The Star Pillow – Symphony For Intergalactic Brotherhood (Boring Machines, 2018)

Cosa si può ancora dire della musica di The Star Pillow? Col suo progetto Paolo Monti  esplora le possibilità espressive date dalla chitarra combinata ad effetti e laptop spostando la ricerca sempre più in là, attraverso mutamenti difficilmente percepibili a… orecchio nudo, specie se si è seguito ininterrottamente il percorso del musicista almeno a partire da All Is Quiet (2015); può sembrare una semplice questione di sfumature, ma è in casi come questo che le sfumature sono importanti. Symphony For Intergalactic Brotherhood, sarà l’ispirazione spaziale, porta il processo di astrazione del suono al probabile punto di non ritorno: a parte l’incipit di An Interstellar Handshake la sei corde non si rivela mai in quanto tale, preferendo dissolversi in morbidi droni solo raramente addensati in sequenze più scure. Poi, quando riuscite ad immergervi nel suono, nella coltre che in prima battuta vi appariva indistinta, iniziate adistinguere le vibrazioni che animano la malinconica My Dear Elohim conducendola a un finale stridente, i toni più crudi che aprono From Dust To Stars che viene poi scossa da cori spettrali e la partitura quasi classica di An Interstellar Handshake che a tratti sembra una composizione per organo e strumenti ad arco (è anche una musica di miraggi, questa). Avevamo già scritto che gli album di The Star Pillow richiedono totale dedizione e lo confermiamo; aggiungiamo però che è anche musica che vive per il momento e non solo quello in cui viene creata, anzi, soprattutto per quello in cui, superata la prima impressione di immobilità, riuscite a sintonizzarvi sulla sua lunghezza d’onda, il momento in cui  finalmente vi parla. È allora che comincia quello che a parole non possiamo descrivere.

Tagged under: ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Spring Sale! - Drown Yourself In Shoes and Sweaters (Betulla,…

Il 2006 è stato l'anno delle rivelazioni o presunte tali; dalle nostre parti si sono visti i veronesi Canadians nascere…

06 Jan 2007 Reviews

Read more

Peter Kernel - White Death Black Heart (On The Camper,…

Dalla Svizzera con furore. E' proprio il caso di dirlo, visto che mi ero imbattuta in un live dei Peter…

26 Oct 2011 Reviews

Read more

Lightning Bolt + Zu + Ovo - 18/11/08 Interzona (Verona)

Mi era stato riferito, da fonti attendibili, che sarebbe stato il loro ultimo tour. Mi avevano detto che, almeno una…

25 Nov 2008 Live

Read more

qqqØqqq – A Lustrum Before Revelations (Casetta/È Un Brutto posto…

Stravolge la successione temporale l’ultimo lavoro del duo trevigiano qqqØqqq: registrato nel 2015, ben prima della pubblicazione di Burning Stones…

01 Aug 2021 Reviews

Read more

Mamuthones - Sator (Boring Machines, 2010)

Con colpevole ritardo mi appresto a recensire quest'ultima uscita Boring Machines, trattasi di uscita stampata con copertina digipack in rilievo,…

22 Mar 2010 Reviews

Read more

Meneguar - Strangers In Our House (Troubleman United, 2007)

Avete mai notato che i dischi più fighi non li recensisce mai nessuno? Nelle liste di fine anno di solito…

11 Dec 2007 Reviews

Read more

The Moo-Rays - S/T (Autoprodotto, 2015)

Garage rock 'n' roll completamente sardo. Se cercavate il fil rouge tra i mammuthones (le maschere tradizionali, non la band)…

12 Feb 2016 Reviews

Read more

Visti e sentiti: cronaca frammentaria di un’estate in musica

Senza pretese di essere esaustivi, un rapido excursus su quanto ci è capitato davanti agli occhi (e nelle orecchie) in…

14 Sep 2012 Live

Read more

Plakkaggio HC - Ritorno Alla Pangea

Giunto al terzo lavoro (Approdo), dopo Il Nemico (2007) e Fronte Del Sacco (2009), questo terzetto di Colleferro sembra essere…

03 Aug 2013 Interviews

Read more

Mulatu Astatke - Mulatu Steps Ahead (Strut, 2010)

Mi sono avvicinato quasi per caso alla musica di Mulatu Astatke giusto poco prima di ascoltare questo suo nuovo disco…

27 Mar 2010 Reviews

Read more

Gypsophile - Assunta (Lenka Lente, 2006)

Non so praticamente nulla della canzone francese, i "buchi" nelle mie conoscenze musicali sono grossi come crateri; Guillaume Belhomme scrive…

03 Sep 2006 Reviews

Read more

Om – God Is Good (Drag City, 2009)

Con un titolo che li proietta di prepotenza nel pantheon del rock cristiano a fianco di nomi come Stryper e…

18 Dec 2009 Reviews

Read more

Bored Spies - Summer 720/Gerbils E (Damnably, 2013)

Ebbene sì, diciamolo: per alcuni come il sottoscritto il ritorno di Sooyoung Park (ex Seam, Bitch Magnet, EE, Team Xiaoping)…

10 Jun 2013 Reviews

Read more

Oracle – Going Up The River (Cynic Lab, 2009)

La carta dell'ironizzare sull'assetto strumentale basso-tastiere-batteria che fa tanto pèncfènc l'ho giocata nella recensione del party di compleanno del Megawolf, sono…

03 Mar 2010 Reviews

Read more

Bachi Da Pietra - 09/01/09 Morya (Cellatica - BS)

La neve, caduta abbondante in questo inizio d'anno sul basso Piemonte, ha causato l'annullamento della data dei Bachi Da Pietra…

27 Jan 2009 Live

Read more

Lords - This Ain't A Hate Thing, It's A Love…

Bisogna essere piuttosto intelligenti per non capire le operazioni intellettuali. Il concetto stesso di liberatorio pare essere più legato al…

16 Jul 2006 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top