Mark Putterford – Phil Lynott: The Rocker (Omnibus Press, 2002)

La fascinazione per i Thin Lizzy mi ha preso così per caso, un mattino di settembre. E' una di quelle cose che ti trovi addosso, aggrappata come una scimmietta e non ti spieghi bene il motivo. Soprattutto se per almeno i 20 anni precedenti non ti era mai venuto in mente di promuovere i Thin Lizzy a una categoria mentale più elevata rispetto a quella delle "band-che-non-mi-interessano".
Ma spesso le categorie sono cazzate definite a priori. E infatti… eccomi qua, come un deficiente, a decantarne le lodi e a tentare di convincere qualcuno a starmi a sentire, mentre parlo di una band a cui non ho mai dato un centesimo. E a cui ora di centesimi ne sto dando non pochi, comprandomi tutto ciò che riesco a reperire.
In un recente blitz nella capitale del Regno Unito mi sono trovato di fronte a questo libro usato (per la modica cifra di 2 sole sterline: in pratica un piccolo miracolo londinese, visti i prezzi correnti); l'ho preso e ne sono rimasto fulminato.
I Lizzy – per chi non li abbia mai nemmeno sentiti per caso – erano un gruppo irlandese dedito a un rock piuttosto duro, ma con punte di intimismo e qualche sfumatura folk (magari conoscete il loro classico "Whiskey in the jar", ossia l'adattamento del pezzo tradizionale irlandese in chiave rockettara). Una band che ha sfornato brani da storia della musica, ma anche decine di pezzi che definire riempitivi sarebbe una presa per il culo: sono proprio brutti… punto.
Quello che li rendeva particolari era la volubilità (picchi e buchi neri si alternavano davvero senza mezze misure) e l'organico, composto da personaggi del calibro di Robbo dei Motorhead, Gary Moore e – appunto – Phil Lynott.
Lynott era il leader, bassista e cantante, di colore, ma irlandese come la Guinness. Ipercinetico, tormentato, in bilico perennemente tra un lato da bravo ragazzo attaccato a mamma e famiglia e uno da disgraziato eroinomane e figlio di mignotta senza cuore.
Io me lo ricordo quando Lynott è morto (ovviamente non di congestione, nè per indigestione di SlimFast): era l'inizio del 1986 e facevo seconda superiore. Un giorno comprai un giornalazzo di musica e ci trovai uno speciale su di lui, in memoriam, proprio perchè era deceduto da poco. Ma lasciamo perdere. Nel frattempo lui è diventato un mito, in 20 anni: un mito quasi solo dublinese (gli hanno anche eretto una statua in città) o al massimo inglese (ma nemmeno troppo)… comunque, cosa trovate in questo libro? In pratica più o meno tutto, dalla nascita fino alla morte di Lynott. Vita famigliare, i primi passi nella musica, il successo e il declino. La scrittura è buona e fortunatamente non tralascia le campane che suonano stonate, ossia chi non ha cose necessariamente positive da dire sul leader dei Lizzy.
Non vi farà diventare fan del gruppo, probabilmente, ma leggerlo sarà quasi catartico. Come lo sono tutte le storie di rock e morte. Lo sapete benissimo…

PS: incidentalmente è morto anche Mark Putterford, l'autore del libro, un blasonato giornalista rock inglese della vecchia guardia di Kerrang. Ve lo dico così, con nonchalance.

Tagged under: , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Konstrukt & Keiji Haino - A Philosophy Warping, Little By…

L’ensemble free-impro turco Konstrukt, dopo aver condiviso dischi e performance con artisti importanti della scena improv internazionale, invita a collaborare…

01 Sep 2018 Reviews

Read more

Tindersticks - Waiting For The Moon (Beggars Banquet, 2003)

Dunque, c’è andato l’uomo sulla luna o no? Ora che si è perso anche il video originale dell’impresa del 1969,…

23 Aug 2006 Reviews

Read more

Il Pan Del Diavolo - S/T ( 800A/Malintenti, 2009)

Avevamo terribilmente bisogno di questo duo siciliano: al 50% amaro come una sbronza cattiva e al 50% dolce e…

18 Feb 2009 Reviews

Read more

Scarnella/Fluorescent Pigs - Phonometak Series #8 (Phonometak/Wallace, 2010)

Nuovo vinile per la label di Iriondo coadiuvata dalla Wallace di Mirko Spino e ancora una volta si tratta di…

01 Oct 2010 Reviews

Read more

Monno – Ghosts (Conspiracy, 2009)

Anche il doom cerca vie per evolversi, superare la lezione dei maestri senza tradirne lo spirito. I Monno, da Berlino…

14 Dec 2009 Reviews

Read more

Stearica - Oltre (Homeopathic, 2008)

Credo che Oltre possa essere considerato a tutti gli effetti il debutto degli Stearica, nonostante una loro prima apparizione, risalente…

27 Jul 2009 Reviews

Read more

Beats Me! - Out Of The Box (Autoprodotto, 2011)

Frizzantissimo trio romano dedito sia stilisticamente che propositivamente al punk rock settantasette americano con una strizzatina di Buzzcocks. Considerdando…

12 Dec 2011 Reviews

Read more

Steinebach - Derotation (Sincope, 2013)

Per quello che si capisce da una veloce ricerca in rete Martin Steinebach nella vita di tutti i giorni è…

27 Feb 2014 Reviews

Read more

Julia Kent - Asperities (Leaf, 2015)

Julia Kent arriva al quarto disco solista e riesce a sorprendermi con Asperities, che per me è la sua uscita…

05 Jan 2016 Reviews

Read more

Werner Durand/Victor Meertens - Hornbread (Solar Ipse, 2013)

Il duo formato da Werner Durand e Victor Meertens si esibisce in performance da venti anni e solo quest'anno arriva…

18 Mar 2014 Reviews

Read more

AA.VV. - 8 Heretical Views / Two Views (Aagoo, 2013)

Addirittura due uscite di remix per Anyway Your Children Will Deny It dei Father Murphy: un 12" con il disco…

21 Feb 2013 Reviews

Read more

Es - Tutti Contro Tutti Portiere Volante (Fosbury, 2011)

Italico rock che tanto potrebbe esser caro agli amanti dei Numero 6 quanto dei Virginiana Miller. Evocativi fin dal titolo…

01 Mar 2012 Reviews

Read more

Dejligt - Feed The Dog (Matteite, 2007)

Non credo alle combinazioni, però ho appena comperato Tower/Microphone (bello e interessante, tralaltro) di Teho Teardo e contemporaneamente ho scoperto…

11 Feb 2007 Reviews

Read more

Valina - A Tempo! A Tempo! (Trost, 2008)

Mi appoggerò nuovamente al mio tormentone preferito, il grande Pozzetto di Paolo Barca, Maestro Elementare Praticamente Nudista in cui…

08 May 2008 Reviews

Read more

Karma To Burn – Arch Stanton (FABA/deepdive Rec.)

Credo che il motivo per cui la rediviva band della West Virginia non stanchi mai nonostante il susseguirsi di album…

11 Sep 2014 Reviews

Read more

St.Ride - Onde (Niente, 2009)

E così in un batter d'occhio la Niente è arrivata al Volume 4, spirito punk con grafiche ultra spartane (a…

11 Feb 2010 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top