow sono una bellissima sorpresa, pure venendo fuori in un momento in cui il trio al femminile…

27 Jun 2010 Reviews

Read more

Squadra Omega – S/T (Holidays/Boring Machines, 2010)

La Squadra Omega va certamente annoverata fra quei gruppi le cui produzioni discografiche, seppur buone, pagano inevitabilmente dazio alle ottime…

20 Jan 2011 Reviews

Read more

Il Teatro Degli Orrori – A Sangue Freddo (La Tempesta,…

Oggi nessun gruppo italiano esterno al giro mainstream e dal suono così duro possiede la visibilità che può vantare il…

24 Nov 2009 Reviews

Read more

The Cubical - Arise Conglomerate (Halfpenny/Cargo, 2012)

Gustosa terza uscita per questo quintetto di Liverpool sempre pù scollato dalle asperità punx 'n' roll degli esordi in favore…

04 Apr 2013 Reviews

Read more

Power – Turned On (In The Red, 2018)

Cercando dentro la pancia della In the Red non si resta quasi mai delusi, una volta inquadrato bene lo spirito…

23 Oct 2018 Reviews

Read more

Mulu – Garagebleu (Wallace, 2008)

Pop su Wallace? Non proprio, ma quasi... so che non ve lo sareste mai aspettato, ma sarebbe stupido non aspettarsi…

04 Dec 2008 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top