since 1997, our two cents on indie/punk/post/electronica and more...

Olivier Brisson – Horizon Capiton (Nashazphone, 2018)

Olivier Brisson si definisce “musicista occasionale e manipolatore di percussioni e vari strumenti”: Horizon Capiton è il suo primo disco, ma in passato ha collaborato già con parecchi musicisti tra cui Pascal Comelade per cui non si può proprio parlare di un esordiente. Il disco è un unico viaggio sonoro a base di campionamenti presi…

Read more

Cup – Hiccup (Aagoo, 2017)

A fine anno Aagoo decide di concludere le uscite con qualcosa di classico ma fresco: Cup è il nome dietro cui si nasconde Tym Wojcik, originario di Houston ma di base a New York, che a quanto mi dice Google pare avere abbandonato la scrittura di poemi per dedicarsi alla musica. Onestamente non ho letto…

Read more

Owun – 2.5 (Atypeek Music/Reafførests, 2017)

Tornano gli Owun e continuano questa loro seconda vita iniziata qualche anno fa con il precedente Le Fantôme De Gustav, 2.5 è infatti il secondo album di questa fase della loro carriera nonché il quinto in totale e devo dire che da quando new wave e accenni di ambient e drone si sono inseriti nel…

Read more

A Sphere Of Simple Green – With An Oblique Glance (Azoth, 2017)

Gli A Sphere Of Simple Green sono un trio formato da Adriano Orrù al contrabbasso, Silvia Corda al piano preparato e Simon Balestrazzi alle elettroniche/rumori/campioni ed escono per l’etichetta di quest’ultimo, la Azoth. Il trio è al secondo disco dopo parecchi anni di distanza dal primo e dichiara di non suonare quasi mai assieme, interessante…

Read more
Back to top