Orchestra Esteh – Abacinabradhydrakonirvm, Rebirth Of A Dead Volcano (L’Arca E L’Arco, 2016)

Inquieta un po’ ascoltare questa musica, con questo sottotitolo (col chilometrico titolo nemmeno mi cimento), dopo aver letto solo qualche giorno fa la notizia di un’anomala attività magmatica nelle profondità dei Campi Flegrei che potrebbe preannunciare un prossimo risveglio di quello che è il vulcano più grande d’Europa. Ad aumentare la suggestione è la provenienza dell’Orchestra Esteh  non lontano da quelle zone e il fatto che l’album sia stato completato nell’agosto del 2016: che lo spirito del musicista abbia percepito i segnali della terra ben prima che la scienza ne comunicasse l’esistenza? Vincenzo Notaro, titolare del progetto, lo avevamo conosciuto nelle vesti di scrittore sulle pagine di Metallo Liquido, testo che analizzava sotto vari punti di vista l’heavy metal e di cui ci siamo occupati tempo fa; come musicista si muove su territori piuttosto lontani da questo genere anche se lo spirito di quanto scritto è in parte presente. Volendo circoscrivere le sonorità di Abacinabradhydrakonirvm si potrebbe collocare nelle immense distese comprese fra l’ambient e il post-industrial con importanti inserti di classica contemporanea; proprio alla classica sembra richiamarsi la struttura dell’opera che fluisce senza soluzione di continuità ma suddivisa in ben riconoscibili movimenti. A un’overture che allude al dramma imminente e fa crescere la tensione seguono placide distese ambientali intessuto di strumenti etnici (un po’ alla maniera di Vidna Obmana), poi cordofoni che segnano il tempo con tocchi secchi ed aspri, bordoni di synth che sembrano infiniti e invece aprono ad atmosfere in equilibrio fra certo prog acustico e colonne sonore horror, per concludersi con un trionfo di lente e maestose percussioni. Può sorprendere che, dato il tema, non si aderisca alla categoria del tragico con tutto il corollario di effettacci e rumori a cui i portabandiera delle apocalissi sonore ci hanno abituato ma la scelta è coerente col punto di vista adottato, quello del vulcano, creatura viva: il suo risveglio è una successione di passaggi di stato che esulano da ogni categoria morale e a cui l’Orchestra Esteh aderisce illustrandoli con una musica descrittiva e immaginifica. All’ascoltatore non resta che abbandonarsi alla contemplazione.

Tagged under: , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

VV.AA. - B6TCH6 (Solium/Light Item, 2020)

Ammetto che mi ha un po’ inquietato ricevere un’audiocassetta accompagnata solo da questo messaggio: This tape is NOT B6TCH6. B6TCH6 is digitally…

09 Sep 2020 Reviews

Read more

Gino Dal Soler – The Circle Is Unbroken (Tuttle, 2011)

Molti dei libri delle edizioni Tuttle prendono le mosse da articoli e rubriche di Blow Up e vengono integrati e…

07 Oct 2011 Reviews

Read more

Gli Imperdibili - Vado A Vivere Da Solo (Autoprodotto, 2014)

"Scusa Diego ma a volte mi interrogo sui tuoi gusti". Forse ha ragione Andrea: ascolto musica di merda. Non mi…

07 Jul 2014 Reviews

Read more

Marnero – Naufragio Universale (Donna Bavosa/Sangue Dischi/InLimine, 2010)

Ritroviamo con un LP di cui sono unici titolari i Marnero, che avevamo conosciuto nell'impari split coi Si Non Sedes…

03 Oct 2010 Reviews

Read more

Convocation - Scars Across (Everlasting Spew, 2018)

Dalla perfida FInlandia i Convocation giungono fino a noi strisciando metaforicamente sui gomiti. Infatti l'incalzare dei finnici  è subdolo, mellifluo…

13 May 2018 Reviews

Read more

Psychofagist - Il Secondo Tragico (Subordinate, 2009)

Se anche avessi avuto dei dubbi sulla statura di questo disco e ripeto "SE" li avessi avuti, il commento che…

22 Dec 2009 Reviews

Read more

Paolo Spaccamonti/Stefano Pilia – Frammenti​/​Stand Behind The Men Behind The…

Bella idea quella di far condividere un vinile a due delle figure di punta della chitarra solista italiana di ambito…

07 Aug 2013 Reviews

Read more

Andrea Tich - Una Cometa Di Sangue (Snowdonia, 2014)

In periodo sanremese casualmente ci capita tra le mani il lost album del veterano Andrea Tich che, nonostante sia pubblicato…

18 Feb 2015 Reviews

Read more

Lo Dev Alm - It Is Later Than You Think…

Era da un po' che non sentivo parlare di Pagliero e  poi in poco tempo mi capitato di vederlo impegnato…

26 Jun 2007 Reviews

Read more

7 Training Days – Wires (Autoprodotto, 2013)

Arrivano al secondo album i laziali 7 Training Days e parlare di maturità, quando già lo abbiamo fatto per la…

17 Mar 2014 Reviews

Read more

The Connie Capri Organ Chamber Orchestra - S/T (Wallace, 2008)

Che Mirco Spino nonostante un malcelato passato hardcore (e non per i film con Rocco e John Holmes) sia diventato…

07 May 2008 Reviews

Read more

Vuur - Vuurviolence (Shove, 2007)

Mi spiace che qualcuno conoscendomi possa pensare che io sia scarsamente obiettivo nel parlare di Shove per causa della conoscenza…

25 Jul 2007 Reviews

Read more

Sleepmakeswaves - ...And So We Destroyed Everything (Monotreme, 2013)

Questo è un album di debutto. Incredibile pensarlo tale, vista la maturità sonora che il quartetto di Sydney in questione…

09 Dec 2013 Reviews

Read more

Pulseprogramming - Charade Is Gold (Audraglint, 2011)

Ci eravamo lasciati otto anni fa con i Pulseprogramming: e chi si sarebbe immaginato fossero mai tornati. Sodapop nel suo…

29 Sep 2011 Reviews

Read more

Christopher Tignor - Core Memory Unwound (Western Vinyl, 2009)

Ribadisco che la Western Vinyl è una gran bella etichetta e dire che fa molta roba melodica, alcune cose addirittura…

06 Jun 2009 Reviews

Read more

Paolo Cantù: soltanto io, da solo.

Paolo Cantù si è fatto le ossa in seminali gruppi dell'industrial italiano all'inizio degli anni '80, ha suonato la chitarra…

17 Nov 2012 Interviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top