Pain Of Salvation – BE (Inside Out/Audioglobe, 2004)

E' risaputo che se i musicisti hanno quasi sempre un ego grosso e turgido, i musicisti metal ce l’ hanno addirittura abnorme e sproporzionato. Ma il top, il top assoluto in egomania fallocratica spetta comunque ai cultori del prog-metal, lì sì che tocchiamo vette davvero siderali, rarefatte, un’aura da autentico Olimpo. I Pain Of Salvation, acclamato combo svedese dedito a suddetto genere (sicuramente e giustamente etichetta a loro stretta), con questo concept, monumentale a socratica memoria, hanno battuto e ammazzato qualsiasi divinità pagana. E, trattandosi della storia dell’uomo, del suo rapporto con Dio e col mondo, lo definirei addirittura il concept dei concept. Questo disco è il Concepimento perbacco! Acromegalia in quindici suites condita con di tutto e di più: uccelli, neonati, grandinate di tastieramenti, moto degli universi, effetti notte…Mi pare di aver udito per un istante anche la voce di Dio. Lavoro che anticipa il dvd del medesimo e omonimo spettacolo teatrale, cui l’album dovrebbe far da colonna sonora. Nella presente parte audio abbiamo innumerevoli, continue, ridondanti parti recitate che, ovviamente slegate dalle immagini, vanno a generare un enorme calderone poliforme, magmatico, nel quale il quintetto spazia disinvolto fra folk elfico, sinfonie efebiche e qualsiasi altro freak musicale possiate immaginare. Non sarebbe nemmeno un brutto disco se si potesse almeno riuscire  a coglier le trame (leggi canzoni) di tutto il concepimento che, purtroppo rimbombando dentro tanta presunzione e voglia di raccontare, si perde sprofondando nel mare della tranquillità. Presi individualmente ci sarebbero diversi pezzi interessanti, ben strumentati e strutturati, solo che, per assurdo,se fossero messi in fila senza intermezzi recitati o rumoristici, farebbero pensare che siano stati composti da dodici band diverse. Chissà…Forse per un musicista eclettico questa potrebbe anche essere  una virtù. Comunque credo che nemmeno Mike Patton riuscirebbe reggere a tanto.

Tagged under: ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Nate Wooley – Columbia Icefield (Northern Spy, 2019)

Si respira da subito una particolare atmosfera estraniante in Columbia Icefield, nuovo lavoro del trombettista Nate Wooley, dove risalta un…

06 Mar 2019 Reviews

Read more

Stinking Lizaveta - 7th Direction (Exile On Mainstream/Translation Loss, 2012)

Gradevoli affondi tutti strumentali per questo terzetto di Filadelfia innamorato di una certa psichedelia tutta anni settanta (ma anche…

13 Dec 2012 Reviews

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 32 (04/06/15)

Puntata numero trentadue della terza stagione di The Sodapop Fizz, Emiliano e Massimo con una scaletta al fulmicotone tra rock…

07 Jun 2015 Podcasts

Read more

Mope - S/T (Taxi Driver, 2014)

Morbidamente strumentale si presenta questa nuova uscita della genovese Taxi Driver che vanta all'interno tanto membri di Eremite quanto di…

17 Apr 2014 Reviews

Read more

Heike Has The Giggles - Sh! (Goodfellas, 2010)

Ecco gli Heike Has The Giggles, la rivelazione power punk italiana dell'anno! Voce femminile languida ma graffiante, chitarra da motocross…

09 Jun 2010 Reviews

Read more

Barn Burning - Werner Ghost Truck (Tarnished, 2007)

Barn Burning è il titolo di un racconto di Faulkner: se conoscete questo scrittore e date una occhiata al campo…

25 Feb 2007 Reviews

Read more

RD - Bodies Inspected (Luce Sia, 2020)

Dub post-atomico, apparentemente disarticolato, ma che si struttura nell'inesorabile incedere addizionando continui blip e pattern cigolanti. Bodies Inspected è il…

15 Nov 2020 Reviews

Read more

Stilema - Utopia (Hellbones, 2020)

La Hellbones è una label eclettica come poche al mondo, che spazia da Le Cose Bianche ai Barons 80 fino…

01 Mar 2021 Reviews

Read more

Stefano De Ponti - Malagrazia_________ Landfall (Luce Sia, 2018)

Dell'omonimo spettacolo Malagrazia di Phoebe Zeitgeist (ideazione e regia di Giuseppe Isgrò) metabolizziamo la colonna sonora o sarebbe più corretto…

05 Mar 2019 Reviews

Read more

Obsil - Vicino (Psychonavigation, 2011)

Esce per l'etichetta inglese Psychonavigation questo Vicino di Giulio Aldinucci, in arte Obsil, il terzo disco dopo un paio usciti…

09 Dec 2011 Reviews

Read more

Yann Novak - The Future Is A Forward Escape Into…

Yann Novak è un musicista e curatore di mostre e già dai primi minuti di questo disco lo si può…

29 Mar 2018 Reviews

Read more

Maisie - Dal diario di Luigi La Rocca, cittadino (Snowdonia,…

Maisie di Syd Barrett ha più di 50 anni ed è la figlia sghemba di suo padre. Maisie di Alberto…

06 Feb 2022 Reviews

Read more

Made In Mexico - Guerrilaton (Skin Graft, 2008)

C'è qualcuno, nel folto e preparato pubblico di Sodapop, che creda ancora in Babbo Natale? Poche mani vedo, bene. Alla…

23 Jan 2009 Reviews

Read more

Geisha Girls - Disappearing Act (Number3, 2006)

Qui facciamo sul serio. Parliamo di OC, quella vera. E dell'aria che ivi tira. Ma oltre al DawsonBrendonBrenda di turno…

09 Sep 2006 Reviews

Read more

Uncode Duello - Tre (Wallace, 2009)

Xabier Iriondo e Paolo Cantù sempre più coinvolti in un ritorno alle origini, o meglio, diciamo che il "bat duo"…

19 Dec 2009 Reviews

Read more

Rella The Woodcutter – I Know When It's Time To…

Secondo capitolo della trilogia di Rella The Woodcutter su Boring Machines (che comprende anche uno split 7" con My Dear…

11 Apr 2012 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top