Three In One Gentleman Suit – Some New Strategies (Black Candy, 2005)

Dopo il superbo Ep Battlefields In An Autumn Scenario le attese per questo nuovo album del trio modenese erano spasmodiche. Tanto che forse un pò troppo in fretta alcuni hanno accolto Some New Strategies (uscito stavolta per la fiorentina Black Candy) non proprio nel migliore dei modi, in sintesi: troppo astruso, freddino e difficile rispetto al suo predecessore. Anch'io inizialmente (nei primi due ascolti diciamo) ho avuto la stessa impressione: forse perchè tutti ci aspettavamo quel post rock dalle linee malinconiche di facile presa perfettamente amalgamato al suono dei Karate. Geoff Farina infatti è diventato un nome ingombrante per i Three In One Gentleman Suit, vuoi per la straordinaria tecnica del chitarrista Giorgio, vuoi, soprattutto, per la voce di Paolo. Perciò se con Battlefields potevamo fantasticare con la mente, arriva Some New Strategies a riportarci alla realtà, con i suoi riff secchi e precisi, consegnandoci l'arduo compitino di matematica. L'apertura è affidata all'attacco di batteria senza scampo di Modern Age Apologies. C'è qualche cambiamento di rotta, naturale e senza grossi traumi: dalla provincia di Modena a quella di Reggio Emilia (Cavriago) e poi a Boston; da qui alla Louisville di uno o due lustri passati. Impermeabile alle mode il trio emiliano snocciola il il suo math rock con grande precisione: prendiamo Maths Rule The Squadrons con quella tromba jazzata, un leggero sentore dei grandi June Of 44 e tanto tiro. In A Sort Of Withdrawal, The Way You Walk e Get Off My Plane i Karate degli esordi fanno di nuovo capolino, ed è sempre un grande piacere. La punteggiatura di basso di Two Thousand Steps apre ad un arpeggio di chitarra melodico che per un attimo sembra riportarci alle melodie del primo disco, prima di tornare alle ragnatele algebriche e alla chitarra circolare di Approach/ Arrival (uno dei miei brani preferiti) o alla brevissima sperimentazione di Underwater, My Samba, il cuore oscuro del lavoro. Chiude Delikatessen, un brano sottotono degno del Farina più riflessivo. Superate le iniziali riserve, dunque, il disco sembra aprirsi come un buon vino svelando tutta la sua potenzialità ascolto dopo ascolto, assaggio dopo assaggio. Dal vivo si può apprezzare la reale dimensione della band, tanto chirurgica e senza sbavature quanto estremamente coinvolgente. myspace qui.

Tagged under: , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Senyawa – Alkisah (Artetetra/Communion, 2021)

Per celebrale l'inizio del secondo decennio di attività, il duo indonesiano dei Senyawa dà vita a un progetto ambizioso appaltando,…

19 Mar 2021 Reviews

Read more

The Dirty Projectors - Rise Above (Dead Oceans, 2007)

Six Pack, Gimmie Gimmie Gimmie, Rise Above, Thirsty And Miserable, Police Story e così via, eh si, i titoli che…

18 Jan 2008 Reviews

Read more

Rollerball - Two Feathers (Wallace, 2009)

Ecco qui il "solito" disco dei Rollerball che è come dire il solito disco dei Portishead o dei Tortoise, infatti…

22 Dec 2009 Reviews

Read more

Ivan Iusco: Minus Habens o Homo Superior?

Questo è uno di quei personaggi che ho cercato di odiare con tutto me stesso, anima e corpo. Mi ha…

19 Nov 2011 Interviews

Read more

Rogue State - Poetry Is Not For Me (Shove/Green Records,…

Dall'algida provincia alessandrina ritornano quattro "brutte ghigne" arcinote a chi bazzica da un po' l'ambiente indie. Vi lascio immaginare infatti…

02 Mar 2016 Reviews

Read more

Yama-Akago - Wheel Of Fortune (Sottomondo, 2008)

Alla faccia di chi pensa che anche nel bel pese non ci siano etichette con un fegato spaventoso un’altra uscita…

28 Sep 2008 Reviews

Read more

Ronin – 14/02/10 Arci Dallò (Castiglione Delle Stiviere – MN)

Per pochi gruppi, credo, il suonare dal vivo è necessario come per i Ronin. Necessario per testare e sviluppare i…

26 Feb 2010 Live

Read more

Three Days Of Struggle - 22-24/04/11 Codalunga (Vittorio Veneto -…

Three Days Of Struggle, un nome che a qualcuno evocherà ricordi di gioventù: Two Days Of Struggle, Padova, il giro…

11 Apr 2011 Live

Read more

Pixies - 05/06/10 Piazza Castello (Ferrara)

Io ci provo, ardentemente, a ricacciare i cattivi pensieri e l'evidente e incipiente vecchiaia, ma il mondo non mi aiuta.…

22 May 2010 Live

Read more

F:A.R./ODRZ/Mulo Muto – 28/10/2017 Spazio Ligera (Milano)

Una serata Luce Sia al sempre attento Ligera è una buona ragione per convergere su Milano, tanto più se il…

27 Dec 2017 Live

Read more

Unsolved Problems Of noise - L'Ombra Delle Formiche (Snowdonia/Tesladischi, 2012)

È un esordio, questo degli Unsolved Problems Of Noise, ma non si direbbe. Il terzetto, assetto da moderno jazz battagliero…

18 Feb 2013 Reviews

Read more

Riul Doamnei - Apocryphal (Dead Sun, 2007)

Ci sono alcune caratteristiche nella musica di oggi assolutamente sorprendenti. Perché fino all’inizio degli anni novanta le band italiane di…

01 Jun 2007 Reviews

Read more

The Ian Fays - The Damon Lessons (Homesleep / Audioglobe,…

Da un pò lo si pensava in giro, a torto o a ragione: in Homesleep c'era un'aria un pò pesante,…

11 Sep 2006 Reviews

Read more

Connect_icut - Small Town By The Sea (Aagoo, 2014)

Torna su Aagoo con un altro disco Connect_icut, dopo l'interessante Crows & Kittywakes & Come Again dell'anno scorso: e non…

23 May 2014 Reviews

Read more

Bluermutt - Decivilize After Consumption (Nexsound, 2008)

Bluermutt ha venticinque anni, vive a Barcellona, ed è la nuova uscita della Nexsound: arrivata alla numero quattro, l'etichetta di…

28 Feb 2009 Reviews

Read more

The Great Saunites & Attilio Novellino - Radicalisme Mècanique (Manza…

One side strikes back. Torna il formato vinilico più gettonato degli ultimi tempi, una volta tanto giustificato non da mere…

26 Feb 2014 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top