Touché Amoré – Is Survived By (Deathwish, 2013)

Appassionato, sofferto e brumoso come questo primo scorcio di autunno. Arrivati al loro terzo disco i Touché Amoré, quintetto californiano in uscita sulla Deathwish di Jacob Bannon, stampano il loro album più maturo, portando a compimento il matrimonio, già in parte riuscito negli albumi precedenti, tra citazionismo screamo anni ’90, testi introspettivi, furia e melodia. Is Survived By è un ottimo disco in senso assoluto e nel suo genere un serio candidato ad essere tra i più ascoltati dell’anno: arriva dopo un paio di split, uno proprio su Deathwish con i Pianos Become The Teeth e ci regala un gruppo ancora più convinto dei propri mezzi. Chiamatelo “revival screamo”, “hardcore melodico”, o come vi pare quello suonato dal quintetto losangelino è un solido post-hardcore che rivela tutta la passione della band per le sonorità emo/hardcore anni ’90, le chitarre alla ricerca delle armonie più che dei riff mastodontici, e le introspezioni liriche che vanno a braccetto con una musica riflessiva o esplosiva, a seconda delle necessità. Meno dannatamente compressi di un qualsiasi gruppo screamo anni ’90 i Touché Amoré attingono in egual misura a quella scena che tra la fine dei 90’s e l’inizio del nuovo millennio vagheggiava di nuovo hardcore e melodia: Just Exist combina il gusto melodico dei This Day Forward più maturi, e mutua dallo screamo più riflessivo il gusto per le chitarre in secondo piano, quasi nascoste a ricamare pizzi armonici su una ritmica non eccesivamente tirata. Piace, anche molto, la volontà del gruppo di creare dei piccoli refrain che spezzano la durezza del cantato urlato: ritornelli che danno fiato ai brani, quanto le derive arpeggiate e stranianti che hanno fatto in tanti indicare derive post-rock. Una posizione suggestiva anche se non totalmente condivisibile che comunque unisce i nostri a moderni e validi interpreti dello screamo che hanno via via rarefatto il proprio sound come i giapponesi Envy. Ma quando l’esito del disco può sembrare quello intrigante ma ormai abusato del gioco “pieni-vuoti”, dell’esplosione emozionale contrapposta alla quieta introspezione, ci pensa la grande capacità di gestire la melodia da parte dei Touché Amoré a evitare il comunque lieto deja-vù. L’assalto riesce ad assumere quasi una forma canzone, con sprazzi melodici intensi, toccanti ma assolutamente orecchiabili. Pochi secondi per carità, ma capaci di creare veri gioiellini Anyone e Anything che valgono da soli tutto il disco, e che uniscono idealmente il quintetto di Los Angeles a una grande band degli scorsi anni, gli End Of A Year, autori di uno scarno, elegantissimo e stupendo album su Revelation Records. Stesso lignaggio, stemma voglia di urlare, stessa grande carica e grande abilità chitarristica. Tra sprazzi “core” con tecnicismi ritmici inclusi, testi intensi, e melodie sofferte non possiamo guardare oltre: un disco interessante che dimostra come una band possa partire riportando in auge un suono senza rimanere un pallido epigono. In fondo, ci piace sottolinearlo, se band come gli Whores (che ci piacciono molto) fa strappare i capelli a ingessati 40enni suonando un noise-rock che più revivalista non si può, ci piacerebbe avessero una chance anche i Touché Amorè. Noi gliel’abbiamo data da tempo.

Tagged under: , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Stefano De Ponti – Fin d’Ersástz/20xx–2016 (Grotta, 2017)

Con meno di vent’anni di musica e un’età anagrafica che non tocca i quaranta è ancora lontano il tempo dei…

10 May 2017 Reviews

Read more

La Furnasetta - Diary Of A Madamina (Solium, 2021)

Uno, nessuno, centomila. Questo è Diary Of A Madamina, ultima uscita de La Furnasetta, collettivo anonimo (nessuno, quindi) da sempre…

20 Oct 2021 Reviews

Read more

Shinkei - Binaural Beats (Koyuki, 2007)

Anno nuovo, vita nuova e nuove etichette, diciamo pure che questa copre un campo stranamente poco calcato nel Bel Paese.…

03 Jan 2008 Reviews

Read more

STROMBOLI - Exiles (digital ep, Depths, 2021)

Facendo qualche calcolo sono più di 10 anni che in qualche modo ascolto le opere di Nico Pasquini, prima coi…

30 Dec 2021 Reviews

Read more

Valgrind - Blackest Horizon (Everlasting Spew, 2018)

Pur restando in ambito decisamente estremo, le coordinate dei Valgrind sono molto diverse da quelle dei compagni (di etichetta) Convocation.…

09 Jun 2018 Reviews

Read more

Revolution #9 - Standing In Your City (Autoprodotto, 2007)

Rock n' Roll. Una grandinata di riffs appassionati e caldi che si coniugano perfettamente con un gusto per la…

01 Jan 2008 Reviews

Read more

New Monuments - New Earth (Pleasure Of The Text, 2018)

Dopo una lunga militanza con un considerevole numero di uscite sull’Amercan Tapes di John Olson, e dopo essere passati con…

11 Dec 2018 Reviews

Read more

Airportman - Letters (Lizard, 2008)

E’ da un po’ che ho questo disco per le mani, e arrivo a scriverne con un grande ritardo. Letters…

06 Feb 2009 Reviews

Read more

Loose - Dodge This (Autoprodotto, 2011)

Questo dischetto proveniente dalle marche è un autentico bombardiere carico di rock 'n' roll. Definitivamente e senza imbarazzo posso…

23 Dec 2011 Reviews

Read more

The Tapes - Teletyp (Luce Sia, 2021)

Sul versante più trasversale e certamente meno facile rispetto a Derma è questo nuovo sette pollici sempre a firma Giancarlo…

14 Nov 2021 Reviews

Read more

Lady Vallens – Phemur (Second Family, 2012)

Tornano i Lady Vallens, stavolta con un disco intero, dopo l'EP che recensimmo un paio di anni orsono. Se là…

25 Jan 2013 Reviews

Read more

Kinetix - Final Archives (Silentes, 2010)

Pare che questo disco sarà l'ultimo a nome Kinetix per Gianluca Becuzzi: Final Archives è composto da tre mini album…

26 Jan 2011 Reviews

Read more

Father Murphy - No Room For The Weak (Boring…

Un cd nero come la pece. Avvicinarsi ai Father Murphy mette un po' a disagio, sensazione che va oltre quell'inquietudine…

22 Oct 2010 Reviews

Read more

Nekrasov/Humiliation – Split CD (New Scream Industry, 2009)

Con un po' di ritardo, ma anche questo CD viene dagli antipodi portato a mano dal nostro boss, mi appresto…

18 Jan 2011 Reviews

Read more

Kleemar/Trus! - Banana Split (God Bless This Mess/Moonlee, 2013)

Era da un po' di tempo che non ascoltavamo musica proveniente dalla Slovenia: ci pensa lo split LP tra le…

03 Apr 2014 Reviews

Read more

Malkomforto - S/T (Taxi Driver/Dischi Decenti, 2016)

Delicato screamo tardo anni Novanta per una band presumibilmente giovane che arricchisce il proprio disagio urbano attraverso una malinconica e…

06 Apr 2017 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top