Enomisossab – O (CD EdisonBox, 2022)

Ascoltando una voce slegata dal corpo l’immaginazione vola. Spesso si tende a pensare chi sperimenta vocalmente come un gigioneggiatore, dati i tecnicismi. Però, concedetemelo, credo che l’onesta paghi sempre e si percepisca chi riesce ad andare oltre ed a creare veri e propri mondi.
Diciamo che si paga lo scotto d’ingresso, ma è questione di un attimo. Simone Basso è uomo di groove, trascinante e trasportante, con influssi poliziotteschi e funkettoni a tratti (Fotosintesi è un vero e proprio capolavoro in questo senso, stacco african funk, voce che levati e groove a pacchi, una crasi fra Il Gioiello Del Nilo e Shaft.
Simone ha il dono di portare dentro di sé i lustrini, lustrini che non appesantiscono le sue maschere ma lo liberano e lo rendono aereo. I brani sono abbastanza brevi, quindi le nostre orecchie rimbalzano in contesti differenti, che però seguono uno schema palindromo ben preciso.
Si parte infatti da un prologo, per passare a brani ritmici progressivi, fino ad arrivare a momenti colmi di groove, poi alla musica concreta e di lì a scendere, di nuovo, fino all’epilogo.
3 scalini per lato ed una vetta. Essendo questo “…il primo disco immaginato per chi arriverà dopo – magari con un’astronave..” secondo la presentazione di Simone stesso, quel che posso immaginare è proprio la comunicazione con chi abbia alfabeti, usanze e visioni distanti dalla nostra.
Fascino, sorpresa, seguito, immediatezza. La visione è quella di un mondo cannibalizzato e sfibrato, compromesso dalla presenza dei corpi.
E allora forse il farsi soltanto voce può essere la via, voce che prende a schiaffi, che rimbalza sulla testa come gomma pesante, che ci fa muovere a scatti portandoci ad un’ubriachezza.
Penso che Simone Basso si diverta un sacco nel suo mondo: ci sono diversi abitanti, certo, qualche altare, ovvio, dei disegni rupestri, ma soprattutto ci sono un sacco di suoni, costumi e voci colorate. Possiamo non capirne il senso ma ci beiamo seguendo l’oracolo. Lasciamo che il corpo segua il ritmo e segua il flusso, lasciamo diventare tutti noi punti in movimento di un cerchio, O, che si chiude.
Disco pazzo, di contenuto, di forma, di visione.
Disco pazzo, non cantatelo mentre lo ascoltate in cuffia, il mondo non capirebbe.
Staccate le cuffie e ballatelo insieme al mondo.

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

March Of RaDOOM - Volume 000/666

Era inevitabile, ora è successo. L’orribile Radu Kakarath rompe il silenzio e con voce sibillina, presenta una serie di brani…

22 Nov 2009 Podcasts

Read more

All Leather - When I Grow Up, I Wanna Fuck…

L'ironia ed il cattivo gusto ricordano qualcuno?...che poi sarà così ironico essendo Justin Locust gay? E il fatto che lo…

30 May 2010 Reviews

Read more

La Furnasetta - La Prima Stella (AsbestosDigit, 2018)

La strada creativa aperta dai Boredoms di Soul Discharge ha provocato dei veri e propri cortocircuiti nel modo di intendere…

13 Nov 2018 Reviews

Read more

Tanake - 3ree (Fratto9 Under The Sky/Ebria/Nipa, 2007)

Mi sono avvicinato al disco dei Tanake in modo molto curioso ma allo stesso tempo circospetto, la ragione stava nel…

28 Dec 2007 Reviews

Read more

Bessemerr - The Cultivation Of Rice (Far From Showbiz, 2008)

Nel sottobosco di piccole label, net release, tape label, CD-r, e nell'ipertrofia del mercato musicale (che comunque pare venda poco…

18 Dec 2008 Reviews

Read more

Daughter – 10/07/13 Teatro Arena Conchiglia (Sestri Levante – GE)

Bella sorpresa il cartellone del Mojotic quest'estate, con una programmazione che punta a nomi di richiamo, come una cittadina turistica…

19 Jul 2013 Live

Read more

Clara Clara - AA (SK, 2008)

A parte una evidente e malcelata passione per la lettera A, allitterata e ripetuta all'eccesso tra nome del gruppo e…

14 Sep 2008 Reviews

Read more

Satan Is My Brother - S/T (Autoprodotto, 2006)

"777 the neighbour of the beast" recitava una vecchia maglietta degli House Of Pain, tempi in cui l’hip hop era…

28 Nov 2006 Reviews

Read more

Adriano Zanni - Soundtrack For Falling Trees (Bronson, 2017)

Adriano Zanni è l'uomo delle sorprese. Non ci aspettavamo il suo ritorno sulle scene col 7" Falling Apart e ora…

07 Aug 2017 Reviews

Read more

Ffatso - Mano Nera (Setola Di Maiale, 2009)

Un nuovo disco targato Setola Di Maiale in ambito più marcatamente jazzistico: l’amore di Stefano Giust per il genere ed…

16 Jul 2009 Reviews

Read more

AfarOne - Lucen (Karlrecords, 2012)

Un disco da dopo calura estiva? Forse sì, AfarOne è un ragazzo italiano trasferitosi in Spagna, l'etichetta è quella Karlrecords…

27 Sep 2012 Reviews

Read more

Zeno Gabaglio/Andrea Manzoni - Gadamer (Altrisuoni/Radiosvizzera, 2008)

Per fortuna invecchiando oltre a rincoglionirmi sono diventato due righe (non tanto, ma giusto due righe) meno affrettato, quel tanto…

26 Jan 2009 Reviews

Read more

Chad VanGaalen – Soft Airplane, B-Sides (SubPop, 2009)

Non lo sentivo nominare dal carino, ma presto archiviato Skelliconnection nel lontano 2006: Chad VanGaalen, musicista canadese di Calgary, Alberta.…

02 Jun 2010 Reviews

Read more

Sodapop Fizz – Anno 3 Puntata 5 (06/11/14)

Quinta puntata della terza stagione di The Sodapop Fizz: Emiliano e Stefano in diretta con l'ospite speciale Vasco Viviani di…

10 Nov 2014 Podcasts

Read more

Mingle – Static (Kvitnu, 2015)

Viaggia solo stavolta Andrea Gastaldello, in arte Mingle, dopo le ottime uscite in compagnia di Andrea Faccioli e Deison (ben…

09 Oct 2015 Reviews

Read more

MSMiroslaw - Organes De La Voix, Chants Funėbres Pour AHYHW…

Il legame di Mirko Santoru/MSMiroslaw  con la Sardegna, la sua terra, va ben oltre la semplice esistenza fisica del musicista:…

22 Jul 2018 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top