Vuur – Vuurviolence (Shove, 2007)

Mi spiace che qualcuno conoscendomi possa pensare che io sia scarsamente obiettivo nel parlare di Shove per causa della conoscenza del "conte Piacenza", il punto è che una volta, pur essendo un'etichetta rispettabile e con una buona etica, era ben lungi dai livelli di eccellenza che sta raggiungendo di recente. Cercando di individuare l'epicentro, direi che il tutto è successo qualche tempo fa in n periodo che gira attorno all'uscita degli Encyclopedia Of American Traitors e che in un certo senso ne hanno segnato definitivamente il passaggio alla maturità (perché yankee? No, perché date alla mano erano un gruppo parecchio avanti sui tempi… mon cher…). Bene, i Vuur vengono dallo smantellamento di alcuni gruppi misconosciuti come Hopeman Path, ma in realtà annoverano alcune vecchie glorie del d.i.y. belga, questo tanto per stabilire la veridicità di ciò che diceva la buonanima di mia nonna Jole: "da un melo non nasce un pero". Anarco punk quindi? Sì, ma montato su scorie abrasive alla vermiform, rigenerato dal cadavere dei Born Against (di cui per altro coverizzano Mary And Child ad hoc) ma soprattutto dei sottovalutatissimi Rubish Heap il cui 50% oggi gestisce la Conspiracy/Hydra Head Europe. Meno monumentali rispetto agli ultimi ma molto meno punk e più motosega rispetto al gruppo di Sam McPheeters (che oggi qualcuno conosce per i Man’s Recovery Project). L’elemento mancante della formula segreta è Brema: Acme, Systral, Carol che sia, anche se diminuiti dei loro fattori più metal. Kaos sbavato ma compresso, muro di rumore e voce urlata ma "Brema style" e quindi non da eunuco ma da "terrore, terremoto e traggedia!" (ampliando le T di Atttila). Il CD raccoglie una serie di split e di dischi assortiti che per l’occasione sono stati rimasterizzati e pompati a dovere dal chitarrista degli Amen Ra, il tutto sembra passato dentro ad un compressore e ad un distorsore puntato a dieci. I Vuur lasciano qualche apertura ad arpeggio giusto per poi ridiscendere stile Unni e dopo "non cresce più l’erba" ed in ciò hanno anche il gusto (il culo?) di durare il giusto e quindi il tempo sufficiente per fare tutto ciò che serve, un po' come i giapponesi a Pearl Harbour. Hardcore-punk al fulmicotone con testi politicizzati in stile Ebullition/Vermiform anni '90, anche l'atmosfera è quella stile "la vita è una merda" degna di Groundwork, Downcast o Unbroken che fossero. "Fuoco" di nome (Vuur significa quello) e di fatto, plumbeo e senza speranze come un malato terminale, feroce e violento "come una tigre in una gabbia, non ci resta che urlare!": gran disco.

Tagged under: , , , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Summer Days, Summer Nights

  Summer loving had me a blast Summer loving happened so fast I met a girl crazy for me Met a boy cute as…

24 Jul 2022 Podcasts

Read more

Supersilent - 8 (Rune Grammofon, 2007)

Quartetto norvegese attivo da dieci anni ormai, e con alle spalle già un certo numero di uscite, rigorosamente scandite da…

19 Oct 2007 Reviews

Read more

Lunar Dump - Lipo (XO La Factory/Soviet, 2021)

Duo veronese dinamico e sognante che, come tutti i fratelli di sangue (al secolo Paolo e Zeno Camponogara) che suonano…

18 Jan 2022 Reviews

Read more

A Flower Kollapsed - S/T (Shove/MacinaDischi, 2012)

Ero curiosissimo di ascoltare questo nuovo A Flower Kollapsed, essendo rimasto molto favorevolmente colpito dal materiale vecchio (in particolare da…

07 Jun 2012 Reviews

Read more

Peter Brötzmann & Jason Adasiewicz - Going All Fancy (Eremite,…

Ormai si sa, che più le release sono introvabili, più fanno gola; come in questo caso in cui mi trovo…

03 Jan 2013 Reviews

Read more

Fenster - The Pink Caves (Morr Music, 2014)

Beh, se questo non è un disco giusto per un'estate solo di nome... I Fenster - quartetto con base a Berlino…

09 Sep 2014 Reviews

Read more

Bologna Violenta - Uno Bianca (Dischi Bervisti/Woodworm/Wallace, 2014)

E' la ricostruzione attraverso un' immaginaria soundtrack della scellerata odissea dei fratelli Savi meglio noti alle cronache come la banda…

03 Feb 2014 Reviews

Read more

Endless Boogie - Full House Head (No Quarter, 2010)

Ecco il vero Quaalude musicale dove dovrebbe abbeverarsi il compianto (nel senso di passato a miglior webzine, non a…

01 Sep 2010 Reviews

Read more

J Mascis - Several Shades Of Why (Sub Pop, 2011)

Finalmente J Mascis si mette a nudo, non solo col nome, e quindi ci fermiamo un attimino prima di liquidare…

01 Mar 2011 Reviews

Read more

Etnopsychic Trip Project – Echoes Of The Remote Lands (Trasponsonic,…

Dove si trovino le terre remote a cui fa riferimento il titolo del disco degli Etnopsychic Trip Project non è…

17 Feb 2016 Reviews

Read more

NOFest! 2011 - 17-19/06/11 Spazio 211 (Torino)

Ancora il No Fest, ancora un weekend di giugno in quel di Torino, stavolta assistiti da tempo favorevole, con gli…

31 May 2011 Live

Read more

Yanna Momina - Afar Ways (Glitterbeat, 2022)

Nelle popolazioni Afar, presenti in Etiopia, Eritrea e Gibuti, la musica funge da svago e da divertimento serale. Viene condivisa…

06 Sep 2022 Reviews

Read more

Renata Zeiguer - Old Ghost (Northern Spy, 2018)

L’attenta Northern Spy ci fa conoscere la nuova e interessante voce di Renata Zeiguer. Studi musicali classici, “imbucata” con autorevolezza…

06 Dec 2018 Reviews

Read more

Andrew Bird - 18/05/09 Musicdrome (Milano)

Un'ora e dieci per arrivare in città e tre quarti d'ora per trovare il posto, locale ex Transilvania (fortunatamente rinnovato…

03 Jun 2009 Live

Read more

L'Enfance Rouge - Trapani, Halq Al Waady (Wallace, 2008)

Ritorno di Cambuzat, Locardi e Andreini (ormai sempre più inserito fra le maglie del loro suono): L'Enfance Rouge è un…

17 Apr 2008 Reviews

Read more

Incoming Cerebral Overdrive - Controverso (SupernaturalCat, 2009)

La Supernatural Cat riesce a sorprenderci ancora una volta, rivelandosi come forse la più attenta ed intelligente etichetta di musica…

06 Dec 2009 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top