Globoscuro – Research (Farfromshowbiz, 2007)

Nonostante il nostro personal cumenda, nonchè gran capo, nonchè "gran figl di putt", nonchè "el duce" supremo di Sodapop mi avesse presentato bene questo gruppo, ero partito parecchio prevenuto per via del nome e dalla copertina che mi ricorda alcune cose electro-metal di una ventina di anni fa. Invece mi sbagliavo e devo dire che, nonostante tutte le migliorie apportabili ai pezzi o al suono, questi ragazzi hanno il loro perché.
I Globoscuro viaggiano fra la musica dark-ambient ed il rumore che si chiama post-industriale e che annaspa nel kraut fino al collo, perché i freak crucchi quando c'era da spegnere la luce non erano secondi a nessuno (chiedetelo ai Popol Vuh). Tappeti di synth, poi direi chitarre, magmi di suoni spostati di pitch, campionamenti di voce a suon di delay, magmi macilenti da cui ogni tanto emerge qualcosa per poi ripiombare nel pastone, quindi a maggior ragione parlerei di musica più in debito con la legione kraut che con quella dark ambientale. Quindi ricapitolando più Faust che Lustmord, più Europa che America e più tastiere (o virtual synth, resta che il suono sembra quello) che strumenti a corde. Nonostante tutto delle tracce più ambientali ci sono eccome come Human Consciousness Digital Convert and Debugger o Nanomachine Messiah. La parte più cupa e allo stesso tempo più rarefatta del lavoro è quella centrale e dato che di dark-ambient parliamo, sia ben chiaro che i tappeti sono saturi di suoni sintetici non troppo manipolati quindi senza ansia di celare la fonte sonora, allo stesso tempo il disco non è per nulla imparentato con quella roba stile "grazie a Burzum ho scoperto che le intro dei miei dischi della Osmose possono fare radical chic fra gli estremisti da salotto filo-evoliano". Direi che si tratti più di musica per freak andati a male che di roba per emuli di Albin Julius, roba ancora un po' grezza ma che ricorda molto alcune cose alla Nurse With Wound a cui per l'appunto la musica kraut non è mai piaciuta mica tanto, no no, già già già.

Tagged under: , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Sean Noonan Pavees Dance - Tan Man's Hat (RareNoise, 2019)

Seconda uscita per l’ensemble Pavees Dance capitanato dal batterista di lungo corso Sean Noonan, un cantastorie moderno che, come evoca…

02 Jul 2019 Reviews

Read more

Luca Sigurtà/Panicsville – Split (Fratto9 Under The Sky, 2013)

Nella dilagante moda dei dischi one side (che a me continua a sembrare uno spreco di materiale), la Fratto 9…

26 Mar 2013 Reviews

Read more

Leather Parisi - Clockwise Mayhem (Industrial Coast, 2021)

Ormai l'entità che si cela dietro il sinistro logo sadomado da prima serata Rai è diventata artisticamnete inagguantabile. Ha sublimato…

02 May 2021 Reviews

Read more

Gino Dal Soler – The Circle Is Unbroken (Tuttle, 2011)

Molti dei libri delle edizioni Tuttle prendono le mosse da articoli e rubriche di Blow Up e vengono integrati e…

07 Oct 2011 Reviews

Read more

Montezuma – Di Nuovo Lontano (Dischi Dell'Apocalisse/Dicks And Decks/OnlyFuckingNoise/Mukkake, 2011)

Sarà sempre la solita questione anagrafica, ma immagino per un momento di tornare indietro un paio di lustri orsono  inneggiando…

17 Jan 2012 Reviews

Read more

Empty Chalice – Emerging Is Submerging-The Evil (Industrial Ölocaust, 2017)

Empty Chalice, metà del duo italo-russo Gopota (la metà nostrana, per essere precisi), così si presenta sulla propria pagina Facebook:…

22 Sep 2017 Reviews

Read more

Yalda - Tavallodi Digar ( CD Taxi Driver, 2022)

A novembre dello scorso anno Massimo Perasso mi passa un live degli Yalda, conoscendo la mia passione per le voci…

23 Jun 2022 Reviews

Read more

RUMUR Volume 1 – 16-17/11/2019, Musil (Cedegolo – BS)

Una rassegna come RUMUR avrebbe meritato un tempo ben maggiore di quello che, per problemi di lavoro e faccende domestiche,…

03 Dec 2019 Live

Read more

Your Intestines - Untitled (Pink) (Black Petal, 2008)

Quando nel mio negozio preferito di dischi, il mitico Sunshine and Grease a Melbourne, mi sono affidato a Pat (non…

02 Nov 2010 Reviews

Read more

Get The People - S/T (Ruminance, 2006)

C’è gente che vive un drammi indicibili quando in fase post-adolescenziale vede crollare miserabilmente il proprio eroe e purtroppo è…

26 Feb 2007 Reviews

Read more

Scout Niblett - 20/11/10 Interzona (Verona)

Ammetto di essermi mosso, questa sera, dietro pressione di vari amici che avevano tessuto le lodi di Scout Niblett e…

18 Oct 2010 Live

Read more

Electric Electric - Discipline (Africantape/Herzfeld/Kythibong/Murailles Music, 2012)

Combo francese dedito ad un math rock sfrenato e contagioso questi Electric Electric, che con Discipline registrano un disco davvero…

07 Dec 2012 Reviews

Read more

Lite - Phantasia (Transduction, 2008)

Prima una precisazione dovuta, visto che a questo punto, dopo aver ascoltato almeno tre uscite della Transduction, ho iniziato a…

09 May 2008 Reviews

Read more

The Wows - War On Wall Street (Gpees, 2013)

Gli Wows suonano dal 2008 e vengono da Verona. Hanno incontrato l'anno dopo Giorgio Pona, il loro produttore, che li…

12 Feb 2014 Reviews

Read more

Slowcream - River Of Flesh (Nonine, 2010)

Tornano gli Slowcream di Me Rabenstein e il risultato tiene fede alle aspettative ed è anche sorprendente il fatto che…

01 Jan 2011 Reviews

Read more

Lust For Youth - Solar Flare (Avant!, 2011)

Dopo varie cassette e split il duo svedese composto da Amanda Eriksson e Hannes Norrvide pubblica questo CD sull'italiana Avant!…

12 Dec 2011 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top