qqqØqqq – Burning Stones Of Consciousness (Casetta/DreaminGorilla e altre, 2017)

Sulla carta la proposta di qqqØqqq, il duo formato da  Tomaso Busatto e Carlo Mantione, sembra la perfetta somma dei progetti di partenza dei musicisti coinvolti, l’elettronica di Plasst e il chitarrismo post-rock dronante di Contemplatio; invece, all’atto dell’ascolto, la fusione fra digitale ed elettrico, col primo elemento che prende la forma di ritmiche e droni e il secondo di melodie dilatate, appare tanto felice da rappresentarne il prodotto. Di primo acchito questa musica stratificata ed evocativa potrebbe sembrare la versione italica di Harvestman; una definizione certamente semplicistica ma a ben vedere non così sbagliata, dato che i due progetti battono con evidenza strade affini, quelle di un folk che si avvia verso percorsi cosmici e nel farlo resuscita e porta con sé memorie ancestrali. Se e quanto il progetto di Steve Von Till abbia ispirato il più giovane combo italiano non so dirlo, quello che appare evidente è che siano in buona parte comuni le fonti d’ispirazione – anche extramusicali – che prendono poi toni personali a seconda della cultura dei musicisti. Il suono di qqqØqqq è dunque scevro di ruvidezze di natura post-core (rintracciabili in parte solo nella vorticosa All This Haviness Is Just My Monolithic Self) e tende piuttosto alla sfumatura, così come gli dei che evoca non sono rudi figure nordiche ma più raffinate e complesse divinità mediterranee (I Perceive The Peak So Clearly I Can Embody It, impreziosita dal flauto di Zyklus). Fondamentale è poi il sempre presente elemento ritmico che pone le composizioni in sospensione fra meditazione e antica cerimonialità, oltre che creare insoliti e potenti effetti ipnotici combinandosi con le melodie (Eternal Void In Which The Entirety Of Emptiness Is Summoned e Crumbling Plains And Burning Stones Of Consciousness, in collaborazione con H!U). Al quarto lavoro sulla lunga distanza (contando anche lo split con Murmur Mori e Yurugu’S Speech) qqqØqqq ci consegna un’opera matura e perfettamente a fuoco, un approdo sicuro e al contempo base di partenza per nuovi viaggi spazio-temporali.

Tagged under: , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Audrey - The Fierce And The Longing (Tenderversion, 2008)

Le Audrey sono un gruppo femminile scandinavo e The Fierce And The Longing è il loro secondo disco; non avendole…

10 May 2008 Reviews

Read more

The Spook Of The Thirteenth Lock - S/T (Transduction, 2008)

Nonostante sforni dischi postrock interessanti e abbia collegamenti con un paio di band Giapponesi, la Transduction non è una etichetta…

02 Jun 2008 Reviews

Read more

Arkadia - Polvere Ep (Autoprodotto, 2007)

Non inganni la copertina alla Overkill, i bergamaschi Arkadia flirtano con la melodia quanto i vecchi Newyorkesi lo facevano…

30 Mar 2008 Reviews

Read more

Lee Ranaldo – 22/06/13 Castello Scaligero (Valeggio Sul Mincio –…

Dopo una stagione che, nella storica sede di Villa Zamboni, ha messo in fila diversi bei nomi, l'associazione Humus si…

05 Jul 2013 Live

Read more

Twenty Miles To Mother - S/T One Sided 7" (Hanged…

Con colpevole ritardo ci occupiamo dei Twenty Miles To Mother gruppo che, nato dalle ceneri dei salentini  Suburban Noise e…

22 Mar 2011 Reviews

Read more

Md. After Hussain & Paq – Matir Gaan: Songs From…

La musica è sempre fatta da incontri. Che siano due persone, oppure una corda con un dito. Md. After incontra Andrea…

12 Apr 2022 Reviews

Read more

Starcontrol - The Ages Of Dreams (Autoprodotto, 2012)

Secondo EP per il trio della provincia nord milanese, cinque tracce che appoggiano su suoni che pescano direttamente negli anni…

17 Jan 2013 Reviews

Read more

The Young Gods – 3/11/2018, Workout Pasubio (Parma)

Il Rumore Del Lutto, festival che indaga i confini fra vita e morte, è ormai un appuntamento fisso dell’autunno parmigiano,…

08 Nov 2018 Live

Read more

Larsen Lombriki - Free From Deceit Or Cunnings (Snowdonia, 2005)

Vivere nelle grotte, negli anfratti del terreno, in buie spelonche dove anche il più esile dei suoni viene amplificato. Il…

16 Jul 2006 Reviews

Read more

Haymaker - Let Them Rot 7" (A389, 2014)

Tornano a registrare gli Haymaker, dopo anni di silenzio: i componenti nel frattempo sono/erano impegnati nelle loro altre band (tra…

30 Jan 2014 Reviews

Read more

Herba Mate - The Jellyfish Is Dead And The Hurricane…

La grafica e le note biografiche mi facevano ben sperare per questi Herba Mate. Le radici emiliane accompagnate da un…

28 Oct 2010 Reviews

Read more

Construct Of Lethe - Exiler (Everlasting Spew, 2018)

i Construct Of Lethe sono una bollente ed inesorabile colata di death metal senza compromessi. Suoni cupi, ribassati, abbondanza di…

03 Jun 2018 Reviews

Read more

The Mall - Emergency At The Everyday (Secretariat, 2006)

E se un giorno i The Killers si stufassero dello scorrere quotidiano della loro vita da piccole star e decidessero…

21 Oct 2006 Reviews

Read more

Luminance Ratio - Like Little Garrisons Besieged (Boring Machines/Fratto9 Under…

Luminance Ratio, ovvero il rapporto tra la luminosità delle luci d'ambiente e quella dello schermo del computer: prendendola in senso…

23 Feb 2010 Reviews

Read more

Anders Vestergaard & Finn Loxbo - I’m Fine With The…

La collaborazione tra il chitarrista avant svedese Finn Loxbo, attivo in formazioni di spessore come la Fire Orchestra e l’ottimo…

26 Sep 2018 Reviews

Read more

Di Domenico/Henriksen/Yamamoto - Clinamen (Off/Rat, 2011)

Ecco un gran bel disco alla faccia del jazz che non si muove, di quello che resta statico e legato…

08 Jun 2011 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top