since 1997, our two cents on indie/punk/post/electronica and more...

Tag Archives: tribes of neurot

The Days Are Blood – S/T (Autoprodotto, 2013)

Ci sono duo strumentali e duo strumentali. Fatto salvi quelli dediti all’improvvisazione radicale che in linea di massima, lo sapete, ci piacciono assai, buona parte degli altri sulla piazza inseguono ancora formule matematiche scadute o il suono di San Diego dei ’90. Per carità, sui dischi della Three One G e dei Lightning Bolt ci siamo fatti le pippe tutti, ma adesso che sono passati gli anni sarebbe forse il caso di smetterla e dedicarsi a pratiche più appaganti. Ci sono però anche alcuni intraprendenti che battono strade non scontate: The Days Are Blood sono fra questi. …

Read more

Lucifer Big Band – Atto I (Bloody Sound Fucktory, 2012)

La big band di Lucifero – chi l’avrebbe mai detto? – è una one man band: lo sottolinea l’idolo di pietra che ci sbeffeggia dalla copertina. All’interno, una scritta al centro di una stella irregolare, composta da molteplici triangoli, ci annuncia trattarsi dell’Atto I. La faccenda si mette male. …

Read more

Mamuthones – S/T (Boring Machines, 2011)

Continua il cammino dei Mamuthones che da progetto del solo Alessio Gastaldello (ex Jennifer Gentle) diventa ora un vero gruppo con gli inserimenti di Marco Fasolo alla chitarra e Maurizio Boldrin alla batteria, musicista proveniente dal giro beat dei '60 ma con interessi evidentemente disparati, come dimostra MJ74, una sua composizione d'epoca qui inclusa.

Read more

Harvestman – In A Dark Tongue (Neurot, 2009)

Continua, lontano dal pantano in cui si sono ormai arenate le carriere di Neurosis e Tribes Of Neurot, il percorso di Harvestman. L'alter ego del chitarrista cantante Steve Von Till, approfondisce qui alcuni discorsi iniziati con precedente Lashing The Rye e riesuma idee musicali che antichi progetti non avevano portato a compimento. Quasi assente la voce, rari i ritmi, assolute padrone della scena sono le chitarre, fra infinite sovraincisioni e dilatazioni che, fortunatamente, non abusano di echi e delay, trovando una varietà di soluzioni che mancava all'album precedente. …

Read more
Back to top