Deison & Mingle – Innersurface (ST.AN.DA., 2017)

La nuova collaborazione fra Andrea Mingle Gastaldello e Cristiano Deison (se non si conta il miniCD d’esordio per il single club di Final Muzik) chiude idealmente una trilogia finita la quale i due apriranno un nuovo capitolo (e a ribadire come in ogni fine c’è un inizio, Innersurface tiene a battesimo la neonata etichetta ST.AN.DA., giro Silentes). Attenzione però, dei tre album questo è il meno omogeneo musicalmente e, pur frequentando le atmosfere scure a cui i due ci hanno abituati, mette in luce una quantità e qualità di idee che lo proiettano già oltre i confini della trilogia, elaborando soluzioni che potrebbero essere sviluppate in futuro. Se la forma musicale è varia e difficile da circoscrivere in un determinato ambito il concept è profondamente unificante: l’idea di superficie interna attraversa con coerenza un disco che nei titoli e nei suoni sembra indagare quasi ogni accezione dell’idea di cavità come se solo lì, in spazi più o meno artificiali, fosse possibile trovare rifugio dal crollo contemplato in Everything Collapse(d), primo capitolo della saga. È in questi anfratti che la vita continua nelle mutevoli forme di Breach e Dissociation – soundscapes lividi sporcati da interferenze elettroniche che insieme al piano disturbato di It Was… sono il trait d’unoin più forte coi lavori precedenti – e nelle fredde sonorità che poco hanno di umano di Mud e Toxin. Più in profondità Cisterna intercetta correnti di densi liquidi ribollenti e li trasforma in ambient sussultante mentre Petrolio risuona in antri in cui i movimenti ritmici sono rallentati e i suoni inspessiti ed alterati, un microcosmo pulsante che segna uno dei picchi dell’album insieme a Meltdown, dove lo spirito robotico si unisce a quello animalesco dando vita a un brano dall’incedere maestoso. Non ci sono tuttavia cedimenti di sorta: Hole resuscita il dub che su Weak Life animava Circle Of Red Drops, Reverse seziona i Jesu più rarefatti con pesanti presse metalliche e ancora una volta una cover, stavolta Blato dei Borghesia, sigilla il tutto. Innersurface ci dice, nel caso non fosse ancora chiaro, che star qui a discutere anche solo vagamente di generi è inutile e nemmeno è più tempo di narrazioni: le energie vitali e creative si disperdono in mille rivoli e vanno ad alimentare vene sotterranee che, tornate in superficie, nutriranno nuove creazioni. Dobbiamo solo aspettare.

Tagged under: , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Dwarfs Of East Agouza / Chris Corsano & Bill Orcutt…

Dopo il recente e interessante Carte Blanche, continua la Saraswati Series della Unrock con il nuovo capitolo split Electric Smog,…

13 Jun 2019 Reviews

Read more

Vieri Cervelli Montel - I (Tanca, 2022)

Quel che appare chiaro ascoltando per le prima volte il lavoro di Vieri Cervelli Montel è la sua capacità lirica,…

29 Jul 2022 Reviews

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 12 (08/01/15)

Dodicesima puntata della terza stagione di The Sodapop Fizz: Emiliano in solitudine presenta una selezione di brani da dischi comperati…

12 Jan 2015 Podcasts

Read more

Spring Sale! - Drown Yourself In Shoes and Sweaters (Betulla,…

Il 2006 è stato l'anno delle rivelazioni o presunte tali; dalle nostre parti si sono visti i veronesi Canadians nascere…

06 Jan 2007 Reviews

Read more

Cortez - Phoebus (Get a Life, 2013)

Una cascata lavica di feedback dalla pacifica svizzera. Pubblicano questo Phoebus, secondo disco sulla lunga distanza gli elvetici Cortez, già…

28 Mar 2013 Reviews

Read more

Ed Wood Jr – Silence (Swarm Records, 2011)

"Inspired by Don Caballero, Battles or Monument To Masses", dicono le note stampa che accompagnano Silence e davvero questa recensione…

13 Dec 2011 Reviews

Read more

Kitchen Door - Sodapop Edition n.7

Apriamo l'anno con un rapido sguardo a quello appena trascorso: un pugno di canzoni che ci sono sembrate significative…

09 Jan 2011 Podcasts

Read more

Father Murphy - Pain Is On Our Side Now (Aagoo/Boring…

Non saprei dire quale momento o quale situazione della giornata sia più adatto per ascoltarsi un lavoro dei Father Murphy:…

29 Jan 2014 Reviews

Read more

dTHEd - Art for the Neurodiverse

Andrea Ongarato, in un'intervista rilasciata a Nazim Comunale per Sentireascoltare nel gennaio del 2020, parla dei dTHEd come un progetto…

03 Oct 2022 Reviews

Read more

Simm - Too Late To Dream (Ohm Resistance, 2021)

Il bello arriva quando si perdono le speranze, rilasciando i propri gesti più intimi e personali senza più remore. Terza…

23 Nov 2021 Reviews

Read more

Manuel Mota - Hieme / Lux / Via (Headlights, 2022)

Ascolto Manuel Mota da quasi 25 anni, era infatti il 1999 quando pubblicava I Wish I’d Never Met You sulla…

16 Aug 2022 Reviews

Read more

Nziria - xxybrid (Digital, Never Sleep 2022)

Nziriaa è l’alias di Tullia Benedicta, artista a me sconosciuta rimbalzata più volte nel mio mondo grazie al suo debutto…

05 Jul 2022 Reviews

Read more

Plasma Expander - S/T (Wallace/Here I Stay, 2007)

L'ennesimo frutto del sottobosco che esordisce su Wallace? Degli esordienti?...direi che sì per la prima, visto tratta di un esordio,…

31 Jan 2007 Reviews

Read more

Mangia Margot - Maddalena, Maria (Autoprodotto, 2009)

Mi rendo conto che ormai buona parte dei gruppi in circolazione sono costituti da due elementi, con la batteria abbinata…

03 Dec 2009 Reviews

Read more

Philippe Petit - Oneiric Rings On Grey Velvet (The Extraordinary…

Rieccoci ad uno degli appuntamenti annuali con il signor Philippe Petit, che insieme a Fabio Orsi e Gianluca Becuzzi non…

22 Mar 2012 Reviews

Read more

Claudio Rocchetti/The Haunting Green – Final Muzik CD-Singles Club 05…

Laddove anche gli Psychic TV fallirono -pubblicare un disco al mese per un periodo prolungato- la Final Muzik persevera con…

06 Oct 2014 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top