Sarram – A Bolu, In C (Talk About, 2017)

I rituali primitivo-futuristi degli Hermetic Brotherhood Of Lux-Or e di tutto il giro di Macomer, le sinfonie post-industriali orchestrate nel sud dell’isola da Corrado Altieri, Simon Balestrazzi, Gianluca Becuzzi e Massimo Olla, i vocalizzi stregheschi  fra avanguardia e tradizione di Dalila Kayros, le geometrie strumentali dei Plasma Expander, le arti improvvisative di Paolo Sanna, Elia Casu e degli altri artisti free sono solo alcune delle espressioni musicali attraverso cui la Sardegna dà voce alle proprie molteplici anime. A queste oggi si aggiunge quella di  Sarram, progetto di Valerio Marras (Thank U For Smoking, Spheres, Charun) incentrato sul suono di una chitarra che, grazie a un sapiente uso degli effetti, è  un’intera orchestra. Il termine “a bolu” in sardo ha a che fare col volo e la velocità e in effetti i 37 minuti del disco, un’unica traccia suddivisa in ben riconoscibili movimenti, suggeriscono un rapido excursus a volo d’uccello sui vari ambienti della Barbagia, zona montuosa che nelle serie fotografica di Borbore Frau che accompagna il disco (una stampa originale è inserita in ogni digipack) viene trasfigurata dal continuo passaggio dal macro al microcosmo e dall’uso di punti di vista insoliti. È dunque musica impressionista e poeticamente descrittiva quella che Marras ci propone: inizia come post-rock sognante per rabbuiarsi improvvisamente con distorsioni quasi neurosisiane e tornare poi a delicatezze che introducono l’unico momento ritmato del disco, cadenze elettroniche che si sovrappongono a suoni ambientali sullo sfondo. Da qui ci si immerge in un drone torbido dai toni decisamente drammatici smorzati da un nuovo inserto di melodie cristalline che concludono la prima parte del lavoro; il seguito si adagia su soundscapes che ripropongono in chiave ambientale, meno dinamica e senza soluzione di continuità, gli umori già espressi in precedenza. Da A Bolu, In C si esce  con quella sensazione di spaesamento che si ha quando ci si risveglia mentre si sogna o quando al cinema riaccendono le luci, segno che il disco funziona, riuscendo a trasportarci in una Barbagia che è al contempo luogo reale e della mente. Viste le precedenti esperienze di Marras non so se si possa parlare con ragione di esordio, fatto sta che Sarram è un progetto già dotato di piena maturità e molte – al momento poco prevedibili – possibilità di evoluzione: almeno una per ognuno dei generi interpretati in questo disco, al netto di tutte le possibili combinazioni.

Tagged under: , , , , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Sparkle In Grey - Thursday Evening (Grey Sparkle/Old Bycicle/Lizard/Show Me…

Buffo che mi accinga a scrivere del nuovo disco degli Sparkle In Grey proprio un giovedì sera, proprio quando "le…

07 Jan 2014 Reviews

Read more

Lilith And The Sinnersaints - The Black Lady And The…

Se i Misfits non avessero avuto ragione e questo non fosse l'infame e Violent World che è, non dovrei stare…

22 Apr 2008 Reviews

Read more

Sincope records: mamma mia quanto rumore!

Nei primi due anni di vita Sincope ha prodotto un buon numero di uscite, dedicandosi in primis alla musica che…

12 May 2012 Articles

Read more

Savage Republic – 27/01/10 Kroen (Villafranca – VR)

Non era vero niente, avevamo scherzato: il Kroen c'è ancora, gode di ottima salute e continua a proporre ottima musica.…

01 Feb 2010 Live

Read more

Larva 108 - Music For Cup Marked Stones (Inverno, 2011)

A poca distanza dall'uscita della raccolta per i primi dieci anni di Larva 108, Guido Bisagni (unico nome dietro a…

17 Apr 2011 Reviews

Read more

Bobby Soul E Il Maschio #1

Ammetto di essermici avvicinato quasi per caso. Nel modo più tipico poi: dal momento che qualcuno lo criticava, oltrettutto per…

18 Nov 2007 Interviews

Read more

31Knots - Worried Well (Polyvinyl, 2008)

In questi anni sulle pagine di Sodapop abbiamo sempre seguito i 31Knots, all'inizio con i primi due dischi di math…

05 Oct 2008 Reviews

Read more

Bass Tone Trap - Trapping (Music A La Coque, 2007)

Prima di entrare nel vivo della recensione mi sembra il minimo far notare che questo CD esce per quella Music…

15 Jun 2007 Reviews

Read more

Gablé - Cut Horse Cut (Loaf, 2011)

Un fantastico gruppo elettro-rock che non è certo semplice definire, non perché abbiano sovvertito le regole della musica, solo e…

26 May 2011 Reviews

Read more

Words And Actions / Red Sector A – Final Muzik…

Al quarto appuntamento il singles club della Final Muzik conferma la formula vincente di accostare nomi noti ad altri (relativamente)…

12 Sep 2014 Reviews

Read more

Lo Dev Alm - It Is Later Than You Think…

Era da un po' che non sentivo parlare di Pagliero e  poi in poco tempo mi capitato di vederlo impegnato…

26 Jun 2007 Reviews

Read more

Dalila Kayros – Transmutations part [I] - The Yin Side…

Mancava da tempo il nome di Dalila Kayros sulla copertina di un disco, dal 2013 per la precisione, anno di…

21 Mar 2018 Reviews

Read more

Taras Bul’ba – Amur (Wallace/Lizard, 2012)

Dopo la buona impressione che avevano fatto su queste pagine con Secrets Chimiques nel 2008, torna il trio milanese dei…

26 Nov 2012 Reviews

Read more

Free Nelson Mandoom Jazz - The Shape Of DoomJazz To…

Nell’approcciarsi a questo lavoro, la prima domanda che ci si pone è cosa sia peggio fra il nome che il…

28 Mar 2014 Reviews

Read more

...qualcosa come Old Bicycle Records ma 10 anni fa: Haru…

A volte basta un input per scatenare il passato, ricostruendo il percorso che ci ha portato fino a questo momento…

08 Aug 2016 Articles

Read more

IQ+1 ‎– Conversaphone Plus (Mappa Editions, 2019)

Un ensemble piuttosto interessante quello degli IQ+1 che con il nuovo album costruisce un linguaggio che si fa ben apprezzare,…

09 Feb 2019 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top