Orchestra Esteh – Abacinabradhydrakonirvm, Rebirth Of A Dead Volcano (L’Arca E L’Arco, 2016)

Inquieta un po’ ascoltare questa musica, con questo sottotitolo (col chilometrico titolo nemmeno mi cimento), dopo aver letto solo qualche giorno fa la notizia di un’anomala attività magmatica nelle profondità dei Campi Flegrei che potrebbe preannunciare un prossimo risveglio di quello che è il vulcano più grande d’Europa. Ad aumentare la suggestione è la provenienza dell’Orchestra Esteh  non lontano da quelle zone e il fatto che l’album sia stato completato nell’agosto del 2016: che lo spirito del musicista abbia percepito i segnali della terra ben prima che la scienza ne comunicasse l’esistenza? Vincenzo Notaro, titolare del progetto, lo avevamo conosciuto nelle vesti di scrittore sulle pagine di Metallo Liquido, testo che analizzava sotto vari punti di vista l’heavy metal e di cui ci siamo occupati tempo fa; come musicista si muove su territori piuttosto lontani da questo genere anche se lo spirito di quanto scritto è in parte presente. Volendo circoscrivere le sonorità di Abacinabradhydrakonirvm si potrebbe collocare nelle immense distese comprese fra l’ambient e il post-industrial con importanti inserti di classica contemporanea; proprio alla classica sembra richiamarsi la struttura dell’opera che fluisce senza soluzione di continuità ma suddivisa in ben riconoscibili movimenti. A un’overture che allude al dramma imminente e fa crescere la tensione seguono placide distese ambientali intessuto di strumenti etnici (un po’ alla maniera di Vidna Obmana), poi cordofoni che segnano il tempo con tocchi secchi ed aspri, bordoni di synth che sembrano infiniti e invece aprono ad atmosfere in equilibrio fra certo prog acustico e colonne sonore horror, per concludersi con un trionfo di lente e maestose percussioni. Può sorprendere che, dato il tema, non si aderisca alla categoria del tragico con tutto il corollario di effettacci e rumori a cui i portabandiera delle apocalissi sonore ci hanno abituato ma la scelta è coerente col punto di vista adottato, quello del vulcano, creatura viva: il suo risveglio è una successione di passaggi di stato che esulano da ogni categoria morale e a cui l’Orchestra Esteh aderisce illustrandoli con una musica descrittiva e immaginifica. All’ascoltatore non resta che abbandonarsi alla contemplazione.

Tagged under: , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

The Doggs - Black Love EP (Autoprodotto, 2011)

Marcissimo e maleodorante EP imbrattato di Stooges, Velvet Underground e sferragliante punk anni settanta. Fa sempre piacere sentire che esiste…

16 Feb 2012 Reviews

Read more

Joan Jordi Oliver - Enlaire (LP Total Silence, 2022)

Devo essere onesto, non so molto di Joan Jordi Oliver. So che risiede a Zurigo, dove organizza in diversi spazi…

15 May 2022 Reviews

Read more

LaColpa - Post Tenebras Lux (Brucia, 2021)

Uscito in dicembre ma da considerarsi un prodotto dell'anno in corso LaColpa incarna l'ultima fatica di Davide Destro, ormai decano…

15 Feb 2021 Reviews

Read more

The Days Are Blood – S/T (Autoprodotto, 2013)

Ci sono duo strumentali e duo strumentali. Fatto salvi quelli dediti all'improvvisazione radicale che in linea di massima, lo sapete,…

10 Apr 2013 Reviews

Read more

Camilla Pisani - Frozen Archimia (Midira, 2020)

Camilla Pisani approda sulla tedesca Midira con un nuovo lavoro che esprime bene la consapevolezza della sua visione. I sei…

17 Mar 2020 Reviews

Read more

Nytt Land – 14/09/2019 VII Midgard Viking Folk Fest (Viadana…

Sono insolite connessioni culturali quelle che portano, in questa notte di luna piena e rossa, i siberiani Nytt Land (quattro…

17 Sep 2019 Live

Read more

WOW - Falene (Maple Death, 2021)

Gli WOW, dacché li conosco e li ascolto, sono stati sempre portatori di due principi, stile ed eleganza. Progetto che…

16 Jan 2022 Reviews

Read more

Swedish Mobilia – It's Not Jazz, It’s Worse (Auand, 2016)

Se non apprezzassimo da tempo gli Swedish Mobilia – il trio composto da Andrea Bolzoni alla chitarra ed elettronica, Dario…

21 Mar 2017 Reviews

Read more

Deison & Mingle – Innersurface (ST.AN.DA., 2017)

La nuova collaborazione fra Andrea Mingle Gastaldello e Cristiano Deison (se non si conta il miniCD d’esordio per il single…

27 Mar 2017 Reviews

Read more

Valla II – Lullabies (Autoprodotto, 2012)

Capita a volte, rovistando a caso nel ciarpame della rete, di pescare qualche perla. Così, poco tempo fa, ci è…

31 May 2012 Reviews

Read more

Anthony Cedric Vuagniaux - Le Clan Des Guimauves (Plombage/Suisa, 2014)

Il compositore svizzero Anthony Cedric Vuagniaux arriva alla terza uscita sulla lunga distanza, sempre restando nel genere della colonna sonora,…

31 Mar 2015 Reviews

Read more

Squadra Omega – Altri Occhi Ci Guardano (MacinaDischi/Sound Of Cobra/Outside…

È stato un periodo assai prolifico quello appena trascorso per  la Squadra Omega, che ha portato all’uscita di ben tre…

16 Oct 2015 Reviews

Read more

Donato Epiro – Fiume Nero (Black Moss, 2014)

Era un po’ che Donato Epiro, impegnatissimo coi suoi Cannibal Movie, non si faceva vivo con un disco a suo…

22 May 2014 Reviews

Read more

Furtherset - To Alter And Affect EP (-Ous, 2018)

Attivo già da qualche anno, Tommaso Pandolfi aka Furtherset ha pubblicato varie uscite e alcune presenze in contesti importanti dentro…

27 Apr 2018 Reviews

Read more

Dans Les Arbres - Volatile (Sofa, 2019) / Mausoleum (Bandcamp…

Dans Les Arbres è un ensemble composto dal clarinettista francese Xavier Charles e i norvegesi Christian Wallumrød (piano), Ivar Grydeland…

10 Jan 2020 Reviews

Read more

Barabba - Primo Tempo (Autoprodotto, 2022)

Notturno trip hop in italiano per alcuni dei volti più noti del panorama indie rock di casa nostra. Uno di…

05 Apr 2022 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top