Tiziano Milani – Music As A Second Language (Setola Di Maiale, 2006)

Vera sorpresa quella di Tiziano Milani, per una serie di casi della vita nel giro di pochi mesi passo dal non averlo mai sentito, al sentirlo nominare in toni totalmente positivi ed a constatarne la bravura. Dato che credo che per moltissimi risulti un illustre sconosciuto, va detto che il suo nome è stato conosciuto da qualcuno grazie al fatto che nel primo disco di Claudio Parodi su Extreme (quello ispirato ad una istallazione/composizione di Alvin Lucier), il campionamento base da cui parte il Ligure è preso proprio da Milani (i ben informati mi dicono che anche nel prossimo il nastro magnetico partirà nuovamente da un suo campione). I dischi di Milani sono una vera sorpresa e questo Music As A Second Language dello scorso anno è molto più maturo di molti musicisti dopo anni di carriera. Bene o male si tratta di elettronica mischiata a molta musica contemporanea o forse meglio dire che è contemporanea in veste elettronica? Al di là delle definizioni la particolarità di questo disco è che nonostante la profondità ed il rigore della musica non parliamo di un lavoro "glaciale". Tonalità notturne che proprio per le atmosfere forse hanno condizionato la scelta stessa di Parodi dato che se per Milani non si parla di drone a tratti poco ci manca. Paesaggi ricchi di suoni, glitch e suoni (campionati? Suonati?) di strumenti a fiato, vibafono che fluttuano nell'aria con un'idea di sospensione che volutamente o no è figlia di gente come Feldman o Scelsi (tanto per dire i primi due nomi che mi vengono in mente). A tratti notturna come certo jazz evoluto e smantellato della sua impalcatura e dei suoi bpm originari, a volte elettronico in modo mitteleuropeo, materiale che giusto per dare delle coordinate sarebbe potuto uscire su Mille Plateux o su Touch. La musica di Milani si sposta nel vuoto e se anche a tratti si giochi fra apparenti dissonanze/disarmonie scava come il rasoio ed i denti di Antony Hopkins fra le carni dei due poliziotti che lo sorvegliano. Tanto di cappello a Giust che dimostra per l’ennesima volta di essere un jazzista fuori dai ranghi o di non essere un jazzista e di essere più semplicemente "fuori dai ranghi" a tutto tondo, ma non servono portfolio particolari per dischi come questo, basta ascoltarlo, tutto quello che serve sapere e non sapere è congelato nelle cinque "interazioni" in cui è diviso questo disco. Il disco si può richiedere a Setola di Maiale o direttamente a Milani: Milani.tiziano@libero.it, spero che ne rimaniate sorpresi piacevolemte come me.

Tagged under: , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Vanishing Life - People Running (Collect, 2014)

Una manciata di minuti, tante riverenze per il passato e altrettante speranze per il futuro. Lo sono i Vanishing Life,…

29 Oct 2014 Reviews

Read more

Manon-Liu Winter - Stones No. 2 (Chmafu Nocords, 2013)

L'etichetta austriaca Chmafu Nocords continua ad esplorare la viva e pulsante scena musicale contemporanea austriaca pubblicando il nuovo disco della…

24 Apr 2014 Reviews

Read more

Marco Massa - Nelle Migliori Famiglie (Tranquilo, 2007)

Premetto che in un qualsiasi megastore questo cd finirebbe nella categoria della "musica italiana" e quindi non è proprio un…

08 Aug 2007 Reviews

Read more

Bobby Soul - Draghi Rossi & Buchi Neri (Autoprodotto, 2007)

Strana compilation questa, nel senso che di solito i remix seguono gli album veri e propri, ma raramente, come in…

21 Feb 2008 Reviews

Read more

Edgar Café - Alcuni Fattori Marginali (Arci Sana, 2008)

Sebbene al disco d'esordio, il cammino dei genovesi Edgar Cafè è lungo e denso di caratteri propri ed eterogenei. Difficile…

25 Oct 2009 Reviews

Read more

Sleepmakeswaves - ...And So We Destroyed Everything (Monotreme, 2013)

Questo è un album di debutto. Incredibile pensarlo tale, vista la maturità sonora che il quartetto di Sydney in questione…

09 Dec 2013 Reviews

Read more

Jason Noble Benefit Show – 06/02/10 Interzona (Verona)

Da quando a Jason Noble, polistrumentista in forze a gruppi quali Rodan, Rachel's e Shipping News è stato diagnosticato un…

15 Feb 2010 Live

Read more

AIDS Wolf - Cities Of Glass (Skin Graft, 2008)

Reduci da uno split con Athletic Automaton, con i quali spartiscono una incompromissoria propensione all’attacco sonoro, gli AIDS Wolf, da…

12 Nov 2008 Reviews

Read more

Schonwald - Amplified Nature (Panoplie, 2009)

A quanto pare la 5 Roses oltre ad ingrandirsi sta diventando un’agenzia di promozione sia per la roba estera che…

17 Mar 2009 Reviews

Read more

Lucertulas + Kelvin + Putiferio | Robot Macina Fest -…

Partiamo dalla fine: come concludere meglio una serata di musica se non beccando Max Pezzali all'autogrill, per di più accompagnato…

08 May 2011 Live

Read more

Luigi Porto - Scimmie (Snowdonia, 2014)

Gradevole colonna sonora tratta da un film di Romano Scavolini (L' Apocalisse Delle Scimmie) che speriamo un giorno di avere…

14 Jan 2015 Reviews

Read more

Shrinebuilder – S/T (Neurot, 2009)

Non credo che ormai ci sia fra noi qualcuno di così ingenuo da aspettarsi da un supergruppo qualcosa più della…

19 Dec 2009 Reviews

Read more

Almeno Sei Metri Da Terra - S/T (Lanterna Pirata, Taxi…

Furioso screamo senza fiato nella migliore tradizione italica (Storm(o), La Quiete) per questa band genovese di esordienti. Nove pezzi da…

06 Apr 2020 Reviews

Read more

Gregor Samsa - 55:12 (Kora, 2006)

Lo spunto è preso dal racconto dell'uomo insetto di Kafka e il titolo sembra riferirsi alla durata dell'album. Questa giovane…

16 Feb 2007 Reviews

Read more

Sonny and The Sunsets - Longtime Companion (Polyvinyl, 2012)

Il suo tramonto Sonny Smith lo racconta, ma senza mai svelarci troppo sulla separazione dalla fidanzata. Lontano da fenomeni…

17 Jul 2012 Reviews

Read more

Body/Head – The Switch (Matador, 2018)

Il primo disco dei Body/Head ha riportato allo scoperto tutto lo spleen di una scena d’altri tempi, di quando a…

04 Sep 2018 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top