VV. AA. – Eternallyt. The Corrugated Complication (Asbestos Digit, 2018)

Arrivano a cinquanta le uscite della Asbestos Digit e il risultato viene marcato con questa compilation a tiratura limitata e copertina personalizzata in cartoncino ondulato “stencilato”. Dieci tracce per dieci artisti che gravitano intorno all’etichetta e una serie di generi piuttosto varia, anche se genericamente riconducibili alla musica  “di ricerca” e “sperimentale”, forniscono una foto fedele dello spirito che anima Asbestos. Quello che però in genere cerco in una compilation è qualche spunto, qualche nome nuovo da ricercare e approfondire e in questo caso non rimango deluso.  Curiosamente sono i progetti più legati al rock, se non altro per il fatto di utilizzare le chitarre, a lasciare il segno: Lucy Mina ipnotizza con una drum machine godfleshiana abbinata a suoni che si distendono morbidi per poi inspessirsi sul finale; La Furnasetta, il gruppo della casa mi pare di capire, batte vie simili ma calcando la mano sul rumore e tirando fuori un doom-noise dai toni inevitabilmente drammatici; Faluomo (Graefenberg) pur trascurando i ritmi, altera la sua sei corde con effetti che le fanno suonare come un organo a canne, con picchi emotivi che mettono i brividi (Dio lo benedica, in questi giorni torridi). Fuori da qualsiasi canone rock ma nel novero delle cose più interessanti, sebbene sia un personaggio già noto da queste parti, c’è Luca Serrapiglio che, con solo sax e voce e in poco meno di due minuti, crea un’atmosfera tesa e brulicante di grandissimo effetto. Detto questo, e al netto dei gusti personali, il resto della raccolta si mantiene su livelli più che buoni: Le Cose Bianche si prende una pausa dalle consuete efferatezze sonore e se ne esce con un recitato su piano elettrico e synth davvero ispirato; Pierluigi Pugno, con la sua esile elettronica ambientale rappresenta un’isola di relativa pace in un disco generalmente rumoroso; il post industrial/noise Mademoiselle Bistouri e uBiK tiene alta al bandiera della distorsione e dei suoni da fonderia (il primo poi è di Brescia e proprio non poteva esimersi); la chitarra di Gianmaria Aprile, coadiuvata dai clarinetti di Giancarlo Nino Locatelli e Paolo Gaiba e dalla voce di Anais Poirot-Gorse, dà vita a un brano dall’atmosfera notturna e vagamente oppiacea; ultimo ma non ultimo, Legendary Gay Cowboys, al confine fra la veglia e il sonno, lascia i suoi synth liberi di navigare verso spazi mentali lontani. Unico appunto che mi sento di muovere alla raccolta è il consiglio di ascoltare la compilation in cuffia, senza interruzioni: dopo una decina di minuti, il passaggio fra il brano di Pugno e quello de La Furnarsetta mi è quasi costato un timpano. Per il resto, auguri ad Asbestos e cento di queste compilation!

Tagged under: , , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Muviments 2012 – 28-29/12/12 Castello Medievale (Itri – LT)

Il Muviments fa otto, una cifra importante, che la dice lunga sulla continuità dell'impegno e sulla dedizione che ragazzi dell'associazione…

12 Jan 2013 Live

Read more

Gianluca Favaron – Blank Spaces (I Don’t Want To Be…

Era in qualche modo naturale che Gianluca Favaron (Under The Snow e vari altri progetti e collaborazioni) e Luce Sia…

08 Sep 2017 Reviews

Read more

Cleisure - Hidrogen Box (Overdub, 2019)

Sempre dal calderone Overdub sbucano anche questi Cleisure, giovane trio innamorato delle chitarrine di Jay Reatard seppure senza essere di…

21 Oct 2019 Reviews

Read more

The Haunting Green – Natural Extinctions (Hypnotic Dirge, 2019)

Al primo incontro con The Haunting Green, era l’epoca del single club della Final Muzik, il duo di Pordenone ci…

21 May 2019 Reviews

Read more

Bobby Soul E Il Maschio #1

Ammetto di essermici avvicinato quasi per caso. Nel modo più tipico poi: dal momento che qualcuno lo criticava, oltrettutto per…

18 Nov 2007 Interviews

Read more

Perturbazione - 30/05/08 Morya (Cellatica - BS)

Mi aspettavate, lo so. Eccomi dunque all'esordio su queste pagine a portarvi un po' di sano spirito padano. Indosso l'elmo…

02 Jun 2008 Live

Read more

Matt And Kim - Grand (Fader Label, 2009)

Uno due uno due... con Matt e Kim, duo punk/dance- synth pop da Brooklyn, a molti verrebbe voglia di uscire…

14 Feb 2009 Reviews

Read more

De Curtis – Baciami Alfredo (Tannen, 2010)

Uno dei rari casi in cui la stupida frase di Frank Zappa "parlare di musica è come ballare di architettura"…

25 Jul 2010 Reviews

Read more

Carver - Raw (Setola Di Maiale, 2010)

Strani casi di omonimia, infatti questo gruppo si chiama come un combo emo-core/indie rock che qualcuno ricorderà di spalla ai Locust.…

27 Jan 2011 Reviews

Read more

Bachi Da Pietra - 09/01/09 Morya (Cellatica - BS)

La neve, caduta abbondante in questo inizio d'anno sul basso Piemonte, ha causato l'annullamento della data dei Bachi Da Pietra…

27 Jan 2009 Live

Read more

Anthony Cedric Vuagniaux - Le Clan Des Guimauves (Plombage/Suisa, 2014)

Il compositore svizzero Anthony Cedric Vuagniaux arriva alla terza uscita sulla lunga distanza, sempre restando nel genere della colonna sonora,…

31 Mar 2015 Reviews

Read more

Artifact Shore/Linedotstar - Landscape Removal (Interferenceshift, 2006)

Split abbastanza interessante e che da una parte presenta Artifact Shore di cui abbiamo recensito altro materiale da pochissimo e…

21 Apr 2008 Reviews

Read more

Von Tesla - Raised By Clear Acid (Boring Machines,…

Von Tesla ovvero il nuovo progetto di Marco Giotto (già col moniker mondano e festaiolo di Be Invisible Now!), con…

21 Jan 2014 Reviews

Read more

Rashad Becker - Traditional Music of Notional Species (Pan, 2013)

Titolo evocativo e assai appropriato quello dell’esordio del master of mastering Rashad Becker, titolare in quel di Berlino del Clunk…

20 Aug 2014 Reviews

Read more

My Dear Killer - The Cold Plan (Under My Bed/EeeE,…

Terzo disco per My Dear Killer, ovvero Stefano Santabarbara, che con il tempo affina sempre più le sue doti: il…

23 Mar 2018 Reviews

Read more

Aara - En Ergô Einai (Debemur Morti, 2020)

In soli due anni gli svizzeri Aara sono riusciti a emergere nell'affollato panorama black metal attuale: il secondo disco del…

28 Aug 2020 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top