Enrico Ruggeri – As If (Autoprodotto, 2017)

Parte da un’idea folle questo disco di Enrico Ruggeri, anzi, di quell’idea è in qualche modo il punto d’arrivo, anche se non quello previsto. L’intenzione era di pubblicare per un mese un disco al giorno giungendo così alla cifra monstre di 30 dischi in 30 giorni: il progetto naufraga, ma una sintesi del meglio di quanto prodotto lo troviamo in questo As If. L’esplorazione continua nei territori di una musica dilatata e priva di battiti che non possiamo definire in altro modo che ambient: dopo aver forzato i limiti del genere inserendo la voce di Luca Barachetti nell’album collaborativo White Out Ruggeri torna su binari abbastanza consueti (la voce di Jennifer Williams compare solo nella breve traccia introduttiva) per un album che, stando alla cartella stampa, rappresenta la sintesi e probabilmente la fine di un percorso sonoro. In realtà, pur avendo ovvi di contatti con l’opera precedente, specie nelle morbide coltri che coprono la prima metà di // e nella gelida chiusura di /////  (con questo curioso sistema sono numerate le tracce del disco) As If contiene elementi di  novità che potrebbero orientare il percorso in direzione prima non prevedibili, pur rimanendo entro quest’ambito.  Lo capiamo presto, dalla seconda parte della già citata //: il tono si fa più inquieto, il suono, meno morbido, diventa vibrante e caldo e per qualche ragione mi vengono in mente i Popol Vuh più dilatati e meditativi. Li risento nelle prime note di ///  – brano che sembra evocare i miraggi del deserto – ed è la conferma che stiamo scendendo a sud, passando da una luce fredda e accecante ad una più calda e diffusa. È tuttavia //// ad aprire le prospettive più intriganti: qui il synth suona come una chitarra che inizialmente intreccia interessanti tessiture folk-ambient e poi, procedendo per accumulo, vira verso un luminoso post-rock. /////, di cui già ho detto, evoca gli episodi precedenti della discografia ma non riesce a riportare il disco sui vecchi binari, rappresentando così una sorta di commiato. “Ci sono suoni e cromatismi per me in buona parte inediti” dice Ruggeri  “tesi a evocare nuove possibilità di immaginazione”. L’idea è dunque quella di guardare avanti e questo disco riesce a farlo benissimo.

Tagged under: , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

The Books – 30/04/11 Interzona (Verona)

Non sono mai stato un grande fan dei The Books: sulla carta quello che fanno è interessante, ma su disco…

21 Apr 2011 Live

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 23 (02/04/15)

Puntata numero ventitre della terza stagione di The Sodapop Fizz: Maurizio Gusmerini  è ospite di Emiliano e Stefano con una serie…

08 Apr 2015 Podcasts

Read more

All My Sins – Pra Sila–Vukov Totem (Saturnal, 2018)

Se il black metal slavo gode da qualche anno di ottima salute sull’asse Polonia-Russia, cominciano ora ad emergere realtà interessanti…

11 Jan 2019 Reviews

Read more

Atomic Paracelze – Atomic Love (Invaders, 2011)

Invecchiando si dovrebbe diventare più o meno intolleranti? No, perché io lo sto diventando meno e non so se sia…

27 Oct 2011 Reviews

Read more

Former Utopia - Colapsar EP (Damnably, 2013)

Parte piano questo EP che rappresenta l'esordio di Former Utopia, trio di londoneers che compiono un viaggio in sei tracce.…

18 Mar 2013 Reviews

Read more

Vincenzo Vasi - Braccio Elettrico (Tremolo A, 2010)

Che dire di Vincenzo Vasi? Che basta guardare le foto con cui si presenta per capire che si tratta di…

16 Mar 2011 Reviews

Read more

Mulu – Garagebleu (Wallace, 2008)

Pop su Wallace? Non proprio, ma quasi... so che non ve lo sareste mai aspettato, ma sarebbe stupido non aspettarsi…

04 Dec 2008 Reviews

Read more

Eagle Twin/Pombagira - Split LP (Mordgrimm, 2010)

Pubblicato in occasione del tour che ha visto i due gruppi attraversare l'Europa, toccando anche l'Italia (se ve la siete…

30 Oct 2010 Reviews

Read more

Luther Blissett – Bloody Sound (Bloody Sound Fucktory/Eclectic Polpo/Brigadisco et…

Secondo lavoro per la interessante formazione bolognese dei Luther Blissett che ritorna dopo qualche rimaneggiamento tra le sue fila: perso…

18 Oct 2011 Reviews

Read more

James Irwin - Unreal (Autoprodotto, 2015)

Dopo l'esordio indieacustico Western Transport arriva al secondo disco James Irwin: invece di replicarsi, nella sua seconda autoproduzione il canadese…

20 Jan 2016 Reviews

Read more

Nicola Mazzocca - Mellifera (Lepers, 2021)

Nicola Mazzocca esordisce a suo nome. Buffo da dire, per un musicista che da anni imperversa scaffali, studi e palchi…

21 Jan 2022 Reviews

Read more

Squadra Omega – 06/05/10 Locanda di Campagna (Lonato – BS)

In quella che voleva essere una stagione riassuntiva con il meglio delle precedenti puntate, gli Squadra Omega (gente di Mojomatics,…

12 May 2010 Live

Read more

VV.AA. – III° Tagofest (Coproduzione, 2009)

Fa un po' tristezza pensare che questa, che doveva essere la celebrazione di uno dei festival indipendenti più rinomati della…

22 Nov 2009 Reviews

Read more

Holy Hole – Plan Z (Autoprodotto, 2012)

Dalla Toscana, via Berlino, arriva questo EP degli Holy Hole: chitarre loopate e processate fino a sciogliersi in un ambient…

18 Dec 2012 Reviews

Read more

Sator - S/T (Taxi Driver, 2015)

Cinque brani per l'esordio della band genovese più interessante nell'ambito della musica pesante: già dai primi concerti dal vivo il…

29 Jun 2015 Reviews

Read more

Adamennon - Ades (Shove, 2015)

Riprende la marcia Adamennon. Dopo lo spilt con Altaj, che avevamo segnalato come percorso un po’ laterale, Ades è un…

30 Mar 2016 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top