Lady Vallens – Noon EP (Second Family, 2010)

Il boss dell’etichetta più il chitarrista degli ottimi Bonora e un tot di macchinari, questo l’organico dei Lady Vallens, che dopo l’album Double Mirror, esordio dello scorso anno, se ne escono con questo EP di cinque pezzi, due strumentali inediti e tre brani rivisitati in chiave elettronica, il tutto, come tradizione, in libero scarico dal sito della Second Family.
Se Double Mirror appariva come un ibrido fra certa new wave (nella voce e in alcune ritmiche) e lo shoegaze industriale dei primi Jesu, Noon si sposta verso suoni maggiormente di confine, con l’elettronica che quasi polverizza il suono delle chitarre e cancella ogni residuo degli anni ’80. Il rumore di fondo, che spesso si guadagna la ribalta, non sa più di My Bloody Valentine ma piuttosto di Sunn o))) e se atmosfere darkeggianti fanno ancora capolino, più che romantica malinconia evocano il cupo cinismo degli Swans. Confrontate le versioni di Hindu Gods e Death Katana che trovate qui con quelle contenute sull’album vi sarà chiaro. Nella prima la voce intona un mantra scuro in luogo del cantato Joy Divisioniano originale, mentre il bordone che monta finisce per trasformare la canzone una sorta di drone-shoegaze. La seconda riceve un trattamento meno brutale ma viene comunque sommersa da una coltre di rumore che ne trasfigura i profili. Il terzo pezzo cantato, Floware, ripreso da una compilation su Silent Flow, si attesta su coordinare simili a Hindu Gods. Ancora più significativi i due pezzi strumentali, che liberi da composizioni pregresse, si spingono ancora più in là. Il pezzo eponimo è doom industriale dall’incedere lento e di fattura davvero buona, mentre Afternoon sarebbe la colonna sonora ideale per un documentario su un paesaggio urbano abbandonato. Certamente un EP può sempre contare sulla brevità che allontana il rischio di annoiare, ma non è solo questo che rende Noon un passo avanti rispetto a Double Mirror: il discorso musicale è qui più unitario e coerente, i modelli di riferimento meglio metabolizzati, il suono decisamente più attuale; siamo sulla buona strada.

Tagged under: , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

7 Training Days – Wires (Autoprodotto, 2013)

Arrivano al secondo album i laziali 7 Training Days e parlare di maturità, quando già lo abbiamo fatto per la…

17 Mar 2014 Reviews

Read more

Sprinzi - Ohh Ohh (Alice/Fooltribe, 2007)

Gli Sprinzi hanno un non so che di speciale: in circolazione da un po' (dieci anni circa), sono il classico…

05 Nov 2007 Reviews

Read more

Larva - 1.0.1 (Cervello Meccanico, 2007)

Puzza di classe Bisani, sarò poco obiettivo, certo, però credo di parlare di uno di quei classici talenti naturali e se…

19 Sep 2007 Reviews

Read more

Aspec(t) - El Obsceno Pàjaro De La Noche (FF HHH,…

Il titolo vorrà dire "l’osceno passero della notte?", boh, purtroppo quel poco di spagnolo che parlavo è andato a farsi…

23 Jul 2009 Reviews

Read more

La Batterie - He Ate A Lamp Now He's A…

"Una versione spongebob dei Sonic Youth", e stavolta chiunque abbia inventato questa definizione per il terzetto berlinese un po' c'ha…

17 Feb 2008 Reviews

Read more

Plakkaggio - Ziggurath (Hellnation, 2015)

Dalla provincia dell'impero ritorna il terribile trio sempre carico di nostalgico NWOBHM in chiave romper stomper. Ma, ricapitoliamo il percorso…

07 Oct 2015 Reviews

Read more

?Alos - Ricamatrici (Bar La Muerte, 2009)

Riparte nella seconda metà del duemilanove la Bar La Muerte di Bruno Dorella, dopo un "intoppo" tragicomico per una storia…

02 Dec 2009 Reviews

Read more

Cupio Dissolvi – Tanatomimesi ( Looney-Tick, 2017)

Si sentiva la mancanza di una pubblicazione che facesse tornare in scena il nome dell’oscuro progetto Cupio Dissolvi le cui…

04 Dec 2017 Reviews

Read more

Gameface - Come On Down 7" (Equal Vision, 2013)

Graditissimo ritorno quello dei californiani Gameface, attivi dai primi anni Novanta ed esponenti del più classico suono melodico applicato alla…

19 Feb 2014 Reviews

Read more

The Use - What's the use (Alrealon Musique, 2014)

Eh sì, è passato un po' di tempo dall'uscita del disco, così come è trascorso molto tempo senza sentir parlare…

07 Aug 2016 Reviews

Read more

Silent Carnival - S/T (Old Bycicle/Viceversa, 2014)

Altro che gli immigrati, sono gli svizzeri a rubarci i lavoro! Nella fattispecie il lavoro del discografico, dato che l’esordio…

26 Feb 2015 Reviews

Read more

Death Mantra For Lazarus - Mu (Grammofono Alla Nitro, 2010)

Ancora tu? Ma non dovevamo vederci più? Non parliamo ovviamente di Lucio Battisti, il cui ritorno ci inquieterebbe assai, essendo…

16 Jun 2010 Reviews

Read more

Abstracter - Wound Empire (Fragile Branch/Vendetta/7Degrees/Shove/Sentient Ruin/An Out/COF, 2015)

Gli italoamericani Abstracter sono di stanza ad Oakland ed arrivano dopo qualche anno a pubblicare il secondo disco: con i…

15 May 2015 Reviews

Read more

Mortification To The Flesh - Le Trésor Maudit (Final…

La Final Muzik inaugura una nuova collana significativamente intitolata Eighties che si propone di rimettere in circolazione titoli di quel…

26 Jan 2012 Reviews

Read more

Earlimart - Hymn And Her (Major Domo/Shout! Factory, 2008)

Ad un primo ascolto, le assonanze tra Hymn And Her, sesto album degli Earlimart, e gli ultimi (capo)lavori degli Stars…

14 Jul 2008 Reviews

Read more

Toni Bruna - Fogo Nero (autoproduzione, 2021)

La mente fa strani, stranissimi collegamenti. Evoca piccole cose che, anni fa, hanno lasciato un segno. Formigole. Nel 2011 a Trieste accadde…

14 Feb 2022 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top