Picore – Assyrian Vertigo (Jarring Effects, 2012)

Concettuale e ostico, il sestetto francese Picore si immerge con l’album Assyrian Vertigo in una sorta di delirio in musica che dipinge tra storia e fantasia le gesta e le imprese del feroce popolo degli Assiri, assetato di conquista e famoso per non lasciare nulla di vivo dopo il suo passaggio. Il suono è frutto di continui ripensamenti (c’è voluto un lustro perchè la band fosse finalmente entusiasta del risultato): destrutturato, finito e rifinito, un disco strumentale che rifugge dai facili riferimenti per assumere un’identità tutta sua. L’iniziale Ziggurat può portare subito alla mente gli Shellac in preda ad un delirio tribale, mentre le corde rimangono sempre tirate e pronte a spezzarsi, mentre la successiva Meure Menace si lascia andare una una psichedelia dai connotati trip hop. La voce off di Audace (devo dire che fa accendere troppe volte la spia “attenzione! intellettualismo post rock salottiero!”), che compare comunque spesso e fastidiosamente anche in Equus, su tappeti di psichedelia cosmica e scura, rende l’atmosfera alquanto inquietante. Sostanzialmente tutto il disco è connotato da toni drammatici e minacciosi. Nonostante un gran lavoro in fase di registrazione e missaggio, l’album sembra non uscire mai davvero da un’atmosfera di plumbea sperimentazione, che a onor del vero non porta mai da nessuna parte: il brano – nomen omen – Fiasco e l’assetto industrial macchinioso del pezzo non fanno che confemare quest’impressione. Viene proprio da dire che qui, stringi stringi, di ciccia ce n’è proprio poca, tanto che persino l’epopea feroce e tragica che si vuole rappresentare rimane lì a mezza via senza che si respiri mai qualcosa di davvero epico (per fare un esempio di un approccio diametralmente opposto: con pochissimi e poverissimi mezzi il concept Mount Eerie, ultimo disco a nome Microphones del 2003, fa impressione per livello mistico e la potenza evocativa in cui trascina l’acoltatore). Questi, insomma, sono quei compiti a cui sia dà sempre la sufficienza più per lo sforzo, enorme, che per la poca resa. A meno che non si voglia essere davvero cattivi.

Tagged under: ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Mir - S/T (Wallace/A Tree In A Field, 2009)

Qualcuno quest’estate mi ha parlato bene di questo trio e me l'ha presentato come un "gruppo alla Zu", ovviamente con…

19 Oct 2009 Reviews

Read more

Yuppie Flu - Toast Masters (Homesleep, 2005)

Ecco, di una cosa posso(iamo) prendere atto: gli Yuppie Flu hanno cessato di rischiare già da un pò di…

16 Jul 2006 Reviews

Read more

St.Ride - Volume 2 (Niente, 2009)

Ritornano gli St.Ride con il "solito" ottimo disco... e me l'hanno dovuto dire che il cd era il loro, visto…

23 Jul 2009 Reviews

Read more

Andrea Bolzoni – amI? (Bunch, 2015)

È enigmatico il titolo di questo lavoro di Andrea Bolzoni (Swedish Mobilia, Dialvogue, Three Trees e mille altri progetti): un’interrogativa…

12 Oct 2016 Reviews

Read more

Metzengerstein - Alchemy To Our Days (Kohlhaas/Yerevan Tapes, 2015)

Nel tempo trascorso tra il precedente Albero Specchio e questo Alchemy To Our Days i Metzengerstein hanno fatto diversa strada,…

29 Dec 2015 Reviews

Read more

Enabler - All Hail The Void (Southern Lord, 2012)

Mi ero ripromesso di non cagare di striscio nessun disco della Southern Lord che presentasse una copertina nera e contenesse…

26 Nov 2012 Reviews

Read more

Shelly Johnson Broke My Heart - Brighter (Stop!, 2011)

Caspita. La malinconia tutta all'improvviso. L'estate sta finendo dal punto di vista solare ed è finita per tutto il resto.…

20 Oct 2011 Reviews

Read more

Scarnella/Fluorescent Pigs - Phonometak Series #8 (Phonometak/Wallace, 2010)

Nuovo vinile per la label di Iriondo coadiuvata dalla Wallace di Mirko Spino e ancora una volta si tratta di…

01 Oct 2010 Reviews

Read more

Alessandro Ludovico – 25 Minus Habens eXperYenZ (Minus Habens/Edizioni Pool/Puglia…

Venticinque anni sono un bel traguardo per una label indipendente delle nostre parti, sebbene l'etichetta di italianità sia certamente restrittiva…

26 Jun 2013 Reviews

Read more

Frontier(s) – There Will Be No Miracles Here (Arctic Rodeo,…

Uscita blasonatissima per l’ottima Arctic Rodeo: membri di The Enkindels, Mouthpiece, Stay Gold e, soprattutto, mister Chris Higdon al bel…

02 Jul 2010 Reviews

Read more

New Processean Order – Hymns To The Great Gods Of…

Pare che sia l’Italia il nuovo centro d’irradiazione della Chiesa Del Giudizio Finale, meglio nota come The Process, culto fondato…

08 Oct 2014 Reviews

Read more

Geronimo - S/T (ThreeOneG, 2007)

Ogni anno attorno a natale a Genova arrivano da chissà dove un paio di indiani che, vestiti con abiti tradizionali,…

22 Dec 2007 Reviews

Read more

Splintered Man - S/T (Slow Release, 2014)

Gli Splintered Man sono Simon Kobayashi e Alex Carter, il primo dei due è attivo con gli Smallgang, su Damnably:…

29 Apr 2015 Reviews

Read more

Lava Lava Love - A Bunch Of Love Songs And…

Beh. Ecco qui. Per la serie paghi due e prendi tre, da Verona arriva un quintetto di musicisti che, sotto…

01 Dec 2011 Reviews

Read more

Barnacles – One Single Sound (Boring Machines, 2017)

Salto i preamboli dato che di Barnacles, nome dietro cui si nasconde Matteo Uggeri (già Sparkle In Grey), vi abbiamo…

28 Jun 2017 Reviews

Read more

Toilet Door n.3 - Difensori Della Fede

Finalmente i nostri prodi affrontano Cthulhu a singolar tenzone e non si fanno sconti quando si guarda in faccia il…

18 Jul 2010 Podcasts

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top