Enrico Ruggeri – As If (Autoprodotto, 2017)

Parte da un’idea folle questo disco di Enrico Ruggeri, anzi, di quell’idea è in qualche modo il punto d’arrivo, anche se non quello previsto. L’intenzione era di pubblicare per un mese un disco al giorno giungendo così alla cifra monstre di 30 dischi in 30 giorni: il progetto naufraga, ma una sintesi del meglio di quanto prodotto lo troviamo in questo As If. L’esplorazione continua nei territori di una musica dilatata e priva di battiti che non possiamo definire in altro modo che ambient: dopo aver forzato i limiti del genere inserendo la voce di Luca Barachetti nell’album collaborativo White Out Ruggeri torna su binari abbastanza consueti (la voce di Jennifer Williams compare solo nella breve traccia introduttiva) per un album che, stando alla cartella stampa, rappresenta la sintesi e probabilmente la fine di un percorso sonoro. In realtà, pur avendo ovvi di contatti con l’opera precedente, specie nelle morbide coltri che coprono la prima metà di // e nella gelida chiusura di /////  (con questo curioso sistema sono numerate le tracce del disco) As If contiene elementi di  novità che potrebbero orientare il percorso in direzione prima non prevedibili, pur rimanendo entro quest’ambito.  Lo capiamo presto, dalla seconda parte della già citata //: il tono si fa più inquieto, il suono, meno morbido, diventa vibrante e caldo e per qualche ragione mi vengono in mente i Popol Vuh più dilatati e meditativi. Li risento nelle prime note di ///  – brano che sembra evocare i miraggi del deserto – ed è la conferma che stiamo scendendo a sud, passando da una luce fredda e accecante ad una più calda e diffusa. È tuttavia //// ad aprire le prospettive più intriganti: qui il synth suona come una chitarra che inizialmente intreccia interessanti tessiture folk-ambient e poi, procedendo per accumulo, vira verso un luminoso post-rock. /////, di cui già ho detto, evoca gli episodi precedenti della discografia ma non riesce a riportare il disco sui vecchi binari, rappresentando così una sorta di commiato. “Ci sono suoni e cromatismi per me in buona parte inediti” dice Ruggeri  “tesi a evocare nuove possibilità di immaginazione”. L’idea è dunque quella di guardare avanti e questo disco riesce a farlo benissimo.

Tagged under: , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Vakki Plakkula - Babirussa Capibara (Le Arti Malandrine, 2009)

Altro cd ed altro supergruppo e porca troia piccoli musicofili del cazzo, non uso supergruppo a casaccio, mentre vi tenete…

06 Jun 2009 Reviews

Read more

The Spook Of The Thirteenth Lock - S/T (Transduction, 2008)

Nonostante sforni dischi postrock interessanti e abbia collegamenti con un paio di band Giapponesi, la Transduction non è una etichetta…

02 Jun 2008 Reviews

Read more

2000 - 2010: non è successo niente?

Ultimamente imperversa l'irritante campagna mediatica che accompagna l'uscita dell'ultimo libercolo del signor Simon Reynolds. Un critico, che nella musica di…

08 Oct 2011 Articles

Read more

Experimental Dental School / Eniac - Split CD (The Company…

Personalmente parlando, separando qualsivoglia più o meno lontano interesse nel propinare gli Experimental Dental School come grande imprescindibile band al…

16 Aug 2006 Reviews

Read more

Nautha - Tutti I Colori Del Buio (Hellbones, 2019)

Album volutamente inciso in presa diretta senza magheggi di  post produzione o correzioni varie. Insomma tutto come una volta  per…

09 Oct 2020 Reviews

Read more

D.B.P.I.T. / Xxena – Alien Symbiosis (Deserted Factory, 2008)

Per chi non si ricordasse D.B.P.I.T. sta per Der Bekannte Post-Industrielle Trompeter che al secolo è Flavio Rivabella, quest'ultimo oltre…

29 Nov 2008 Reviews

Read more

Ronin – Fenice (Audioglobe/Tannen, 2012)

Riprende la saga dei Ronin, senza un cambio vero e proprio, ma con un lavorio incessante verso uno stile che…

21 Mar 2012 Reviews

Read more

The Great Nostalgic – Hope We Live Like We Promised…

Derivativi certo lo sono, ma direi che il nome è già una dichiarazione di intenti, quindi da parte mia nessun…

02 Jun 2011 Reviews

Read more

Iron Molar - Sounds For An Awesome Suspension (The Fucking…

Dall'hardcore più o meno evoluto al noise più sfrigolante il passo non è certo breve, ma da tempo la strada…

24 Sep 2008 Reviews

Read more

Boslide – Questa È Una Moda Di Pazzi (Death First!,…

Ecco, io vi avevo avvertiti ma voi non mi avete dato ascolto; li avete sottovalutati e ora i Boslide sono…

05 Mar 2018 Reviews

Read more

Adriàn Juarez & Zenlu - Random Trip (Chew-Z, 2008)

Proprio di recente comprando un vecchio Nurse With Wound sono ritornato per la miliardesima volta a pensare quanto cazzo fosse…

24 Apr 2008 Reviews

Read more

Larva 108 - 99.09 Inside The Stones (Greytone, 2010)

Dopo dieci anni di registrazioni Greytone pubblica una raccolta di Larva, al secolo Guido Bisagni, dando l'opportunità di ascoltare pezzi…

09 Feb 2011 Reviews

Read more

Maurizio Abate – A Way To Nowhere (Boring Machines/Black Sweat,…

Membro del collettivo Eternal Zio e collaboratore dei più svariati musicisti (Jooklo Duo, Kawabata Makoto degli Acid Mothers Temple, BeMyDelay…)…

05 Jun 2014 Reviews

Read more

Quasi per caso... in Islanda

Lassù è un po' come trovarsi ai confini del mondo: te ne accorgi dal paesaggio, lo senti dal vento artico,…

27 Sep 2006 Articles

Read more

A Sphere Of Simple Green - With An Oblique Glance…

Gli A Sphere Of Simple Green sono un trio formato da Adriano Orrù al contrabbasso, Silvia Corda al piano preparato…

05 Feb 2018 Reviews

Read more

Passe Montage - Oh My Satan (African Tape/Ruminance, 2009)

African Tape + Ruminance = math, post, free-rock? Ma certo che sì, la soluzione più semplice a volte è la…

15 Apr 2009 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top