Low – Double Negative (Sub Pop, 2018)

Quest’estate si è iniziato a parlare di Double Negative, disco che porta i Low verso sonorità più elettroniche: l’uscita è stata anticipata da un discreto battage, in molti hanno dichiarato in fretta il disco dell’anno e qualche fan deluso ha borbottato nei commenti dei social… un elenco di cose al contorno che non mi ispirava né l’ascolto né la riflessione sul tema: ma si dà il caso che i Low siano uno di quei gruppi che volere o no puntellano la mia vita con la loro musica e proprio in quest’anno non potevo trascurare questo piccolo grande evento. Cambiare invecchiando e restare sé stessi non è facile (e… non vale solo per le band): i Low sono uno degli ultimi mostri sacri dei novanta che sia davvero in attività senza essere una pietosa cover band di sé stessi (altri nomi? Yo La Tengo… e poi?) e a questo giro hanno sfornato davvero un bel disco, basandolo su due elementi: il primo, di cui si parla meno, è il fatto di avere messo giù un buon numero di belle canzoni e nei loro dischi non accadeva da parecchio (non solo due, tre pezzi come facevano ultimamente) e il secondo punto, che è stato interpretato in vario modo, è l’avere scelto di pubblicare direttamente un disco di remix, una rielaborazione elettronica dei loro brani senza dare in pasto al pubblico la versione “rock” degli stessi. Ho atteso la data del concerto a Milano (che ho mancato sempre per i casi della vita) prima di esprimermi e il fatto che dal vivo i pezzi siano praticamente stati suonati nel loro stile “classico” mi dà conferma di quanto sopra: BJ Burton e la band hanno rimescolato in modo magistrale in fase di produzione quello che probabilmente era già un buon disco in partenza. Il suono ha un ruolo fondamentale in Double Negative ed è l’elemento che fa da collante nell’unico magma che compone il disco, la malinconia crepuscolare che sgorga da ogni frequenza slabbrata e riverberata accompagna il mio autunno in modo magistrale e porta a pensare che il concetto dello slowcore 90s rivisto in chiave elettronica al confine con l’industrial non sia altro che il punto di vista di qualcuno che arriva dagli anni novanta e dà la sua visione del futuro: esattamente come la superba colonna sonora di Blade Runner 2049 (nessun brano, solo sound design e rielaborazioni del tema classico) accompagnava un film che ha incarnato in modo esemplare una narrazione di quello che ci aspetta, ma visto con gli occhi del passato. C’è il rosa in copertina, ma c’è anche il nero… cupo, crepuscolare e liricissimo Double Negative è un vero ascolto catartico: tra bassi che pulsano come cuori rappezzati, strumenti a corda talvolta trasformati in fruscii e voci qua e là filtrate forse tra le nuvole nere si intravede all’orizzonte un po’ di rosa… quello del tramonto?

Tagged under: , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Roncea & The Money Tree - S/T ep (Electric Cave/Canalese…

Nicholas Roncea ha pubblicato un paio di anni fa Eight Part One, un album molto bello che, in teoria doveva…

14 Sep 2016 Reviews

Read more

Gesuco Razzati – S/T (Autoprodotto, 2013)

Manufatto di pregevole fattura, il CDr dei Gesuco Razzati, misterioso combo eporediese cultore del rumore prodotto con aggeggi elettronici e…

09 May 2013 Reviews

Read more

Wailing Of The Winds - S/T (Diazepam, 2011)

Continuano le uscite di Mauro Sciaccaluga (Shiver, Ur, Stalker, Downright) per la sua Diazepam, con una cassetta a nome Wailing…

23 Mar 2012 Reviews

Read more

Yuppie Flu - Fragile Forest (Homesleep, 2008)

Toh. Pensavo di essermi scampato la gag del 2007, il downloadabile disco dei Radiohead, ed ecco che, in un tripudio…

03 Apr 2008 Reviews

Read more

Johnny Grieco - Affanno D’Artista (Snaps, 2009)

Il leader e indiscusso frontman dei Dirty Action torna con un lavoro che fin dalla cover è una dichiarazione…

15 Mar 2010 Reviews

Read more

Micah Gaugh Trio - The Blue Fairy Mermaid Princess (Africantape,…

 Jazz, free, songwriting... non vi basta? Bello, bello, bello. Potrei chiudere qui e dirvi di andare a recuperare questo disco,…

05 Apr 2013 Reviews

Read more

Seaside Postcards - Hope And Faith (Autoprodotto, 2012)

E di nuovo la formula 'Meglio tardi che mai', dettata da impegni e rompimenti irrinunciabili vari, mi porta a parlare…

10 Jan 2013 Reviews

Read more

FULkANELLI – S/T (Lemming/Offset/Blinde Proteus, 2012)

Esordisce sulla lunga distanza, dopo lo split-tape con Belorukov vs Marziano di cui già vi avevamo parlato, il duo composto…

28 Dec 2012 Reviews

Read more

Vanessa Van Basten - Psygnosis EP (Consouling Sounds, 2008)

Questo forse è uno dei pochi gruppi genovesi che oltre ai Port Royal e ai Banshee negli ultimi tempi ha…

07 Jan 2009 Reviews

Read more

The Softone - These Days Are Blue (Awful Bliss, 2008)

La Awful Bliss è un'etichetta carrarese-napoletana sorta da poco, eppure già con radici ben piantate nel nostro piccolo mondo sotterraneo…

30 Jan 2009 Reviews

Read more

Body Bag Redemption – The Exclusive Fun Of Fishing In…

Cosa si potrà dire di un EP di circa 9 minuti? Nulla, se non che è il seguito di altre…

17 Oct 2021 Reviews

Read more

Beachwood Sparks - The Tarnished Gold (SubPop, 2012)

Da quasi tre lustri in circolazione i Beachwood Sparks sono tra i migliori, ai nostri tempi, nel riproporre una…

12 Jul 2012 Reviews

Read more

Exoterm - Exits Into A Corridor (Hubro, 2019)

Exoterm è il nuovo progetto del bassista norvegese Rune Nergaard, musicista di casa dalle parti della Hubro per la quale…

24 Jul 2019 Reviews

Read more

Meteor - Magic Pandemonio (Wallace/Villainferno, 2017)

Era un disco cruciale questo per il duo chitarra/batteria dei Meteor: dopo un 7” e un 12” entrambi one side…

23 Oct 2017 Reviews

Read more

Words And Actions - Time Can't Be Turned Back (Final…

Dopo tre anni i vita i Words And Actions si arrendono all'ormai vetusto formato CD: Final Muzik pubblica infatti una…

24 Jul 2013 Reviews

Read more

Luminance Ratio - Honey Ant Dreaming (Alt.Vinyl, 2016)

Esce per Alt.Vinyl il terzo disco dei Luminance Ratio e va a fare compagnia al nutrito catalogo dell'etichetta inglese: d'altronde…

19 Sep 2016 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top