since 1997, our two cents on indie/punk/post/electronica and more...

Tag Archives: andrea faccioli

Mingle – Static (Kvitnu, 2015)

Viaggia solo stavolta Andrea Gastaldello, in arte Mingle, dopo le ottime uscite in compagnia di Andrea Faccioli e Deison (ben tre dischi nel giro di un anno, tutti di gran livello) e dopo le uscite per Aagoo si accasa alla Kvitnu, etichetta Ucraina transfuga a Vienna a causa della guerra, con all’attivo uscite, fra gli altri, di Plaster e Pan Sonic. Un cambio di scenario che non poteva non riflettersi in modo importante anche sul suono.   …

Read more

Deison & Mingle – Low Blood Pressure, Final Muzik CD Singles Club 02 (Final Muzik, 2014)

Di tutte le annunciate uscite del Singles Club della Final Muzik, questo Low Blood Pressure è l’unica a non essere uno split bensì una collaborazione fra Deison e Mingle, vale a dire quell’Andrea Gastaldello che già avevamo conosciuto nell’ottimo Dissangue insieme a Andrea Faccioli. Anche in questo caso, sebbene le coordinate siano affatto diverse, il connubio funziona a meraviglia. …

Read more

Faccioli/Gastaldello – Dissangue (Autoprodotto/Tulip, 2013)

Non è raro, fra i musicisti del giro avant e non solo, ritrovarsi in studio, suonare e “vedere quello che viene fuori”. Più raro è che il risultato sia non la somma o, nei casi più fortunati, il prodotto delle parti, ma qualcosa di totalmente altro, che vada oltre lo stile e la formazione dei musicisti coinvolti e si presenti con una propria personalità e autonomia. È il caso di questa collaborazione fra Andrea Faccioli (in arte Cabeki, attivo anche negli Å) e Andrea Gastaldello (alias Mingle, anche in forza ai De Curtis), un disco che porta un titolo bellissimo, privo di significato letterale e fertile di suggestioni. …

Read more

Prospekt – Airlines (Intellilab, 2008)

Ed eccolo qui il secondo lavoro dei bresciani Prospekt: dalla musica per aeroporti a quella già in volo. Un deciso passo in avanti rispetto all'esordio, con padronanza di ritmo (Krieg), che in verità spesso viene abbandonato, privilegiando viaggi cosmici come nell'iniziale Boarding, nella centrale Part, supportate da una linea di basso di matrice funk. Le influenze sono varie in questa abbondante mezz'ora, dal kraut rock, agli statici droni della musica ambient, senza picchi o crescendi che tradiscano in qualche modo un'emozione o un sentimento. …

Read more
Back to top