Paolo Bellipanni – Radiance (Eklero, 2020)

Paolo Bellipanni abbandona la vecchia ragione sociale K’an, con la quale lo avevamo conosciuto ormai sette anni fa, e (ri)esordisce con un album a proprio nome: Radiance non taglia i ponti con quanto fatto ma sviluppa verso una forma ancor più coerente le intuizioni del precedente Babel del 2016. Mi pare possa dunque rimaner valida l’idea di un suono post-Warp, definizione inevitabilmente vaga ma che, di contro, ha il vantaggio di non porre troppi paletti stilistici, identificando al contempo uno spirito ben preciso: la forma delle composizioni è libera, ma confinata in durate mai eccessive (mediamente ci si attesa intorno ai tre minuti e mezzo), mentre il suono, sebbene di primo acchito appaia prevalentemente sintetico, è in realtà costituito, in buona parte, da fonti analogiche. In tutte le 13 tracce l’elettronica fornisce la cornice e dà forma a strutture all’interno delle quali acustico, elettrico e sintetico coesistono senza gerarchie mentre i soundscape – ormai sempre più spesso stilemi abusati e vuoti – vengono limitati e utilizzati a seconda delle necessità espressive. Nasce così un lavoro vario – coeso grazie alla scelta dei suoni – dove il musicista non si nasconde dietro agli strumenti tecnologici ma li utilizza combinando organico e inorganico, ragione e istinto (si ascolti la fisicità a stento imbrigliata di Blood Radiance III). Non ci sono riferimenti a immaginari particolari, né possiamo parlare di musica evocativa: Radiance trova la ragione d’essere in sé e nella ricerca di un equilibrio fra le sue varie parti, ricerca riuscita che porta a brani come Blood Radiance I, dove si contrappongono suoni scintillanti e metallici ad altri sporchi e materici, crescendo fortissimi – quasi classici – ad attimi di quiete ambient, Violet Violent, che fa convivere archi dissonanti, chitarre acustiche e esplosioni di ritmi noise e Sharing Demons, coi suoi toni da colonna sonora horror. È proprio nella creazione di uno spazio dove la tecnologia non è fine ma mezzo per la costruzione di strutture significative e lontane da ogni manierismo che risiede il senso di un album che rappresenta il punto di arrivo di un lavoro durato anni: musica per il tempo presente.

Tagged under: , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Prospekt - Airlines (Intellilab, 2008)

Ed eccolo qui il secondo lavoro dei bresciani Prospekt: dalla musica per aeroporti a quella già in volo. Un deciso…

04 May 2008 Reviews

Read more

Sodapop Fizz – Anno 3 Puntata 4 (30/10/14)

Quarta puntata della terza stagione di The Sodapop Fizz: Emiliano e Stefano in diretta con l'ospite speciale Andrea Ics Ferraris che…

03 Nov 2014 Podcasts

Read more

Lento - Earthen (Supernaturalcat, 2007)

Giusto pochi giorni fa, notavo su una rivista specializzata che finalmente qualcuno si è deciso a raccogliere in un unico…

19 Oct 2007 Reviews

Read more

Dialvogue (Andrea Bolzoni/Daniele Frati) – Outfit (Bunch, 2014)

Il collaudato sodalizio fra Andrea Bolzoni e Daniele Frati a nome Dialvogue, passato da Setola Di Maiale a Bunch Records,…

30 Jan 2015 Reviews

Read more

The Shadow Line - I Giorni Dell'Idrogeno (Modern Life, 2011)

Rock Italiano a tutto tondo per questo quartetto ormai consumato da una pluriennale esperienza sul campo. In questa edizione la…

14 Mar 2012 Reviews

Read more

Lorenzo Abattoir's Noise Diary - West Coast 'N'More Tour 2014

Lorenzo Abattoir lo abbiamo conosciuto un paio di anni fa in un festival a Piacenza, nei panni di Nascitari (in…

12 Nov 2014 Articles

Read more

Simon Balestrazzi & Nicola Quiriconi – Licheni (Azoth, 2019)

Simon Balestrazzi e Nicola Quiriconi hanno già avuto modo di lavorare assieme in diverse occasioni, sia dal vivo che nel…

03 Sep 2019 Reviews

Read more

Alchemist - Tripsis (Relapse, 2007)

Giunto ormai al ventennio di attività il quartetto australiano può decisamente considerarsi soddisfatto del proprio percorso e soprattutto del…

06 Jan 2008 Reviews

Read more

I Love UFO - Wish (Record Makers, 2006)

Francesi. Potenti. Assolutamente obliqui ed imprevedibili. Colmi di quel sound che Monster Magnet ed affini anticiparono (!) nei primi…

27 Apr 2007 Reviews

Read more

Airportman - Rainy Days (Lizard, 2007)

Ritorna a far uscire dei dischi la Lizard che ha patrocinato delle produzioni interessanti e che rimane l’etichetta che ha stampato…

30 Sep 2007 Reviews

Read more

Thunder Bomber – S/T (6x6, 2009)

Sorti dalle ceneri ancora tiepide dell'iper-hyped band Machete dopo un risolutivo cambio alla sezione ritmica e già assurti a piccolo…

22 Dec 2009 Reviews

Read more

Massimo Olla - Life In A Sonic Free Form Research…

Percussioni, suggestioni e striscianti fruscii introducono il raffinatissmo lavoro di Massimo Olla che, a onor del vero, sembra non abbia…

04 Oct 2020 Reviews

Read more

Kitchen Door - Sodapop Edition n.1

Ecco il richiestissimo ritorno del funambolico duo del nord-est: i nostri diggei ci propoinano anche questa volta una degna scaletta…

20 May 2009 Podcasts

Read more

Marco Ferrazza - Citizen (Setola Di Maiale, 2018)

Interessante lavoro di Marco Ferrazza nell'ambito dell'elettronica acusmatica e concreta, musica con una spiccata vena sinfonica che le dà un…

30 Mar 2018 Reviews

Read more

Noise Trade Company - Crash Test One (N-Label, 2008)

Gianluca Becuzzi non è esattamente l'ultimo arrivato (rileggersi a questo proposito l'intervista pubblicata su Sodapop ormai più di un anno…

17 Dec 2008 Reviews

Read more

Bonora - Nabucco Situation (Second Family, 2009)

Con un disco così intitolato, questo terzetto elettrico-elettronico non poteva che venire dalla ridente città di Parma, ridente perché…

08 Jul 2009 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top