Sigillum S – Coalescence of Time: Other Conjectures on Future (CD/LP Subsound, 2022)

L’incipit è immediatamente feroce ed animalesco, ferino, tipo una fossa cyborg. Come il più grande carnivoro malgascio i nostri sembrano sbranare costrutti artificiali con unghie, denti e frese. 3 minuti scarsi, per dare un tono all’ambiente. Eraldo Bernocchi e Paolo Bandera, coalizzati stabilmente, sono il ritratto di quanto l’erba cattiva non muoia mai. Insieme a loro, ormai da qualche anno, Bruno Dorella. Il fastidio, che determinati suoni scatenano, serve a non creare prigioneri ma ad azzannare la nostra attenzione, catapultandoci in quella che sembra una congrega di monaci zen dilaniata da un DJ dalle mani di piombo, e più si avanza più il carico si fa tosto. Guardate la copertina (a cura di Petulia Mattioli, splendido artwork sul serio), cemento, ruggine e chiodi, in apparenza ordinati. Ora immaginatevi in mezzo, alzando il volume, facendo vibrare il tutto e risuonando magneticamente, fino a diventare una calamita per chiodi e masse materiche di un certo peso. Questo è Sigillum S, possenza in apparenza confusa durante una danza. Volano sberle, cercare il colpevole è come beccare il soldato giusto in quel giochino infame, con 35 anni d’esperienza sanno benissimo come farci stare attenti, concentrati, sempre al limite. A tratti appare un piano, quella che sembra una betoniera, delle presenze di altri mondi, campane, sabbia e cemento: la grazia con la quale i Sigillum S costruiscono questi stralci è ben più che prassi od allenamento, c’est la classe.
Pochi giorni fa i tre fusti posavamo con veemenza dinnanzi alla Casa per Anziani Umberto I di Pordenone, in zona per il XIX Congresso Post Industriale. Senza scherzare troppo li definii l’utenza del mio Centro Diurno ideale, struttura immaginifica con attività come:
NOISE 24/7, MAGLIA E CUCITO, CACCIA ALLE RANE, CICUIT BENDING E BARBERA, ECONOMIA DOMESTICA, CONFERENZA “come sposare moshpit e fratture al femore”.
Una boutade, certo, ma immaginiamoci per un secondo che il mondo abbia potuto prendere questa via, una società finalmente aperta e sposata al rumore come virtù, all’espressione senza freni come esperienza validante e comune. Faremmo colazione al mattino canticchiando il groove assassino di Encapsulating A Star Output come se i nostri fossero i Benny Benassi di un giusto pianeta. Quando poi i toni si allentano, dopo aver mandato in acido un’intera cultura si tratta di Extinction, quindi la positività non sembra essere fra le pagine di questo racconto sonoro. Verso la fine si allacciano quindi pesanti scudisciate in cordoni per rinforzare la struttura di un’opera che, ad orecchie vergini, lascerà un attonito senso di soddisfazione.
A quelle esperte, beh, pure.
Electrica stazza.

Tagged under: , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Orko Trio – S/T (Dobialabel, 2011)

Disco dalle complesse architetture progressive rock questo esordio dell'Orko Trio, composto da Michele Cuzziol, Enrico Giletti e Giorgio Pacorig, gode…

22 Feb 2012 Reviews

Read more

Swedish Mobilia – Knife, Fork And Spoon (Leo, 2012)

Un trio all'americana, chitarra, basso e batteria, ma con un sound quasi nordeuropeo, stampati da un'etichetta Inglese, ma provenienti dal…

18 Jan 2013 Reviews

Read more

Il Cotone di Fukushima – Scie (Autoprodotto, 2013)

Dalla fertile Sardegna, fertile almeno dal punto della musica meno convenzionale, ci arriva l'esordio autoprodotto de Il Cotone Di Fukushima.…

27 Nov 2013 Reviews

Read more

Ka Mate Ka Ora - Violence (White Birch, 2012)

Terzo lavoro per i Pistoiesi Ka Mate Ka Ora, già trattati su questo sito con le due prove precedenti. Con…

21 Feb 2013 Reviews

Read more

Cronaca Nera - Non Consensual Violence (Luce Sia/Old Europa Cafe',…

Oscuro lavoro di power elettronica senza mezzi termini che in questa incarnazione vede tre illustrissimi dell'area grigia italica: il prolifico…

16 Apr 2019 Reviews

Read more

Satori Junk - S/T (Taxi Driver, 2015)

Stavo leggendo poc'anzi su una webzine concorrente (ebbene si, lo faccio) un'aspra critica al cantato definito "cantilenante" dei Satori Junk.…

09 Apr 2015 Reviews

Read more

Helios - Eingya (Type, 2006)

Paesaggi dipinti da un piano, pizzicati dolcemente da una chitarra e che descrivono i cicli delle stagioni e degli stati…

21 Nov 2006 Reviews

Read more

Stefano Ferrian - Lophophora (deNOIZE, 2012)

Stefano Ferrian (conosciuto ai più come chitarrista degli Psychofagist) ritorna con il seguito di quel primo capitolo in solo che…

28 Mar 2012 Reviews

Read more

Gesuco Razzati – S/T (Autoprodotto, 2013)

Manufatto di pregevole fattura, il CDr dei Gesuco Razzati, misterioso combo eporediese cultore del rumore prodotto con aggeggi elettronici e…

09 May 2013 Reviews

Read more

Xiu Xiu + Three In One Gentleman Suit - …

Ci sono gruppi che, pur apparendo a fine corsa per quel che riguarda la qualità delle produzioni discografiche, vale sempre…

09 Nov 2012 Live

Read more

Senyawa – Alkisah (Artetetra/Communion, 2021)

Per celebrale l'inizio del secondo decennio di attività, il duo indonesiano dei Senyawa dà vita a un progetto ambizioso appaltando,…

19 Mar 2021 Reviews

Read more

Vialka - Plus Vite Que La Musique (Vialka, 2007)

Credo fermamente che ci siano, da qualche parte, alcuni punti fermi a cui tutti i musicisti più o meno off…

19 Feb 2008 Reviews

Read more

Gianluca Becuzzi - (B)Haunted (Silentes, 2014)

Ogni tanto è utile un ripasso della fitta discografia di Gianluca Becuzzi, specie per quei titoli pubblicati in edizioni strettamente…

29 Sep 2014 Reviews

Read more

Clock DVA – 18/10/2014 Interzona (Verona)

Dopo la data saltata all’ultimo momento la scorsa primavera, finalmente si concretizza la possibilità di vedere i Clock DVA all’Interzona,…

24 Oct 2014 Live

Read more

Lucifer Big Band – Atto III (Bloody Sound Fucktory, 2017)

Dev’essere l’anno della chiusura delle trilogie il 2017: dopo Deison & Mingle tocca alla Lucifer Big Band completare il triangolo…

07 Jun 2017 Reviews

Read more

Ulan Bator - 09/04/10 Tipo 00 (Brescia)

Nei sotterranei del centro storico di Brescia stasera toccai ai francesi (ma da tempo italiani d'adozione) Ulan Bator, ancora una volta in…

03 Apr 2010 Live

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top