Luca Olivieri – La Quarta Dimensione (Autoprodotto, 2008)

Buffo, prima nulla e poi due dischi con il taglio di una colonna sonora in pochissimo tempo, quindi dopo l’ottimo lavoro di Ramaglia ecco il disco di Luca Olivieri che, dalle note interne, scopro esser registrato ad Acqui. Il conterraneo degli Yo Yo Mundi a differenza di Ramaglia propone poca “musica classica” e più musica da film italiano anni Ottanta e quindi con alti e bassi, probabilmente è filmica senza volerlo essere, ma questo non lo saprò mai perché come avrete capito non leggo i fogli allegati ai dischi perché sostanzialmente sono inutili (a meno che non si parli di gente che intona i termosifoni o si collega i microfoni a contatto i lobi delle orecchie per fare qualcosa che abbia un senso).
Il riferimento agli anni Ottanta e primi Novanta sta è dovuto soprattutto ai suoni e ad alcune parti dell’arrangiamento del disco che hanno un retrogusto alla Stadio meets l'arrangiatore dello stesso periodo di Liberi Liberi (Vasco Rossi… sì proprio lui, quello che ha sdoganato più eroina di quanto abbia fatto Timothy Leary con l'LSD), il fatto è che non è per nulla una critica, semplicemente una costatazione sui suoni e sulla patinatura del disco. Alla luce dei fatti i pezzi hanno ben poco a che spartire con quel che ho menzionato, ma hanno molti più riferimenti "rurali": folk in senso proprio del termine, qualche patinatura jazzeuse laccata fra Dino Saluzzi, alcune cose vecchie di Coscia, riferimenti alla musica popolare per non dire etnica. La fisarmonica nel più dei pezzi viene scelta come locomotore per un treno che si muove su batterie elettroniche, percussioni e tappeti soft, per decorare questo convoglio moderno dalla carrozzeria vintage compaiono basso elettrico, violoncello, glockenspiel e tutti arrangiati benino. Se proprio bisognasse menzionare altri riferimenti per inquadrare la musica di Olivieri direi che potrebbe essere Bacharach diminuito di varie sezioni di archi, minimamente digitalizzato e pasticciato della roba più commerciabile (o commerciale?) dell'ECM. Nonostante la risoluzione sia ottima non impazzisco tutte le tracce, nulla di male in questo il disco è ben fatto ma non mi convince fino in fondo nonostante la cura fino ai minimi particolari anche quando snocciola suoni che ricordano vagamente roba più Settanta stile Tangerine Dream.

Tagged under: , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Equus - Eutheria (Get A Life, 2008)

Entusiasmante debutto per l'elvetico terzetto che, believe it or not, raggiunge a pieno titolo la palma di band Cinematica…

30 Apr 2008 Reviews

Read more

Tiziano Milani - Music As A Second Language (Setola Di…

Vera sorpresa quella di Tiziano Milani, per una serie di casi della vita nel giro di pochi mesi passo dal…

02 Aug 2007 Reviews

Read more

Luciano Maggiore & Francesco Fuzz Brasini - How To Increase…

Eravamo stati fra i pochi, lo scorso anno, a non entusiasmarci per l'esordio di Luciano Maggiore e Francesco Brasini: fra…

04 Dec 2012 Reviews

Read more

Genghis Tron + Behold... The Arctopus - 14/11/08 Vicolo Stretto…

Il programma per il venerdì sera, fino a metà settimana, era quella di andare a Brescia a curiosare il concerto…

25 Nov 2008 Live

Read more

Paolo Spaccamonti - Rumors (Santeria/Escape From Today, 2015)

Paolo Spaccamonti è una persona gentile ed educata che ormai da svariati anni porta avanti il suo percorso musicale completamente…

06 May 2015 Reviews

Read more

Pussy Gillette -s/t (Autoprodotto, 2021)

Austin, Texas. Brent Prager, Masani Negloria, Nathan Calhoun. Lercio rock'n'roll, grasso e con una voce, quella femminile di Masani che non ti…

05 Jan 2022 Reviews

Read more

Justin Marc Lloyd – Funeral (Sincope, 2012)

Uno dei tanti fuoriusciti dal giro HC dei '90 fulminati sulla via del rumore (sebbene militare in un gruppo powerviolence…

12 Feb 2013 Reviews

Read more

The Wows - War On Wall Street (Gpees, 2013)

Gli Wows suonano dal 2008 e vengono da Verona. Hanno incontrato l'anno dopo Giorgio Pona, il loro produttore, che li…

12 Feb 2014 Reviews

Read more

Alcalde De La Noche - Fantasía Ibiza (Marsiglia, 2020)

La musica truzza ha un nuovo re, anzi un nuovo sindaco: Alcalde De La Noche, il progetto italo disco dei…

11 Aug 2020 Reviews

Read more

The Mall - Emergency At The Everyday (Secretariat, 2006)

E se un giorno i The Killers si stufassero dello scorrere quotidiano della loro vita da piccole star e decidessero…

21 Oct 2006 Reviews

Read more

Las Kellies - Kellies (Fire, 2011)

GHERLS PAUAH! Un disco che sa di estate e che ascolto con un tempismo pazzesco ma del tutto casuale, visto…

28 Jul 2011 Reviews

Read more

Cherry Vanilla - Ziggy’s Papers. David Bowie: Lettere Ai Fan…

Il Duca Bianco non è mai stato uno sprovveduto. Dai primi anni Settanta ha dimostrato come - con la sapiente…

13 May 2007 Reviews

Read more

Neal Morse - One (InsideOut, 2004)

Vi interessa un parere sul Prog da profana? Dio esiste. Non me ne ricorderò più solo quando bestemmio. Per chi…

25 Sep 2006 Reviews

Read more

The Doggs - Red Sessions (Autoprodotto, 2012)

Ancora frastornati dal debutto di pochi mesi fa ecco ritornare questo giovane ed arrogante terzetto milanese per prenderci (di nuovo)…

16 May 2012 Reviews

Read more

Christian Alati – Pietra (Chew-Z/Grey Sparkle/Canebagnato, 2009)

L'iperattiva netlabel Chew-Z, in combutta con Grey Sparkle e Canebagnato, ci regala prima che si chiuda il 2009, il CD solista di…

30 Dec 2009 Reviews

Read more

Geisha Girls - Disappearing Act (Number3, 2006)

Qui facciamo sul serio. Parliamo di OC, quella vera. E dell'aria che ivi tira. Ma oltre al DawsonBrendonBrenda di turno…

09 Sep 2006 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top