Mulo Muto/Beta – Tape Crash #11: The Examination (Old Bicycle, 2014)

Nell’undicesimo scontro della serie su cassetta ideata dalla Old Bicycle estraiamo dalle lamiere gli svizzeri Mulo Muto e i padani Beta, filiazione dei temibili Viscera. Siamo al cospetto di una delle uscite più fragorose della rassegna e in assoluto dell’etichetta, anche se i due gruppi danno del rumore ciascuno una propria personale interpretazione.
I Mulo Muto – duo per chitarra, synth, nastri e rumori – più che un equino ricordano nel suono una creatura degli abissi; il loro brano, lungo nel minutaggio e nel titolo (When The Sounds Of Nature Collide With Our Inner Selves And Resurface As A Stream Of Noise), è musica per fondali bui e fangosi dove si muovono esseri minacciosi. Droni profondissimi punteggiati da pulsazioni che ricordano un sonar e che, anche quando sembra emergere in superficie, non diventano certo ariosi. Solo sul finale si trova un po’ di pace, con una chitarra che dipinge più placidi paesaggi ambientali. Nulla di troppo diverso da molte produzioni di genere, ma a fare la differenza è la cura minuziosa riservata al suono, potente da far vibrare le viscere ma sempre –passatemi il termine – ascoltabile: sembra impossibile possa uscire da un oggetto così piccolo e innocuo. La copertina –opera di Berlikete – con una distesa di tentacoli al centro della quale si apre una nera voragine, si addice particolarmente alla loro metà di nastro.
In due sono anche i Beta – che si dividono fra chitarre, macchine e voci – e ci mostrano un lato del rumore più elaborato ma non meno disturbante. La loro metà è frazionata in sei pezzi e anche se non si può dire lavorino sul formato-canzone, sono apparentemente più tradizionali dei compagni; eppure, partendo da forme riconoscibili –folk, impro, post-rock- ci regalano un disco intenso e ricco di suggestioni, difficilmente circoscrivibili entro generi definiti. Si inizia con delle penante secche e una voce che invita al silenzio, rimarrà inascoltata, poi  sono pulsazioni e riff circolari, melodie livide ed epiche, chitarre che si librano su tappeti di rumore col quale, ogni tanto, non disdegnano flirtare. È da uno di questi momenti che emerge una Behind The Rose dei Death In June che si discosta dall’originale per avvicinarsi al Martyn Bates più sperimentale e che segna l’apice emozionale del lavoro, prima di una chiusura fra melodie vagamente mediorientali e atmosfere oppiacee. Forse non tutti gli spunti vengono sviluppati – il minutaggio è d’altra parte limitato – ma il terreno preparato da Beta è fertile e promettente e questi sono solo i primi, anche se già ottimi, frutti.

Tagged under: , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Replace The Battery - Daily Birthday (In The Bottle, 2010)

Non male, l’esordio di questo quintetto padovano che risponde al nome di Repalce the Battery. Però. Citano Explosion In The…

26 Jan 2011 Reviews

Read more

Malagnino Marino Josè - 16-11-2008 (Produzioni Pezzente, 2008)

Altro lavoro che coinvolge Marino Josè Malagnino, deus ex machina dei Psss Psss Psss e boss della Produzioni Pezzente: si…

07 Jan 2009 Reviews

Read more

Andrea Senatore & Giovanni Sollima - De/Nucleo (Minus Habens, 2012)

Dopo Psychofagist vs Napalmed, proseguiamo con le scellerate collaborazioni, questa volta nei piani alti dell'empireo andando a scomodare addirittura Giovanni…

16 May 2013 Reviews

Read more

Jason Noble Benefit Show – 06/02/10 Interzona (Verona)

Da quando a Jason Noble, polistrumentista in forze a gruppi quali Rodan, Rachel's e Shipping News è stato diagnosticato un…

15 Feb 2010 Live

Read more

Five Rooms - No Room For Doubt (Amirani, 2010)

Five Rooms non è un gruppo nuovo scoperto dalla Amirani ma una vera e propria all star band che vede…

01 Mar 2010 Reviews

Read more

Simon Balestrazzi / Uncodified - Tape Crash #10 (Old Bycicle/Under…

Cassetta in coproduzione per due etichette che spesso dragano i fondali della musica delle nostre parti scovando e valorizzando musica…

11 Dec 2014 Reviews

Read more

AA.VV. - Treatment Effects (Chew-Z, 2007)

Treatment Effects, che arriva ad un anno esatto dalla nascita della net label torinese Chew-Z, è la seconda compilation nel…

10 Jun 2008 Reviews

Read more

Sean Carey - All We Grow (Jagjaguar, 2010)

Non sempre le cose sono come sembrano: Sean Carey è sì il batterista dei Bon Iver, ma per nostra fortuna…

22 Jul 2010 Reviews

Read more

Konstrukt & Keiji Haino - A Philosophy Warping, Little By…

L’ensemble free-impro turco Konstrukt, dopo aver condiviso dischi e performance con artisti importanti della scena improv internazionale, invita a collaborare…

01 Sep 2018 Reviews

Read more

Carlo Garof – Wheel (Setola Di Maiale, 2020)

Carlo Garof, percussionista e batterista, ha costruito la sua visione attraverso un metodo multidisciplinare che comprende un intenso approfondimento di…

06 Mar 2020 Reviews

Read more

Martial Canterel - You Today (Weird, 2011)

Sean Mc Bride è attivo da anni nella sua personale e devotissima riedizione del synth pop anni ottanta più minimale…

01 Feb 2011 Reviews

Read more

Action Beat + Nurse! Nurse! Nurse! – 06/11/09 Locanda di…

Un paese di campagna  che si chiama Campagna con una locanda che si chiama Locanda: stasera il suono dei tamburi…

19 Nov 2009 Live

Read more

Ka Mate Ka Ora – Entertainment In Slow Motion (Deambula,…

Dopo l'esordio elogiato da parecchi Thick As The Summer Stars e recensito su queste pagine, tornano i pistoiesi Ka Mate…

17 Jan 2011 Reviews

Read more

Dead Boomers – Family Money (Sabbatical, 2010)

Ultimo disco della partita australiana in mio possesso, quello dei Dead Boomers era fra i più attesi dopo aver letto…

28 Jan 2011 Reviews

Read more

Mona De Bo - Nekavejies, Sis Ir Speles Ar Tevi…

Questo duo lettone è autore di un bizzarro drone-doom mutante iper-melodico ispirato tanto alle colonne sonore immaginarie di Zombi…

25 Mar 2010 Reviews

Read more

Daniele Brusaschetto: ombre spalmate sui bordi dei pensieri

Difficile definire con poche parole la musica di Daniele Brusaschetto: il suo lungo percorso già dagli inizi mostrava un taglio…

15 Mar 2015 Interviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top