Scott McCloud: dai Girls Against Boys ai Paramount Styles, alive and kicking!

Forse non è necessario fare introduzioni, ma visto che nel mondo che è venuto dopo l’esplosione della rete il tempo oltre che scorrere "lungo i bordi" corre molto più veloce e la memoria storica è da sempre quella che è (come forse è giusto che sia), forse è meglio dire prima di tutto un paio di cose. Al di là dei disquisizioni se sia peggio vivere in un eterno presente o essere schiavi di una memoria ipertrofica, Scott McCloud ha suonato in alcuni dei miei gruppi preferiti e ha realizzato alcuni dischi che tutt’ora restano il simulacro dei sogni bagnati di parecchi musicisti della generazione post-hardcore e noise fra tardi anni Ottanta e primi Novanta. Non pago di aver suonato in almeno due gruppi di culto come Soulside e Girls Against Boys (come se i New Wet Kojak fossero da meno…), questo neo papà è al secondo giro di boa con il suo nuovo progetto, i Paramount Styles. Seppur sia passato parecchio in sordina rispetto al potenziale di molti dei pezzi scritti da Scott, i Paramount hanno reso felici molti orfani di quel cantautorato rock "diverso" che in altre epoche aveva reso celebri gruppi come i dEUS (con cui non a caso il nostro eroe aveva collaborato). Purtroppo lo spazio di un’intervista è troppo breve per potersi sbizzarrire a fare domande su ogni singolo progetto, ma McCloud ha anche collaborato a progetti diversi come il gruppo electro-punk Operator, in cui il nostro lavorava in copia con niente poco di meno che Teho Teardo e ha prestato la voce anche al lavoro d’esordio degli String Of Consciousness di Philippe Petit.

Scott McCloud: dai Girls Against Boys ai Paramount Styles, alive and kicking! Read More

Johnny Grieco: dai Dirty Actions a tronista mancato

Johnny Grieco detto "il bello" incarna perfettamente l'eroe tragicomico impersonato da Mickey Rourke nello stupendo The Wrestler, con l'attenuante che, a differenza del malandato lottatore, il nostro Gianfranco non si piega (o non si piaga) per sopravvivere ad un presente implacabile ed incomprensibile, ma al contrario si ostina a lottare e scalpitare per trovare una propria dignità (o indegnità) nel caos definitivo che anticipa il crollo della galassia centrale. Io lo stimo sinceramente Johnny il bello.

Johnny Grieco: dai Dirty Actions a tronista mancato Read More
paperback_freud

Paperback Freud – All In A Day’s Work (Longfellow Deeds, 2008)

In ogni caso fanno simpatia quegli artisti che propongono quanto di più fuori moda e dimenticato sia possibile farsi venire in mente. E già che ci siamo farei un sondaggio: quanti di voi hanno mai visto una street rock ‘n' roll band dal vivo? Pochi scommetto. Oggi come oggi, in Europa almeno, chi ha voglia di cantare di scopate, macchine veloci e superalcolici?! Non è aria, anche questo è vero, però, se potessi averne l'occasione andrei a vedermi più che volentieri questa manica di debosciati (francesi tra l'altro!) in un qualche pub di periferia.

Paperback Freud – All In A Day’s Work (Longfellow Deeds, 2008) Read More
leli300_____________________

Le-Li – My Life On A Pear Tree (Unhip/Garrincha, 2010)

Parlavamo tempo fa di pop pandistelle, ed eccolo qua il regalo perfetto per Emiliano Zanotti, il debutto di Le-Li: qui è tutto un bigino di certe sonorità scacciapensieri, fino a sfiorare la copia di mille riassunti ma senza farti dimenticare quanto ti possa essere piaciuto il genere. Leli (ovvero Elisa De Munari) è una ragazza vicentina, che dopo un diploma in contrabbasso e dopo aver fatto il dams a Bologna, imbraccia la chitarra e si immerge nel mondo fatato di canzoni sussurrate e filastrocche che si consumano come neve al sole.

Le-Li – My Life On A Pear Tree (Unhip/Garrincha, 2010) Read More