Deison & Mingle – Innersurface (ST.AN.DA., 2017)

La nuova collaborazione fra Andrea Mingle Gastaldello e Cristiano Deison (se non si conta il miniCD d’esordio per il single club di Final Muzik) chiude idealmente una trilogia finita la quale i due apriranno un nuovo capitolo (e a ribadire come in ogni fine c’è un inizio, Innersurface tiene a battesimo la neonata etichetta ST.AN.DA., giro Silentes). Attenzione però, dei tre album questo è il meno omogeneo musicalmente e, pur frequentando le atmosfere scure a cui i due ci hanno abituati, mette in luce una quantità e qualità di idee che lo proiettano già oltre i confini della trilogia, elaborando soluzioni che potrebbero essere sviluppate in futuro. Se la forma musicale è varia e difficile da circoscrivere in un determinato ambito il concept è profondamente unificante: l’idea di superficie interna attraversa con coerenza un disco che nei titoli e nei suoni sembra indagare quasi ogni accezione dell’idea di cavità come se solo lì, in spazi più o meno artificiali, fosse possibile trovare rifugio dal crollo contemplato in Everything Collapse(d), primo capitolo della saga. È in questi anfratti che la vita continua nelle mutevoli forme di Breach e Dissociation – soundscapes lividi sporcati da interferenze elettroniche che insieme al piano disturbato di It Was… sono il trait d’unoin più forte coi lavori precedenti – e nelle fredde sonorità che poco hanno di umano di Mud e Toxin. Più in profondità Cisterna intercetta correnti di densi liquidi ribollenti e li trasforma in ambient sussultante mentre Petrolio risuona in antri in cui i movimenti ritmici sono rallentati e i suoni inspessiti ed alterati, un microcosmo pulsante che segna uno dei picchi dell’album insieme a Meltdown, dove lo spirito robotico si unisce a quello animalesco dando vita a un brano dall’incedere maestoso. Non ci sono tuttavia cedimenti di sorta: Hole resuscita il dub che su Weak Life animava Circle Of Red Drops, Reverse seziona i Jesu più rarefatti con pesanti presse metalliche e ancora una volta una cover, stavolta Blato dei Borghesia, sigilla il tutto. Innersurface ci dice, nel caso non fosse ancora chiaro, che star qui a discutere anche solo vagamente di generi è inutile e nemmeno è più tempo di narrazioni: le energie vitali e creative si disperdono in mille rivoli e vanno ad alimentare vene sotterranee che, tornate in superficie, nutriranno nuove creazioni. Dobbiamo solo aspettare.

Tagged under: , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

I Rudi - Tre Pezzi Di Routine (Autoprodotto, 2013)

Bieco campanilismo. Questo rischio, parlando dell'ep de I Rudi, trio milanese sfacciatamente dedito - come la sottoscritta - a sonorità retrò (con…

05 Feb 2014 Reviews

Read more

Athletic Automation - A Journey Through Roman’s Empire (Skin Graft,…

Steve Mattos, chitarra, già con Arab On Radar, e Patrick Crump, batteria, formano insieme gli Athletic Automation,…

13 Nov 2007 Reviews

Read more

Fukjo - La Musica, Il Mare E La Deriva Occidentale…

Raffinato shoegaze nineties per questo inaspettato duo pugliese (Cerignola) che seppur dedito ad un cantato italiano nulla ha da invidiare…

02 Mar 2020 Reviews

Read more

Starcontrol - The Ages Of Dreams (Autoprodotto, 2012)

Secondo EP per il trio della provincia nord milanese, cinque tracce che appoggiano su suoni che pescano direttamente negli anni…

17 Jan 2013 Reviews

Read more

Walter Prati, Evan Parker/Lukas Ligeti, Joao Orecchia - Phonometak #9…

Il penultimo capitolo della Phonometak Series ospita le gesta di quattro bei nomi dell'improvvisazione, accoppiati due a due. Walter Prati…

03 Sep 2012 Reviews

Read more

Il buio ai margini di Drive-In: il ritorno degli '80s…

"Siamo arrivati così ai tanto vituperati Eighties, per l'inevitabile "revival" dei quali bisognerà forse attendere il giro di boa del…

07 Aug 2006 Articles

Read more

Julia Ensemble – S/T (Altrove, 2011)

Pianoforte, chitarra, batteria e contrabbasso, questo il nucleo sonoro centrale dei Julia Ensemble, a cui si aggiungono una pletora di…

11 May 2012 Reviews

Read more

Sparkle In Grey - The Calendar (Grey Sparkle/Under My Bed/Old…

Arrivo con una stagione di ritardo a parlare del nuovo lavoro degli Sparkle In Grey che pubblicano un disco a…

06 Nov 2014 Reviews

Read more

Death Mantra For Lazarus - Mu (Grammofono Alla Nitro, 2010)

Ancora tu? Ma non dovevamo vederci più? Non parliamo ovviamente di Lucio Battisti, il cui ritorno ci inquieterebbe assai, essendo…

16 Jun 2010 Reviews

Read more

Laura Loriga - Vever (Ears&Eye 2022)

Di Laura Loriga avevo un bellissimo ricordo. La Maison Verte, datato 2016, mi sembrava l’unione quasi perfetta tra i tratti…

28 Apr 2022 Reviews

Read more

Rospi In Libertà - 12-21/08/11 Rocca Dei Tempesta (Noale -…

Estate non densissima di concerti questa, almeno per noi. Un po' di vacanze, dai... Certo, qualcosa si è visto, ma…

04 Sep 2011 Live

Read more

Sufjan Stevens - The Age Of Adz (Asthmatic Kitty, 2010)

Quando meno te lo aspetti, in un anno deludente per l'indierock arriva uno dei dischi migliori da anni: è l'ennesima…

29 Oct 2010 Reviews

Read more

Marc Urselli ovvero il fonico di John Zorn, Laurie Anderson,…

Negli ultimi anni è apparso con sempre maggiore evidenza quanto sia importane il ruolo del fonico per la riuscita di…

28 Mar 2009 Interviews

Read more

Daniele Santagiuliana – La Cupa (Looney-Tick, 2021)

Fra le tante identità che l’espressività di Daniele Santagiuliana assume o ha assunto (The Anguish, Anatomy, Kotha, Testing Vault, giusto…

20 Dec 2021 Reviews

Read more

Sneers - Tales For Violent Days (LP God Unknown, 2022)

Quinto disco in 9 anni per Maria Greta e Leo, ovvero gli Sneers. Una continuità che non dà adito a cedimenti,…

29 Mar 2022 Reviews

Read more

Damo Suzuki’s Network - Tutti I Colori Del Silenzio (Wallace/Palustre,…

Trattasi di un live molto ben registrato e per di più corredato di grafica piuttosto carina, se ciò non bastasse…

26 Feb 2009 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top