Spring Sale! – Drown Yourself In Shoes and Sweaters (Betulla, 2006)

Il 2006 è stato l'anno delle rivelazioni o presunte tali; dalle nostre parti si sono visti i veronesi Canadians nascere dalle ceneri degli Slumber, lanciare un Ep riuscitissimo che strizzava un pò l'occhiolino ai Death Cab For Cutie, un pò ai Grandaddy e un pò agli Weezer e poi il botto: citazioni addirittura su NME, successo in rete pauroso (su myspace il singolo del gruppo veronese risultò ascoltato più di qualsiasi altra canzone dei loro beniamini Postal Service). Fino alla vittoria all'Heineken Jammin' Contest e alla conseguente registrazione-consacrazione del nuovo disco al Jungle Sound di Milano. Speriamo che ciò non dia alla testa a qualcuno o faccia morire d'invidia altri. Diciamo che le nuove canzoni dei canadesi lasciano ben sperare. Su questa scia sembrano inserirsi pure i piemontesi Spring Sale! che hanno già all'attivo un bellissimo video su Flux (Absolutely Bingo realizzato con gli omini playmobil) e una partecipazione alla compilation tributo A Century Of Covers dedicata ai Belle And Sebastian in compagnia dei Canadians dei loro conterranei (e devo dire ottimi) The Sad Snowman.
Ecco, gli Spring Sale! non possono non starci simpatici, si sente una pretesa (solo in parte riuscita e vedremo poi perchè) di condensare in un disco tutto l'indie rock anni '90 che ci ha fatto sognare, partendo dai Dinosaur Jr., Pavement o dai Sebadoh (Forever Gameover sembra presa pari pari dai primissimi Dinosaur con tanto di basso distorto in coda), con l'aggiunta di tastiere giocattolo folli che tanto tirano oggi. Sarà la voglia di appartenenza, la cura maniacale – quasi feticista- dell'immaginario indie. Sarà il sito molto curato, con con tanto di citazione delle loro scarpe preferite (vedi la copertina): dalle Adidas Steve Zissou LTD alle Converse Jak Purcell… Stilosi nerd fin che vuole, fatto sta che alla fine, come succede sempre, bisogna dare la priorità al disco. E ve lo dico ragazzi, l'attacco di Old Skoll: Cut And Paste mi ha fatto sobbalzare dalla sedia da quanto è bello… e non solo quel brano. Cavolo, qui dentro c'è tanta potenzialità, forse lo dico perchè sono stato sempre un fan come voi dei gruppi che amate/ avete amato. Ci sono alcuni però, e mi piange il cuore dirlo, magari prendetelo come consiglio per il futuro: avete dei pezzi con dei giri incredibili (tanto da prendere lin considerazione l'idea di poter diventare i successori degli Slumber), che vengono sciupati da un suono troppo spesso livellato, monocorde che rende il disco un pò piatto, soprattutto se parliamo di una durata di quasi 60 minuti. Magari avete voluto confrontavi con il suono saturo e lo fi dei vostri antesignani senza porvi troppo il problema della resa. Ed è la voce, come forse altri vi hanno notare, su cui soprattutto dovete lavorare, perchè ci può stare anche il cantato stonato nel genere, però qui sembra proprio che delle correzioni (anche alla pronuncia) vadano apportate. Usando un paragone di un grande recensore di qualche anno fa, si ha come l'impressione, ascoltando il disco, che si sia messa a punto una vecchia Rolls Royce, per poi finire col gettarla a folle velocità contro un muro. Perchè in fondo dal disco si sente che qualcosa di importante stava per succedere. Forse succederà, per adesso la promessa non è stata mantenuta fino in fondo.
Myspace qui.

Tagged under: , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Eugene S. Robinson & Philippe Petit – Last Of …

È piuttosto sorprendente la forma di questa collaborazione fra il prolifico Philippe Petit ed Eugene Robinson: non un album di…

12 Mar 2013 Reviews

Read more

M+A – Things.Yes (Monotreme, 2011)

Quando metto su questo esordio degli M+A non posso fare a meno di fermarmi dal fare quello che sto facendo…

18 Jan 2012 Reviews

Read more

AA.VV. - Tra(x)cce Su Eicool Sat. (Eicool Sat., 2007)

Per quanto sia rimasto relativamente perplesso nel leggere le note interne di questa compilation, tanto da pensare che Burroughs in botta…

24 Sep 2007 Reviews

Read more

Nihil Is Me - Nihilisme (8mm, 2008)

Partiamo subito dicendo che questo è un gran bel disco, ma è una sorpresa? Assolutamente no, Nihil Is Me al…

18 Feb 2008 Reviews

Read more

Bachi Da Pietra - Habemus Baco (Wallace/Tannen/La Tempesta, 2015)

Abbiamo il Baco, e sono già dieci anni, due lustri che Giovanni Succi e Bruno Dorella calpestano la terra, ben…

20 May 2015 Reviews

Read more

Franz Rosati - Theory Of Vortex Sound [Outflux I] (Ripples/Capillary…

Franz Rosati pubblica dischi fin dal 2007 e da buon programmatore multimediale costruisce de sé i propri strumenti, ovvero i…

31 Jan 2012 Reviews

Read more

The Ladybug Transistor - Can't Wait One Minute More (Mondo…

Se solo fossi un giornalista (cosa che per fortuna non sono) alzerei il culo per andare a vedere se si…

17 Dec 2007 Reviews

Read more

Massimo Olla - Life In A Sonic Free Form Research…

Percussioni, suggestioni e striscianti fruscii introducono il raffinatissmo lavoro di Massimo Olla che, a onor del vero, sembra non abbia…

04 Oct 2020 Reviews

Read more

Boslide - Nazisti Da Operetta (Death First!, 2019)

Spiace dover registrare il primo passo falso nella carriera del diabolico ed ambiguo gruppo romano: dopo due uscite in due…

24 Feb 2020 Reviews

Read more

MINIM – Construct (Kasuga Records, 2019)

Devo essere sincero, quando leggo che un disco è pubblicato in SD card metto mano alla pistola. Diciamo che, fuor…

09 Jul 2019 Reviews

Read more

Caligine - II 3” (Monstre Par Exces, 2009)

Ho tardato tanto a fare la recensione del debutto dei Caligine che hanno fatto in tempo a mandarci il secondo…

30 Apr 2009 Reviews

Read more

Richard Hell - Spurts: The Richard Hell Story (Rhino, 2005)

Riccardo Inferno. Personaggio cult o semplicemente grandissimo sfigato? Genio o re dell’aurea mediocritas del punk statunitense? Meglio non rispondere a…

19 Aug 2006 Reviews

Read more

Swedish Mobilia – It's Not Jazz, It’s Worse (Auand, 2016)

Se non apprezzassimo da tempo gli Swedish Mobilia – il trio composto da Andrea Bolzoni alla chitarra ed elettronica, Dario…

21 Mar 2017 Reviews

Read more

Maisie - Dal diario di Luigi La Rocca, cittadino (Snowdonia,…

Maisie di Syd Barrett ha più di 50 anni ed è la figlia sghemba di suo padre. Maisie di Alberto…

06 Feb 2022 Reviews

Read more

qqqØqqq – Burning Stones Of Consciousness (Casetta/DreaminGorilla e altre, 2017)

Sulla carta la proposta di qqqØqqq, il duo formato da  Tomaso Busatto e Carlo Mantione, sembra la perfetta somma dei…

26 Mar 2018 Reviews

Read more

Alice Kundalini & Luca Sigurtà - Love, Noise and Yoga

21:17 di un qualsiasi sabato sera. Ho appena chiuso un’operazione economica virtuale che in un paio di settimane porterà dal…

22 May 2022 Articles

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top