The Ian Fays – The Damon Lessons (Homesleep / Audioglobe, 2006)

Da un pò lo si pensava in giro, a torto o a ragione: in Homesleep c'era un'aria un pò pesante, stantia. Da qui la svolta (decisamente indie pop): una ventata d'aria fresca proveniente da una folta schiera di gruppi (quasi tutti stranieri) che hanno saputo rinnovare l'immagine della label bolognese: dopo gli scoppiettanti Austin Lace e l'ottima uscita di Ant, (per non parlare del nuovo Sodastream in arrivo), ecco l'esordio delle sorelline californiane Fay, rispettivamente Sara e Lizz e tutto il seguito. Fuori dai denti: The Damon Lessons è un lavoro bellissimo quanto inutile. Certo, se avete dei cuoricini fragili e non vi infastidisce l'immaginario (assai logoro) di lolite pop incarnato alla perfezione dalle gemelline – con i loro abitini anni sessanta e la cremina per le mani nella tasca per il dopo-concerto – questo è un album veramente da avere; insomma le Ian Fays sono un nome grosso per Homesleep che così può risponderere colpo su colpo contro chi, finora, non ha amato l'etichetta. Purtroppo devo ammettere che sono tra quelli che si è fatto stregare dal questo disco come un fesso. E, badate, ciò è successo ben prima di vedere le ragazze dal vivo (in questo caso: basso, chitarra, voce e tastierina casio e nulla più); ben prima di constatare che non sanno nemmeno tenere uno strumento in mano e, comunque, prima di incrociarne una mentre usciva dalla cabina Sebach, il leggendario bagno chimico, proprio quando il sottoscritto ci stava per entrare. Difficile credere che due ragazze così carine vengano snobbate alle feste e chiamino in lacrime il papà che le riporti a casa. Ma da fesso sognatore ci voglio credere lo stesso e, così, come un bigino dei primi amori post adolescenziali, Damon Lessons colpisce nel segno con undici canzoni adorabili e straordinariamente dolci, sulle quali spiccano i tappeti elettro pop di The Dance Song, I Lifted Myself Up e la malinconia sbarazzina di Hotel, poco prima del brano capolavoro 16 Weeks. Poi tirate fuori tutti i nomi che volete: su tutti Belle And Sebastian, Azure Ray, The Magnetic Fields…anzi! se adorate questi gruppi siete già sulla buona strada per non ridacchiare.

Tagged under: , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Nero And The Doggs - Death Blues (Rocketman, 2013)

Probabilmente è vero che di musica non capisco un emerito cazzo. Ma allo stesso tempo credo che non serva un…

11 Dec 2013 Reviews

Read more

Green Fog Festival - 16/09/06 Festa dell'Unità (Genova)

"Genova crescerà, crescerà, crescerà". Iniziamo citando le parole di Davide dei Meganoidi alla fine della serata per testimoniare che, per…

17 Sep 2006 Live

Read more

Parallel 41 - Parallel 41/Faraway Close (Baskaru, 2012)

Parallel 41 sono Julia Kent (violoncello) e Barbara De Dominicis (voce ed effetti). New York e Napoli. Due città così…

07 Feb 2012 Reviews

Read more

Plaster – Platforms (Kvitnu, 2011)

Vi ricordate di Kaeba? Io sì, si trattava di un esordio in ambito elettronico di un ragazzo piuttosto giovane, l'avevo…

09 Feb 2012 Reviews

Read more

Ivan Iusco - Water (Minus Habens, 2012)

Il percorso creativo di Ivan Iusco, patron della Minus Habens da oltre venticinque anni, continua a stupirci. Se ci aveva…

31 Oct 2012 Reviews

Read more

Makhno – Silo Thinking (Wallace/Neon Paralleli/Hysm?/Brigadisco, 2012)

Makhno (nome di un anarchico ucraino già usato per una collaborazione fra Nicola Guazzaloca e Francesco Guerri) è il moniker…

12 Oct 2012 Reviews

Read more

Magik With Tears e Lisca Records: nuove etichette per nuovi…

Giovani label... e vecchie conoscenze. Non che si tratti di un fenomeno solo italiano, ma resta che a volte scava…

13 May 2011 Articles

Read more

The Tapes - News From Nowhere (Luce Sia, 2019)

Ancora un insapettato blast from the past per Luce Sia che questa volta fa riemergere dal passato remoto la creatura…

18 Jun 2019 Reviews

Read more

The Necks – Body (Fish of Milk/ReR Megacorp, 2018)

Nuovo disco dei Necks uscito in estate ma che di certo si farà apprezzare per più di una stagione. Ogni…

14 Sep 2018 Reviews

Read more

Miss Kenichi - The Trial (Sinnbus, 2014)

Katrin Hahner arriva al terzo disco come Miss Kenichi e fin dalle prime note di questo The Trial non lascia…

07 Oct 2014 Reviews

Read more

Transmontane – Staring Back At You (Sick Room, 2012)

Ryan Duncan aka Transmontane, cofondatore dell'etichetta Sick Room, imbraccia da solo una chitarra dal suono sporco e subito si sprecano…

15 Oct 2012 Reviews

Read more

Dusted Lux - Peace Gets Ignored (A Giant Fern, 2016)

Esattamente due anni fa usciva questa cassetta di Dusted Lux ovvero Lee Camfield, ex Sutekh Hexen con all'attivo un ottimo…

19 Mar 2018 Reviews

Read more

Crystal Plumage - Night Conference (Sincope, 2012)

Probabile omaggio a Dario Argento il nome di questo duo formato dal francese Benjamin L. Aman (Glue Pour, Lucie Huck…

27 Feb 2013 Reviews

Read more

Terreni K - Depths (Luce Sia, 2018)

il secondo lavoro del pugliese Massimo Gravina esce per la illustre Luce Sia che si distingue quindi non soltanto per…

30 Oct 2018 Reviews

Read more

Neurosis - 23/08/08 Mamamia (Senigallia - AN)

Pullula di uomini e donne in maglietta nera, Senigallia, già dal tardo pomeriggio. Il pubblico dei Neurosis piano piano prende…

06 Sep 2008 Live

Read more

Dream Weapon Ritual - Another View (Ticonzero, 2011)

Giusto per diversificare ulteriormente la discografia di Simon Balestrazzi, il musicista parmigiano ritorna con un progetto che avevamo già recensito…

08 Nov 2011 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top