Bastion – S/T (Interregnum, 2009)

Non ce li saremmo mai aspettati così scuri, l’emiliano Yukka Reverberi e il tarantino Valerio Cosi; ma la particolarità dell’incontro, così come il terreno su cui si svolge, un CD edito dalla norvegese Interregnum, deve aver evidenziato gli aspetti più reconditi della personalità artistica dei due, per concentrarli in quaranta minuti di musica, racchiusa in un bel digipack ruvido, dalla grafica informale (intesa come corrente artistica).
Soli a maneggiare un armamentario fatto di sintetizzatori, elettronica varia, sax, voci e (poche) chitarre, Bastion lavora in zone dove l’industrial e l’ambient più sporco collidono, partorendo una musica apparentemente statica, che pare avere davvero poco di umano e tendere invece all’ultraterreno, nell’accezione più orrorifica del termine. La lenta vibrazione noise di Ohm, che va man mano addensandosi per poi svanire improvvisamente, ci porta in prossimità dell’isolazionismo caro al Lull più inquietante ed è il miglior preludio possibile alla successiva 69, Blau Und Werss. Qui si sconfina nell’industrial scandinavo, Brighter Death Now e dintorni, frequenze discontinue generate da macchinari lamentosi, a cui si avvinghia qualche timida melodia chitarristica, battiti funerei, clangori metallici, come un black metal filtrato attraverso le macchine: (unholy) ghost in the macchine. Poi l’album svolta (e non poteva essere altrimenti, se non si volevano tamponare gli MZ 412) e in Dancing Bones, un sax free prova a vivificare il corpo del noise, sovrapponendosi al faticoso procedere delle frequenze disturbate; ma l’elettronica reagisce e tenta nuovamente di prevalere: lo scontro, un efferata escalation, porta all’apice di rumore dell’intero album, prima che i suoni, sfiniti, svaporino. Sembra davvero che tutto sia stato dato, perché la conclusiva Red Star è una sinfonia rarefatta dove il sintetizzatore dipinge un ambient pacificato e quasi chiesastico, che riecheggia i Popol Vuh a spasso nei giardini del faraone. Ma non può esserci lieto fine: una voce ubriaca ritrascina il rumore sulla scena e sono allora il caos egli strumenti impazziti ad accompagnarci all’uscita.
Nulla di nuovissimo sotto il sole, ovvio, ma si tratta di musica molto ben fatta e col valore aggiunto, ripeto, di trovare questi due a cimentarsi con una materia per loro così inusuale. Non vi innamorereste di Rihanna (musicalmente, intendo…), se pubblicasse un album alla Minor Threat?

Tagged under: , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Konstrukt & Keiji Haino - A Philosophy Warping, Little By…

L’ensemble free-impro turco Konstrukt, dopo aver condiviso dischi e performance con artisti importanti della scena improv internazionale, invita a collaborare…

01 Sep 2018 Reviews

Read more

Fvrtvr - Demon Cycle 1-9 (Niente, 2010)

L'etichetta dietro alla quale si muovono gli St.ride si allarga e con questa nuova uscita oltre ad aprire ai musicisti…

04 May 2010 Reviews

Read more

Simon Balestrazzi - Early Works (1979–1982) (Azoth, 2016)

Quello che vedete in copertina può sembrare un registratore a nastro ma non lo è: è una macchina del tempo…

06 Mar 2017 Reviews

Read more

Savage Republic – 27/01/10 Kroen (Villafranca – VR)

Non era vero niente, avevamo scherzato: il Kroen c'è ancora, gode di ottima salute e continua a proporre ottima musica.…

01 Feb 2010 Live

Read more

This Will Destroy You - Tunnel Blanket (Monotreme, 2011)

"Post-rock will never die...but you will" giusto per menzionare il titolo dell'ultimo Mogwai ed anche per iniziare a mettere le…

31 Mar 2011 Reviews

Read more

AA.VV. - Sampler (Velak, 2010)

Questa compilation della Velak records mette assieme una serie di tracce elettroacustiche di musicisti che non avevo mai sentito prima,…

01 Aug 2011 Reviews

Read more

Cobra Experience – 04/11/10 Locanda Di Campagna (Lonato - BS)

Ultimo concerto dell'anno alla Locanda (si riprenderà a primavera) con il nome da me più atteso, quei Cobra Experience che…

21 Sep 2010 Live

Read more

Bobby Soul E Les Gastones - 73% Phunk (Inmusica/Altoparlante, 2008)

Educato, ma fieramente maschilista, Bobby Soul ritorna, riformulando, ammorbidendo, impastando il precedente Draghi Rossi Buchi Neri; questa volta doppiando…

15 Jul 2008 Reviews

Read more

Kick – Light Figures (Anomic/Dischi Sotterranei/Sour Grapes, 2022)

Eleganza, buon gusto, stile, voce femminile, occhiali neri. Il secondo disco dei Kick, duo con batterista aggiunto (così si evince dalle…

19 Apr 2022 Reviews

Read more

Sleepmakeswaves - Love Of Cartography (Bird's Robe Records, 2014)

Un imperdonabile ritardo è quello che caratterizza principalmente queste recensione. Mi spiace. Ho fatto cose, visto gente, non ho ascoltato…

13 Mar 2015 Reviews

Read more

Gräfenberg - The Grind Album (Solitude Beast, 2010)

Dopo i Crampi Punk, i Void, i Kermit e la cronaca nera condita a botte di amianto ecco qualcosa di…

05 Jan 2011 Reviews

Read more

Musica Per Bambini - Capolavoro (Trovarobato, 2014)

Il twist che si racchiude nella testa di Manuel Bongiorni è davvero difficile da codificare. Il one-man-band piacentino, qui all'ennesima…

21 Oct 2014 Reviews

Read more

Merzbow – MONOAkuma (Room40, 2018)

Se un amico neofita mi chiedesse 10 dischi fondamentali per comprendere il genere noise, tra quei dieci ce ne sarebbero…

13 Dec 2018 Reviews

Read more

Agatha – Goatness (Wallace/Basement City, 2011)

Evolutesi a power-duo dopo l'abbandono della chitarrista ormai a tempo pieno nei Verme, le Agatha si sono reinventate, allenandosi…

23 Feb 2011 Reviews

Read more

Mulo Muto/Beta – Tape Crash #11: The Examination (Old Bicycle,…

Nell’undicesimo scontro della serie su cassetta ideata dalla Old Bicycle estraiamo dalle lamiere gli svizzeri Mulo Muto e i padani…

14 Sep 2015 Reviews

Read more

Billy Torello – Ultime Notize Dalla Tartaruga, Chitarra Vol. 2…

Il fingerpicking non è una cosa nuova, tutt'altro, ma dalle nostre parti, contrariamente a quanto accade altrove, è un genere…

11 Dec 2012 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top