The Great Saunites & Attilio Novellino – Radicalisme Mècanique (Manza Nera/Discreetrecords, 2014)

One side strikes back. Torna il formato vinilico più gettonato degli ultimi tempi, una volta tanto giustificato non da mere ragioni estetiche ma dal fatto che i dodici minuti di Radicalisme Mècanique non avrebbero potuto stare su un semplice 7” bifronte senza essere divisi. Sull’altro lato del giallo vinile capeggia invece la serigrafia di un oscuro macchinario dall’aspetto vagamente leonardesco, opera di Vivaultra stampa dall’immancabile gang di Corpoc.
Attilio Novellino l’abbiamo conosciuto in tante vesti e associato ai più disparati progetti, ma vederlo accompagnarsi a un gruppo di ambito rock come The Great Saunites mi ha onestamente sorpreso; limite mio evidentemente, dato che lui appare perfettamente a suo agio anche in questo contesto. È sempre un buon segno l’assenza di preconcetti e la ricerca di affinità che vadano al di là degli steccati di genere: in questo caso il punto di contatto è rappresentato dall’improvvisazione, che tutti gli interessati praticano pur nei rispettivi ambiti di competenza. In Radicalisme Mècanique l’incontro non avviene perfettamente a metà strada, è più Novellino a spostarsi verso i territori rock o quantomeno è questo il genere che risulta prevalente: l’intervento del musicista barese non stravolge il suono del duo lodigiano, che continua a macinare imperterrito il proprio noise strumentale, ma ne muta lentamente il DNA ed offre al contempo nuove direttrici di sviluppo. Voci, rumori e melodie ondivaghe che si insinuano fra le trame ritmiche provocando sensazioni di vero straniamento, il sax che interviene verso la metà del pezzo spostando il discorso su territori limitrofi al jazz e sul finale l’elettronica che arriva a prevalere dissolvendo ogni idea di ritmo, danno vita a una musica che stimola in ugual misura e contemporaneamente corpo e mente, psichedelia hard radicata fra i ’70 e i ’90, ma che sa guardare avanti. Il primo incontro è stato fruttuoso, speriamo abbia un seguito.

Tagged under: , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Petrolio - Di Cosa Si Nasce (Taxi Driver/Brigante/Dio Drone e…

Enfatico industrial primi anni novanta per la creatura di Enrico Cerrato (Infection Code) che rispolvera per l'appunto un genere a…

15 May 2017 Reviews

Read more

Acid Mothers Temple & Melting Paraiso UFO - Interstellar Guru…

Ma quant’è bello essere hippie? Insomma uno può prendere una di queste belle patatone anti-anoressiche in pieno stile Settanta, metterla…

15 Apr 2009 Reviews

Read more

Mingle – Static (Kvitnu, 2015)

Viaggia solo stavolta Andrea Gastaldello, in arte Mingle, dopo le ottime uscite in compagnia di Andrea Faccioli e Deison (ben…

09 Oct 2015 Reviews

Read more

Encode – Core (Ghost, 2011)

Incollati a piedi saldi negli anni '90 ma con voglia di rimettersi in pista, dopo un esordio  di ben 8…

20 Apr 2011 Reviews

Read more

Il Conte è tornato, intervista a Varg Vikernes

Ebbene sì, lui. Il vostro incubo peggiore, il Freddy Krueger dei microsolchi, Varg Vikernes, il celeberrimo one-man-band di Burzum è…

04 Mar 2011 Interviews

Read more

Lucas Abela: venti anni di talento e fantasia al servizio…

Lucas Abela, noto soprattutto con il suo pseudonimo di Justice Yeldham, ha appena celebrato il ventennale della sua attività; è…

30 Nov 2013 Interviews

Read more

Irata – S/T (Silber, 2010)

I comunicati stampa talvolta sono davvero fuorvianti; questo, che parlava di una commistione di drone, postrock e metal, mi aveva…

27 Jun 2010 Reviews

Read more

St.Ride – Deutschland Femdom (Solar Ipse, 2016)

Il corpus immenso della discografia degli St.Ride (tredici album, se non ho contato male), coi suoi continui mutamenti stilistici ed…

21 Sep 2016 Reviews

Read more

MojaSfera - Equilibrio Infranto (Autoprodotto, 2008)

A volte è davvero difficile. L'incomprensione, la poca disposizione all'analisi e spesso una buona dose di convinzioni dure a morire.…

17 Nov 2008 Reviews

Read more

Disco Doom – Trux Reverb (Defer/Static Cult, 2011)

Gli svizzeri Disco Doom li ricordavo di spalla ai Built To Spill nella loro data veronese del 2008: indie rock…

01 Apr 2011 Reviews

Read more

Low + Pikelet + Ponzu Island - 21/10/10 The Forum…

L'ultima delle tre serate che dedichiamo al Melbourne festival è quella dei Low ed è per me quella con le…

16 Sep 2010 Live

Read more

Daniele Santagiuliana – Jeremiad (Looney-Tick, 2014)

Da queste parti Daniele Santagiuliana l’abbiamo ascoltato per la prima volta sui dischi del duo Deison & Mingle: esoterico in…

22 Jul 2014 Reviews

Read more

Andrea Tich - Una Cometa Di Sangue (Snowdonia, 2014)

In periodo sanremese casualmente ci capita tra le mani il lost album del veterano Andrea Tich che, nonostante sia pubblicato…

18 Feb 2015 Reviews

Read more

Josco - Kahn Tam-ngan Roum Kan (Somehow, 2012)

Quando la situazione scappa di mano: l'irlandese Gerard McDermott aka Josco era intenzionato a pubblicare qualche remix del suo EP…

14 Jan 2013 Reviews

Read more

Wound/Keziah Mason – Split Tape (Teen Action, 2016)

La perseveranza, quella di stampo prettamente diabolico, è certamente l’elemento che più caratterizza il progetto Wound di Massimo Onza (anche…

24 Feb 2017 Reviews

Read more

Eniac - Camera 121 (Many Feet Under, 2013)

Nell'attesa della pubblicazione dell'album registrato a partire dalla sua residenza d'artista americana ad I-Park, il nostro Fabio Battistetti aka Eniac…

15 Jul 2013 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top