Barachetti/Ruggeri – White Out (Ribéss/DreaminGorilla, 2016)

Luca Barachetti (già voce nei post-blues Bancale) ed Enrico Ruggeri (ex Hogwash e da tempo impegnato come solista presso tutt’altri lidi) arrivano al disco dopo che li sodalizio è stato testato in diverse esibizioni dal vivo, pratica empirica sempre più in disuso ma oltremodo utile, a maggior ragione in un caso dove la riuscita dell’alchimia non era affatto scontata: ascoltando il precedente lavoro di Ruggeri mi sembrava poco adatto ad accogliere la voce umana, se non forse sporadicamente. Il punto è tuttavia proprio questo: la musica qui è intagliata intorno alla voce, le fa spazio e se lo prende, ora adeguandosi fino a sparire, ora dettando le cadenze costringendola a loop ed effetti tanto che non saprei dire se in fase di composizione sia venuto prima il suono o la parola; non è comunque cosa su cui sia importante dilungarsi mentre è tempo di venire al disco. White Out è un concept sul volontario crepuscolo dell’Occidente che si focalizza sull’individuo, evitando sermoni e trattazioni sui massimi sistemi; utilizza un linguaggio ricercato che inizialmente sembra astrarre il quotidiano ma che via via si fa sempre più concreto, tangibile, corporeo (proprio le immagini del corpo ricorrono ossessivamente dalla metà in poi), come se la visione si facesse sempre più nitida fino al capolinea di Fiume Verticale, un’epifania apocalittica a base di voce, organo synth, chitarra e percussioni. Prima di arrivarci il percorso è però lungo: sono dodici canzoni in un’ora, tante parole e musica spesso scontrosa che non ammettono un ascolto distratto; White Out non è una passeggiata, ma intraprenderla può valere la pena. In un ambiente particolare (non è un album di canzoni ma nemmeno uno spoken word musicato) Ruggeri ha l’occasione di sfoggiare un campionario ampio che mette in fila, oltre agli attesi soundscape, aperture post-rock, percussività industriali e sintetiche, brandelli di elettronica spigolosa che a volte si armonizzano, altre contrappuntano parole e testi, segno di un lavoro certosino e di un riuscito affiatamento col compagno di viaggio. Barachetti sfoggia uno stile vocale mutuato da modelli nobili – in primis citerei Giovanni Lindo Ferretti e il Giovanni Succi dei Bachi Da Pietra pre-heavy metal (influenza già in parte sublimata nei Bancale) – ma non di rado dimostra il raggiungimento di una cifra stilistica personale che lo affranca da troppo facili rimandi. È il suo un “quasicantato” indolente che caratterizza subito in apertura una Dolore Bianco dal suono scarno e spettrale e che ritroviamo nel pulsante brano eponimo, in una Cretto Del Vero sporca di suoni sintetici e fulminea, in una Uomo Occipitale dalle atmosfere post-warpiane. Ma anche dove i rimandi ai succitati artisti sono evidenti (Corpo Occidente, Pulsa, Uomo Scritturato) la cosa non disturba, anzi la scelta è felice: fare i conti con certi personaggi, specie quando si frequentano certe latitudini, è cosa doverosa nonché produttiva poiché dona varietà a un’opera che, giocata su un unico registro, avrebbe rischiato un’insopportabile monotonia. D’altra parte, lo ribadisco, non siamo al cospetto di un disco facile: anche se avvezzi a certe sonorità in alcuni punti, specie dopo un po’ dall’inizio, si fatica a tenere viva l’attenzione, ma su un lavoro tanto lungo e complesso è difetto perdonabile e forse aggirabile con un ascolto centellinato, un po’ come si farebbe con la lettura di un libro. Sorprende invece che in un’opera così organica sia possibile estrarre dei brani pienamente godibili in autonomia e mi riferisco alle già citate White Out e Uomo Occipitale e a Pulsa, dotate di un’anomala vena pop. In definitiva è questo un disco che consente all’ascoltatore di battere diversi percorsi e ai musicisti di avere una base sicura per intraprenderne di nuovi in futuro e ciò è certamente un bene.

Tagged under: , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Kitchen Door - Sodapop Edition n.1

Ecco il richiestissimo ritorno del funambolico duo del nord-est: i nostri diggei ci propoinano anche questa volta una degna scaletta…

20 May 2009 Podcasts

Read more

Einsturzende Neubauten + Deus + Blond Redhead - 01/09/2018 Piazza…

Tre headliner di tutto rispetto per una serata dal sapore quasi antico. E’ innegabile osservare come sia Deus che Blond…

09 Sep 2018 Live

Read more

Andrew Quitter - Forgotten Farms (Diazepam, 2012)

Andrew Quitter pubblica un cassetta C30 per la Diazepam di Mauro Sciaccaluga (Ur, Shiver, Wailing Of The Winds) dal sapore…

11 Apr 2013 Reviews

Read more

Corrections House - Last City Zero (Neurot, 2013)

Con Corrections House ancora una volta ci troviamo tra La Strada di Cormac McCarthy e Walking Dead. Scott Kelly ormai…

18 Feb 2014 Reviews

Read more

Camilla Pisani - Frozen Archimia (Midira, 2020)

Camilla Pisani approda sulla tedesca Midira con un nuovo lavoro che esprime bene la consapevolezza della sua visione. I sei…

17 Mar 2020 Reviews

Read more

Gianni Lenoci/Gianni Mimmo - Reciprocal Uncles (Amirani, 2010)

In contemporanea al duo che vede coinvolto Cristiano Calcagnile e Monica Demuru (Blastula) la Amirani spara quest'altra coppia che vede…

06 Apr 2010 Reviews

Read more

Barn Burning - Werner Ghost Truck (Tarnished, 2007)

Barn Burning è il titolo di un racconto di Faulkner: se conoscete questo scrittore e date una occhiata al campo…

25 Feb 2007 Reviews

Read more

Sakee Sed – Alle Basi Della Roncola (Mousemen, 2010)

Quelle contenute in Alle Basi Della Roncola, esordio dei Sakee Sed, sono canzoni da balera, o da saloon, suonate con "sentimento…

24 May 2010 Reviews

Read more

AA.VV. - Quit Having Fun (Boring Machines, 2009)

Prima compilation per Boring Machines, e anche se non sono assolutamente un fan della raccolte in genere (per non parlare…

06 Nov 2009 Reviews

Read more

Adamennon – MMXII (Autoprodotto, 2012)

C'erano ancora margini di sviluppo nel discorso musicale di Adamennon dopo l'album Nero, che pur avevamo identificato come punto di…

19 Dec 2012 Reviews

Read more

Il Lungo Addio – Fuori Stagione (Wallace/Old Bicycle, 2016)

Nonostante gli illustri nomi che accompagnano il progetto, il lavoro del Lungo Addio risulta fiacchissimo e noioso fin dalle prime…

28 Oct 2016 Reviews

Read more

Papier Tigre - Recreation (Africantape/Murailles Music, 2012)

Un amico entra in casa mentre ascolto Recreation ed esclama:"Ah. Sei nel periodo Shellac?". Ok. Magari non è proprio l'amico,…

03 Apr 2012 Reviews

Read more

...qualcosa come Old Bicycle Records ma 10 anni fa: Haru…

A volte basta un input per scatenare il passato, ricostruendo il percorso che ci ha portato fino a questo momento…

08 Aug 2016 Articles

Read more

Prospekt - Airlines (Intellilab, 2008)

Ed eccolo qui il secondo lavoro dei bresciani Prospekt: dalla musica per aeroporti a quella già in volo. Un deciso…

04 May 2008 Reviews

Read more

Alessandro Ragazzo – Cinque Studi Sul Paesaggio (Disipatio, 2020)

Prima uscita sulla lunga distanza per Alessandro Ragazzo, musicista di area veneta che dopo alcune cassette e cdr esordisce sulla…

11 Jan 2021 Reviews

Read more

Yama-Akago - Wheel Of Fortune (Sottomondo, 2008)

Alla faccia di chi pensa che anche nel bel pese non ci siano etichette con un fegato spaventoso un’altra uscita…

28 Sep 2008 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top