ElectroAcousticSilence – Flatime (Amirani/Grim, 2010)

Ieri sera mentre facevo zapping, mi trovo di fronte a questa formazione che ad Umbria Jazz esegue Imagine come pezzo di apertura del live: che dire?… Che quel pezzo mi fa schifo? Che da sempre quando lo ascolto provo quasi simpatia per Italo Balbo e per la sua idea di effettuare i bombardamenti a tappeto sui civili? Ma soprattutto che quello che mi fa più schifo di tutto è vedere queste bande di "marchettari da salotto" che fanno sì che la moglie dell'assessore dica di essersi divertita "alla serata jazz"? Che il reazionario de "il Grande Jazz", sentendosi un amante della "musica di qualità" ascolti e, peggio ancora, pretenda di ascoltare da sempre lo stesso disco, lo stesso pezzo, gli stessi standard, gli stessi incastri strumentali e le stesse melodie senza farsi troppe domande su quello che si pari dietro questo modo di ragionare e di vivere?. Lor signori "scelghino" la risposta che li aggrada maggiormente.
Ma sì, perché prendersela, in fin dei conti è perfettamente in linea con il modo di pensare di questo paese in cui tutto è "vecchio" e non tanto per età anagrafica (che in sé non avrebbe nulla di male) ma per modo di vivere e di ragionare, con quell'odio nei confronti dei ragazzini tipico dei maiali di "Salò e le 120 giornate di Villa Certosa". Detto questo l'ElectroAcousticSilence, pur standoci molto stretto nella definizione di jazz (forse ne incorpora giusto delle scorie) tanto come in quella di musica contemporanea, attesta come ci sia chi contrasta il passatismo senza per questo sviluppare un discorso che a suo modo si lega ad un contesto e che al contempo si sviluppa da una tradizione. Il rodatissimo duo Cosottini/Pisani in questo capitolo si allarga a Andrea Melani alla batteria, Filippo Pedol al contrabbasso e basso elettrico e Taketo Gohara al sound design. Per quanto non sia musica per chiunque, si tratta comunque di uno dei lavori più fruibili del giro che ruota attorno al Grim. Schegge di jazz aggiornate al nuovo millennio come in Letter, alcune delle consuete soluzioni da background colto come in Vox, Ming's Attempt o Blue. Sul disco trovano spazio diversi frammenti di musica free giocata su un grosso controllo e quindi molto "tenuta" come in Moretimex. Spesso il gioco è quello dei due fiati all'unisono che ricamano sul canovaccio fornito da basso e batteria e dove l'elettronica o palleggia con i primi o con i secondi, oppure lavora sul fondale colorando il tutto, per di più mi pare che spesso i suoni utilizzati da Gohara sfruttino come sorgenti gli strumenti degli altir musicisti. Si tratta di un bellissimo lavoro che potrebbe quasi piacere anche a quei redneck del pensiero a confronto dei quali i Kajoun di I Guerrieri Della Palude Silenziosa sono gente ospitale. Pensare ai jazzisti affermati che aprono ad Umbria jazz facendo cantare Imagine alla solita strafiga del giro, mi fa venire in mente di quando i jazzisti neri come Armstrong si dovevano comportare da "negro della capanna dello Zio Tom", ma era un altro contesto culturale, altri tempi e purtroppo si trattava di un' America ancora profondamente razzista (come se per altro oggi non lo fosse). Nel caso di Imagine non si tratta di Flatime ma di "past times" e questi tempi passati lasciamoli riposare in pace ovunque si trovino loro, "il Grande Jazz", "i Grandi del Jazz", Imagine, Lennon ed i "bei tempi andati", che se sono "andati" un perché ci sarà o no?!. Allo stato attuale delle cose vivere nel presente è già sufficientemente difficile.

Tagged under: , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Claudio Rocchetti ‎- Some Songs (Backwards, 2014)

Un dodici pollici inciso su un lato solo, con serigrafia sul lato B e copertina con foto di Fabio Orsi:…

16 Jun 2015 Reviews

Read more

Key-Lectric - Blanking Generator (Stuprobrucio, 2009)

Ho avuto l’occasione di sentire in concerto Key-Lectric durante una loro lontana trasferta eporediese e di quella sera mi era…

23 Apr 2009 Reviews

Read more

Bobby Soul E Les Gastones - 28/06/09 (Nervi - GE)

Non sarebbe nostra intenzione dare spazio ai deliri del bieco Radu Kakarath: i suoi folli progetti, chi ci segue…

07 Sep 2009 Live

Read more

Khem – The Cross (Old Europa Cafè, 2013)

Ancor più che un collettivo, come essi stessi si definiscono, Khem mi pare essere un’entità dotata di un proprio carattere…

18 Apr 2014 Reviews

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 21 (12/03/15)

Puntata numero ventuno della terza stagione di The Sodapop Fizz: Andrea Valentini è ospite di Emiliano e Stefano con una abbondante…

16 Mar 2015 Podcasts

Read more

Marta De Pascalis – Quitratue (Autoprodotto, 2014)

Marta De Pascalis l’abbiamo conosciuta grazie alla compilation Burnt Circuits Kept Under My Bed, dove si segnalava con uno dei…

20 Feb 2015 Reviews

Read more

G. C. Neri - Logos (Black Widow, 2008)

Forse un po' in anticipo sui tempi di uscita, segnalo comunque questo nuovo progetto del polistrumentista genovese Giorgio C.…

11 May 2008 Reviews

Read more

Benjamin Finger / Mia Zabelka / John Hegre - Live…

Ancora un’occasione per apprezzare il gioco di contrasti e la ricerca linguistica di Benjamin Finger di cui già avevamo potuto…

13 Sep 2019 Reviews

Read more

Luca Sigurtà - Bliss (Fratto9 Under The Sky, 2012)

Luca Sigurtà pubblica per la Fratto9 di Gianmaria Aprile il disco solista Bliss, che va ad aggiungersi ad una folta…

24 May 2012 Reviews

Read more

Wojaz - Hengienmaa (Future Lunch, 2017)

Hengienmaa di Wojaz, one man band finlandese qui alla terza prova, ci è arrivato per tramite di Paolo Monti/The Star…

24 Jul 2017 Reviews

Read more

Amusin' Projects - Mistery In The Making, Vol. 3 (Autoproduzione,…

Rimaniamo in ambito bizarre, ma stavolta su differenti coordinate. Amusin Projects, autentica dichiarazione di intenti, è il progetto dietro cui…

19 Sep 2021 Reviews

Read more

Donato Epiro – Fiume Nero (Black Moss, 2014)

Era un po’ che Donato Epiro, impegnatissimo coi suoi Cannibal Movie, non si faceva vivo con un disco a suo…

22 May 2014 Reviews

Read more

NG + Camerata Mediolanense + Khem + (r) – 21/06/2014…

Si festeggia il solstizio d’estate nei sotterranei del Ligera, un evento per  pochi intimi caratterizzato da un’atmosfera rilassata e familiare.…

11 Jul 2014 Live

Read more

37500 Yens - Astero (Distile, 2007)

Mi scuso per la banalità e per la noia che provoco nel continuare a ripeterlo, se rock dev'essere e proprio "post rock"…

16 Sep 2007 Reviews

Read more

CorLeone – Blaccahènze (Etnagigante, 2013)

È davvero un piacere ritrovare Roy Paci nelle vesti di musicista hard e sperimentatore con cui lo avevamo conosciuto ai…

19 Mar 2013 Reviews

Read more

Little Black Dress - Dunes EP (Idol, 2013)

Gli EP sono creature strane. Benedetti se si deve parlare di qualcosa che è mediocre, terribilmente dolorosi se si tratta…

02 Aug 2013 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top