ElectroAcousticSilence – Flatime (Amirani/Grim, 2010)

Ieri sera mentre facevo zapping, mi trovo di fronte a questa formazione che ad Umbria Jazz esegue Imagine come pezzo di apertura del live: che dire?… Che quel pezzo mi fa schifo? Che da sempre quando lo ascolto provo quasi simpatia per Italo Balbo e per la sua idea di effettuare i bombardamenti a tappeto sui civili? Ma soprattutto che quello che mi fa più schifo di tutto è vedere queste bande di "marchettari da salotto" che fanno sì che la moglie dell'assessore dica di essersi divertita "alla serata jazz"? Che il reazionario de "il Grande Jazz", sentendosi un amante della "musica di qualità" ascolti e, peggio ancora, pretenda di ascoltare da sempre lo stesso disco, lo stesso pezzo, gli stessi standard, gli stessi incastri strumentali e le stesse melodie senza farsi troppe domande su quello che si pari dietro questo modo di ragionare e di vivere?. Lor signori "scelghino" la risposta che li aggrada maggiormente.
Ma sì, perché prendersela, in fin dei conti è perfettamente in linea con il modo di pensare di questo paese in cui tutto è "vecchio" e non tanto per età anagrafica (che in sé non avrebbe nulla di male) ma per modo di vivere e di ragionare, con quell'odio nei confronti dei ragazzini tipico dei maiali di "Salò e le 120 giornate di Villa Certosa". Detto questo l'ElectroAcousticSilence, pur standoci molto stretto nella definizione di jazz (forse ne incorpora giusto delle scorie) tanto come in quella di musica contemporanea, attesta come ci sia chi contrasta il passatismo senza per questo sviluppare un discorso che a suo modo si lega ad un contesto e che al contempo si sviluppa da una tradizione. Il rodatissimo duo Cosottini/Pisani in questo capitolo si allarga a Andrea Melani alla batteria, Filippo Pedol al contrabbasso e basso elettrico e Taketo Gohara al sound design. Per quanto non sia musica per chiunque, si tratta comunque di uno dei lavori più fruibili del giro che ruota attorno al Grim. Schegge di jazz aggiornate al nuovo millennio come in Letter, alcune delle consuete soluzioni da background colto come in Vox, Ming's Attempt o Blue. Sul disco trovano spazio diversi frammenti di musica free giocata su un grosso controllo e quindi molto "tenuta" come in Moretimex. Spesso il gioco è quello dei due fiati all'unisono che ricamano sul canovaccio fornito da basso e batteria e dove l'elettronica o palleggia con i primi o con i secondi, oppure lavora sul fondale colorando il tutto, per di più mi pare che spesso i suoni utilizzati da Gohara sfruttino come sorgenti gli strumenti degli altir musicisti. Si tratta di un bellissimo lavoro che potrebbe quasi piacere anche a quei redneck del pensiero a confronto dei quali i Kajoun di I Guerrieri Della Palude Silenziosa sono gente ospitale. Pensare ai jazzisti affermati che aprono ad Umbria jazz facendo cantare Imagine alla solita strafiga del giro, mi fa venire in mente di quando i jazzisti neri come Armstrong si dovevano comportare da "negro della capanna dello Zio Tom", ma era un altro contesto culturale, altri tempi e purtroppo si trattava di un' America ancora profondamente razzista (come se per altro oggi non lo fosse). Nel caso di Imagine non si tratta di Flatime ma di "past times" e questi tempi passati lasciamoli riposare in pace ovunque si trovino loro, "il Grande Jazz", "i Grandi del Jazz", Imagine, Lennon ed i "bei tempi andati", che se sono "andati" un perché ci sarà o no?!. Allo stato attuale delle cose vivere nel presente è già sufficientemente difficile.

Tagged under: , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Ninni Morgia & Marcello Magliocchi – Season Two (Solar Ipse,…

La parola scritta si fa suono e così Solar Ipse, ottima fanzine cartacea, si trasforma in etichetta discografica per dare…

19 Jun 2012 Reviews

Read more

The Eagle Twin Ascend the Iceburn: intervista a Gentry Densley

Dopo aver ripercorso la carriera di Gentry Densley dagli esordi (Iceburn) ai nostri giorni (Ascend e Eagle Twin) nell'articolo monografico,…

07 Mar 2012 Interviews

Read more

Two Dead Bodies - Reflect (Afe/Bar La Muerte, 2006)

I due cadaveri nelle sacche nere sono quelli di Luca e Andrea al secolo chitarra e voce degli I/O e…

11 Sep 2006 Reviews

Read more

Dino Betti Van Der Noot - God Save The Earth…

Nel caso di God Save The Earth ci troviamo di fronte ad un disco che bene o male bazzica l'ambito…

13 Nov 2009 Reviews

Read more

Murder - Tu M'Uccidi (Autoprodotto, 2010)

Sorpresa sorpresa! I Murder ti ammazzano sul serio, ma né di noia né dalle risate. Al secolo Carlo Marrone…

21 Mar 2010 Reviews

Read more

Host Skull – Totally Fatalist (Antephonic, 2011)

Sconcertante è l'unico termine che può descrivere questo lavoro di una band, gli Host Skull, che sono in realtà due,…

12 Oct 2011 Reviews

Read more

Port Of Souls - The Life And The Damage Done…

Ancora garage roll al fulmicotone. Dopo qualche assestamento nella formazione ritorna il quartetto meneghino più californiano della barriera di…

23 Nov 2011 Reviews

Read more

The Soul - Hardfunkinvasion (Autoprodotto, 2009)

Lo avevamo incontrato sulla doppia compilation di funk italiano assemblata sotto la supervisione di Bobby Soul ed ecco qui il…

01 Nov 2009 Reviews

Read more

H!U/Stelvio – Pulsatilla (Casetta/Subincision/Light Item, 2018)

Il percorso artistico di H!U – giunto alla quinta tappa - si fa stavolta meno solitario grazie a Stelvio, che…

09 Jul 2018 Reviews

Read more

Heroin in Tahiti - Peplum (Yerevan Tapes, 2014)

Tornano con un 7" i romani Heroin In Tahiti e tornano pure quelle atmosfere "psichedelizziottesche" di borgata che tanto…

07 May 2014 Reviews

Read more

Mingle &The Land Of The Snow -Vuoto/Leere (Luce Sia, 2016)

C’è in rete un video di Giovanni Lindo Ferretti girato sulle sue montagne, pochi secondi di ripresa e una breve…

20 Jan 2017 Reviews

Read more

Hidden Reverse - Six Cases Of Sleep Disorder (Azoth, 2017)

Gli Hidden Reverse sono Simon Balestrazzi e Massimo Olla, che qui danno seguito alla notevole cassetta edita qualche anno fa…

18 Dec 2017 Reviews

Read more

Sergeant Buzfuz - Here Come The Popes (Part Three) (Blang,…

Here Come the Popes è una serie di singoli incisa dai Sergeant Buzfuz, bizzarra compagine di stanza a South London,…

11 Nov 2009 Reviews

Read more

Neubau - Rymdmyr (Digital Nonine, 2008)

Nuova etichetta di elettronica da Berlino, per quanto di "elettronica" si tratti il termine tutto sommato va relativamente stretto alla…

08 Jun 2008 Reviews

Read more

Belanov - Paragraph (Dying Giraffe, 2008)

Dopo essere recentemente passati per l'Italia in occasione di un minitour che ha toccato esclusivamente il nord della Lombardia (!)…

24 Oct 2008 Reviews

Read more

The Martha’s Vineyard Ferries - Mass. Grave (Africantape, 2013)

Da una battuta tra amici nasce il nome di questo trio formatosi quasi per caso e composto per i due…

09 Jan 2014 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top