Mastice – Crepa (Hellbones/I Dischi Del Minollo, 2020)

Il secondo lavoro lungo dei Mastice, duo noise ferrarese, segna un deciso passo avanti nella definizione di una propria cifra stilistica, scartando alcune opzioni poco convincenti sperimentate in passato e concentrandosi sullo sviluppo di quelli che possono diventare punti di forza, dando alla poetica autoriale-rumoristica del gruppo una forma compiuta. La natura aperta che il progetto mostra spesso da vivo, associandosi ad altri artisti, viene assecondata dalle collaborazioni di Samboela alla batteria (già nel precedente lavoro), Paolo Mascolini (Sozu Project) al violoncello e Arianna Poli alla voce, inserimenti che consentono di incanalare le pulsioni del duo in una forma adatta all’ascolto domestico senza far evaporare la ruvidezza e la profondità che li caratterizza. Sono dunque canzoni quelle che ascoltiamo su Crepa, brani non troppo lunghi e senza eccessive divagazioni (pur non aderendo mai alla classica forma-canzone), ma rispetto al precedente Violente Manipolazioni Mentali la melodia è quasi assente, rimpiazzata dal un suono d’impatto tipicamente rock, sporco e quadrato, con l’anima elettronica/industriale che non passa in secondo piano ma va a innervare le composizioni fin nelle più profonde viscere. La voce abbandona i tentativi di cantato, che rischiavano di far (s)cadere il tutto in ambito rock italiano, e si concentra su un parlato/recitato/urlato che talvolta richiama  gli immancabili Massimo Volume, ma più spesso la ruvidezza degli Starfuckers di Brodo Di Cagna Strategico e Sinistri e qua e là anche le declamazioni dei Post Contemporary Corporation. In questo crocevia fra rumore, strutture squadrate e testi d’autore prendono forma i momenti migliori del disco, i recitati intensi su tempesta analogico-digitale di L’Aspettativa e Paralisi, le eruzioni post-core di Preghiera e Rumoroso, le orchestrazioni rumoriste di Antiballata. In generale comunque il livello qualitativo è davvero buono, il disco non ha momenti di cedimento e, nella carriera dei Mastice, rappresentata un punto fermo che non preclude future evoluzioni, anzi, per certi versi pone le basi perché esse possano avvenire.

Tagged under: , , , , , , ,

1 Comment

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Kill Kalashnikov – 7 Years (Depression House/Lemming, 2008)

Album postumo, in funerea, appropriata grafica all black, per il quartetto veronese scioltosi nel 2007. Registrato al Red House di…

28 Oct 2009 Reviews

Read more

Edgar Café - Alcuni Fattori Marginali (Arci Sana, 2008)

Sebbene al disco d'esordio, il cammino dei genovesi Edgar Cafè è lungo e denso di caratteri propri ed eterogenei. Difficile…

25 Oct 2009 Reviews

Read more

Eagle Twin – The Feather Tipped The Serpent's Scale (Southern…

Col nuovo lavoro degli Eagle Twin, Gentry Densley e Tyler Smith vanno ad arricchire il proprio particolare bestiario, accostando ai…

02 Jan 2013 Reviews

Read more

Offlaga Disco Pax + Apash 2012 - 18/01/13 Circolone (Legnano…

E quindi si inaugura l'anno nuovo con un live dal sapore un pò - almeno per me - antico. Offlaga…

08 Feb 2013 Live

Read more

Fratto9 Under The Sky: free your mind and play as…

I due motti scritti qui sopra campeggiano sul nuovo sito della Fratto9 Under The Sky, etichetta a cui dedichiamo questo…

14 Apr 2010 Articles

Read more

Putiferio – Lov Lov Lov (MacinaDischi/Robot Radio, 2012)

Putiferio non ha mai avuto vita facile. Ai tempi della nostra intervista (vai a leggerla qui) reduci dall'abbandono di Giulio…

11 Sep 2012 Reviews

Read more

Rashad Becker - Traditional Music of Notional Species (Pan, 2013)

Titolo evocativo e assai appropriato quello dell’esordio del master of mastering Rashad Becker, titolare in quel di Berlino del Clunk…

20 Aug 2014 Reviews

Read more

Boris Hegenbart And 19 Artists - Instrumentarium (God/Staubgold/Monotype, 2012)

Boris Hegenbart ha all'attivo un bel numero di dischi e collaborazioni, infatti è attivo sin dal 1996 e da sempre…

16 Jan 2013 Reviews

Read more

Albireon - A Mirror For Ashen Ghosts Part Two (Toten…

“Raccontami una fiaba, in cui nessuno muore e mentimi se vuoi ma fallo con il cuore raccontami un dolore di vetro scheggiato giocattoli…

03 May 2022 Reviews

Read more

Mashrooms – S/T (Wild Love, 2011)

In maniera tutt'altro che banale i siciliani Mashrooms riescono nella difficile impresa di fare un disco che, pur muovendosi in…

27 Sep 2011 Reviews

Read more

Deison & Mingle – Low Blood Pressure, Final Muzik CD…

Di tutte le annunciate uscite del Singles Club della Final Muzik, questo Low Blood Pressure è l’unica a non essere…

06 May 2014 Reviews

Read more

Apart – Digital Frame (KrysaliSound, 2010)

Creatura personale di Francis M. Gri, Apart suona in bilico tra morbida elettronica e malinconie post rock. A farla da…

18 Mar 2011 Reviews

Read more

Giorgio Dursi – Poetry Reading With Sound Footnotes (Arte Tetra,…

Quello che non ti aspetti da un’uscita su Arte Tetra è che ti sorprenda: dopo anni di frequentazione dell’etichetta marchigiana…

09 Aug 2017 Reviews

Read more

Bobby Soul - Draghi Rossi & Buchi Neri (Autoprodotto, 2007)

Strana compilation questa, nel senso che di solito i remix seguono gli album veri e propri, ma raramente, come in…

21 Feb 2008 Reviews

Read more

The Connie Capri Organ Chamber Orchestra - S/T (Wallace, 2008)

Che Mirco Spino nonostante un malcelato passato hardcore (e non per i film con Rocco e John Holmes) sia diventato…

07 May 2008 Reviews

Read more

Hidden Reverse - Six Cases Of Sleep Disorder (Azoth, 2017)

Gli Hidden Reverse sono Simon Balestrazzi e Massimo Olla, che qui danno seguito alla notevole cassetta edita qualche anno fa…

18 Dec 2017 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top