Noise Cluster And Stigmate – Extreme Sleepwalking (Grubenwehr, 2022)

Quale possa essere il suono dell’oggi è una domanda inevitabilmente destinata a rimanere senza risposta: troppi sono gli “oggi” che riempiono la nostra contemporaneità, sebbene alcuni abbiano più peso di altri. Proviamo allora con una domanda un po’ più semplice, poi magari ci torniamo: cosa sia un’ Extreme Sleepwalking bastano i primi secondi di Mindbender, per capirlo, fra incedere ritmico a metà fra il marziale e l’ipnotico e suoni che imperversano dintorno, immergendoci in un’atmosfera allucinata dove tutto si dissolve. Questo è un buon punto di partenza: benvenuti nell’universo creato da Noise Cluster (duo romano composto da Flavio Derbekannte e Arianna Degni Lombardo) e Stigmate (il sardo Nicola Locci). Musica industriale che si abbevera ai tempi in cui il genere non era ancora codificato e ci si poteva trovava dentro di tutto (non a caso un certo spirito kraut, che dell’industrial fu, in alcuni suoi elementi, precursore, qui aleggia in diverse tracce). Ma troviamo anche echi di quell’elettronica ’80 – ’90 che aveva strettissime connessioni con la cultura veramente underground (lo so, adesso il termine suona da schifo ma, se c’eravate, capirete) e mi verrebbe da sparare il nome dei Clock DVA, non tanto come riferimento stilistico, quanto culturale: elettronica come amplificatore dell’umano, delle sue pulsioni, delle sue paure. Tutti riferimenti “antichi”, direte, ma non siamo di fronte a un eterno ritorno dell’uguale (ve l’aspettavate un’altra guerra in Europa?) e al concretizzarsi di paure che, fino a poco tempo fa, appartenevano solo a vecchi racconti di fantascienza? Eccoci allora immersi nel suono cupo, pesante, paranoico di una Death Vision che si divide fra glitch e batterie infernali, negli orizzonti lividi di Where I Am squarciati da lampi elettronici e suoni di tromba stranianti, nella paranoia liquida di Dim Light, fra ritmiche da contatore geiger e coltri di synth che si dispongono, solo apparentemente leggere, una sull’altra, nella pace illusoria dei field recordings di The Fall,  fino al definitivo perdersi nei paesaggi kraut fra il mistico e il disturbante di Brain Damage. È musica strutturata, quella di Extreme Sleepwalking, che non sprofonda mai nell’abisso del caos (i rari inserti free noise sono sempre funzionali alle composizioni) ma che, nella sua esplorazione degli stati di coscienza, è in continua mutazione, ed è quindi impossibile trovarvi punti di riferimento sicuri: un lavoro del genere sarebbe probabilmente piaciuto a un indefesso sperimentatore come William Burroughs, ma, invertendo il punto di vista, viene da chiedersi se, in qualche modo, non ne abbia ispirato la genesi. Tornando quindi alla domanda d’apertura, non so ancora dirvi se quello di Extreme Sleepwalking sia il suono dell’oggi, ma sicuramente è musica che ben rappresenta questi tempi cupi: no, non state sognando.

Tagged under: , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Simon Balestrazzi – The Sky Is Full Of Kites (Boring…

Abbiamo più volte avuto occasione di segnalare la prolificità di Simon Balestrazzi, sia in solo che in collaborazione con altri…

29 Jun 2012 Reviews

Read more

Red Worms' Farm + Squadra Omega + A Flower Kollapsed…

Fra i tanti festival che si propongono di riempire le lunghe e caldi notte estive nella Pianura, quello di Curtarolo,…

29 Jul 2011 Live

Read more

Putan Club – 10/04/10 Le Tits (Brescia)

A un solo giorno di distanza da Amaury Cambuzat coi suoi Ulan Bator anche il cugino Francois (già Gran Teatro…

08 Apr 2010 Live

Read more

The Ex + Ililta Band - 21/03/09 Interzona (Verona)

Trent'anni (beh, qualcuno quasi cinquanta, mi sa...) e non sentirli. Gli olandesi The Ex, in occasione del trentennale, battono…

28 Mar 2009 Live

Read more

Monarch – Sabbath Noir (Heathen Skulls, 2010)

Fra le cose migliori del cospicuo bottino di dischi che il boss ha portata dall'Australia c'è questo vinile dei francesi…

03 Jan 2011 Reviews

Read more

Kleistwahr - Music For Zeitgeist Fighters (Nashazphone, 2017)

Questo è il quarto disco dal ritorno sulle scene di Gary "Ramleh" Mundy con uscite a nome Kleistwahr e devo…

15 Sep 2017 Reviews

Read more

Mother – S/T (Commando Vanessa, 2019)

C’è in giro una nuova etichetta, nata dall’inesauribile substrato della città di Torino: Commando Vanessa è ambigua fin dal titolo,…

15 Oct 2019 Reviews

Read more

Vortice Di Nulla – The Roundabouts Mania (Trazeroeuno, 2010)

A dispetto delle malinconiche immagini del packaging del cd, si presentano invece rocciosissimi all’ascolto questi Vortice Di Nulla. Si muovono…

15 Jan 2011 Reviews

Read more

Sic Alps + Movie Star Junkies – 28/04/12 – Interzona…

Ci volevano proprio i Sic Alps per decidermi ad uscire di casa, stasera. Il fatto che fossero spalleggiati dai Movie…

18 May 2012 Live

Read more

The Soul - Hardfunkinvasion (Autoprodotto, 2009)

Lo avevamo incontrato sulla doppia compilation di funk italiano assemblata sotto la supervisione di Bobby Soul ed ecco qui il…

01 Nov 2009 Reviews

Read more

Panel Of Judges + The Aesthetics + Zond + Hissey…

Serata di band locali assieme ai "cugini" neozelandesi The Aesthetics in uno dei locali con la più lunga tradizione per…

20 Sep 2010 Live

Read more

Yalda - Tavallodi Digar ( CD Taxi Driver, 2022)

A novembre dello scorso anno Massimo Perasso mi passa un live degli Yalda, conoscendo la mia passione per le voci…

23 Jun 2022 Reviews

Read more

The Drift - Money Drawings (Temporary Residence, 2008)

Parlando di questi The Drift possiamo aprire su tutta una serie di considerazioni più o meno interessanti a seconda di…

12 Feb 2008 Reviews

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 16 (05/02/15)

Per la puntata numero sedici della terza stagione di The Sodapop Fizz Emiliano e Stefano ospitano in trasmissione Andrea Serrapiglio…

09 Feb 2015 Podcasts

Read more

Rella The Woodcutter – I Know When It's Time To…

Secondo capitolo della trilogia di Rella The Woodcutter su Boring Machines (che comprende anche uno split 7" con My Dear…

11 Apr 2012 Reviews

Read more

Carver - Raw (Setola Di Maiale, 2010)

Strani casi di omonimia, infatti questo gruppo si chiama come un combo emo-core/indie rock che qualcuno ricorderà di spalla ai Locust.…

27 Jan 2011 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top