AA.VV. – Squashing Charms (Kosmik Elk Mind, 2007)

E' interessante, ascoltando questa raccolta assemblata per la sesta uscita marchiata Kosmik Elk Mind, come alcune delle caratteristiche che maggiormente accomunano i brani, nati con delle precise linee guida quali la brevità, l’essere pop e sostanzialmente contenere delle "melodie fischiettabili", siano la malinconia, la prevalenza di accordi in minore, l'andamento rilassato e il fatto di essere solo strumentali. Sembrerebbe essere in sostanza, tutto ciò, indice di un sentire comune e condiviso tra i musicisti coinvolti.

Echi di Boards Of Canada e Fourtet si possono infatti percepire nei brani di Davide Prato, Rom:U e Fhievel, con il primo che, discostandosi un poco dai riferimenti appena accennati, sembra trasporre in chiave idm Organ Donor di Dj Shadow, mentre il secondo carica di accenti wave – la ritmica e quel basso così Joy Division! – un'intrigante sovrapposizione di drones melodici e scampanellii, ed il terzo che su un pacato ritmo hip hop cuce sventagliate di synth autunnali. Non molto distante come ambientazione la pacifica elettronica del pezzo di Santoro, in perfetto stile Hefty Records. Ritmiche marziali invece per Aal, con un riff di chitarra vagamente Nine Inch Nails, e scansioni industrial dub per l'inquietante brano di Lips Vago, aka Andrea Marutti, sicuramente il meno pop del lotto, irrispettoso del dettato su cui si basa l'operazione se non per la durata del brano, ma non per questo meno efficace. E poi ancora Harshcore, nell'unico brano cantato, Sparkle In Grey, che risolve in 41 secondi uno svogliato post rock da cameretta, e Rag Mother, che manda al doppio della sua velocità una sorta di chitarrina lo fi a chiudere i diciotto minuti totali della compilazione.

Il risultato finale dice di un lavoro omogeneo, intrigante fin dalla confezione, con grafica in stile sixties, forse solo un po' troppo breve, data l'eccellenza di alcuni momenti che sembrano soffrire a stare dentro a minutaggi tanto ristretti, anche se il detto secondo cui un buon pranzo si giudica dal fatto che una volta terminato ci dovrebbe lasciare ancora un po' affamati, potrebbe essere applicato benissimo a questi nove brani che in effetti difficilmente ci si stanca di ascoltare.

Tagged under: , , , , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Audrey - The Fierce And The Longing (Tenderversion, 2008)

Le Audrey sono un gruppo femminile scandinavo e The Fierce And The Longing è il loro secondo disco; non avendole…

10 May 2008 Reviews

Read more

Hum Of Gnats – Purge The Weevil From Yer Midst…

Cerca in tutti i modi, il pescarese Ezio Piermattei, di occultare le proprie tracce, presentandosi ad ogni appuntamento discografico con…

21 Dec 2011 Reviews

Read more

Debeli Precjednik - Through The Eyes Of The Innocent (Moonlee,…

Torna l'iperproduttiva Monnlee con questo emotivo manipolo che sembra cresciuto sulle rampe di Fullerton anziché su quelle della Croazia,…

07 Jan 2008 Reviews

Read more

Fanciulli Goom - #1 (51Beats, 2014)

L'etichetta 51Beats produce da qualche anno dischi elettronici di diversi sottogeneri: c'è il disco più giocoso/scanzonato, quello danzereccio e quello…

09 Apr 2014 Reviews

Read more

Kinetix/Pylone - Sonology (Sound On Probation, 2010)

L'etichetta francese Sound On Probation è il mezzo che il musicista elettronico Laurent Perrier usa per pubblicare in completa autonomia…

04 Nov 2010 Reviews

Read more

[mumble]³ - Blank (Brlog, 2011)

Tornano i torinesi Mumble Mumble Mumble, stabilizzatisi come terzetto dopo la prova in parziale duo dello scorso anno. Se allora…

18 Jan 2012 Reviews

Read more

Nekrasov/Humiliation – Split CD (New Scream Industry, 2009)

Con un po' di ritardo, ma anche questo CD viene dagli antipodi portato a mano dal nostro boss, mi appresto…

18 Jan 2011 Reviews

Read more

Phoenix Bodies - Too Much Informations (Shove/Init, 2007)

Altro pezzo della tornata di uscite nuove della Shove con il botto, giusto per farmi ancora rodere il fegato di non…

05 Aug 2007 Reviews

Read more

L'Océan - Primio (GP2, 2016)

L' Ocèan non è esattamente una band nel senso convenzionale del termine quanto un gruppo di improvvisazione nato nel 2006…

30 Jan 2017 Reviews

Read more

Mangia Margot - Maddalena, Maria (Autoprodotto, 2009)

Mi rendo conto che ormai buona parte dei gruppi in circolazione sono costituti da due elementi, con la batteria abbinata…

03 Dec 2009 Reviews

Read more

The Child Of A Creek - Quiet Swamps (Ruralfaune, 2014)

Il secondo album di The Child Of A Creek a uscire nel giro di poche settimane si innesta sul solco…

08 Jan 2015 Reviews

Read more

The Death Of A Party - The Rise And Fall…

Mi sa che ci siamo dimenticati delle chitarre. Diciamocelo pure, dopo la scorpacciata math e del post-rock Kinsell-iano da queste…

10 Nov 2007 Reviews

Read more

DsorDNE - Grafio Ricerca 010 (Asbestos Digit, 2018)

Torna un monicker storico della scena industriale italiana, DisorDNE, dietro al quale prendono forma le visioni sperimentali di Marco Milanesio.…

24 Jul 2018 Reviews

Read more

Satantango - Dice Not Included (Wallace, 2007)

A distanza di un bel po' di tempo ritornano a farsi vivi su Wallace gli eredi spirituali e "materiali" dei…

29 Dec 2007 Reviews

Read more

Person L - The Positives (Arctic Rodeo, 2009)

L'instancabile etichetta di Amburgo anche questa volta non manca il colpo, anzi espandendo le vedute e il carattere del…

21 Dec 2009 Reviews

Read more

Adamennon/Null - Split (Autoprodotto, 2010)

Si dividono un split (su CD e cassetta) i due oscuri progetti Adamennon e Null. Del primo avete fatto la…

19 Oct 2010 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top