Kotha – XI (This Winter Will Last Forever, 2017)

Make Sodapop metal again, part. 2. Dopo Boslide è l’ora di Kotha, progetto esordiente che esce per un’etichetta che è garanzia di black metal ruvido ed oscuro come la This Winter Will Last Forever (casa fra gli altri dei Massemord, roba che a confronto il blue wahle, ammesso esista, è una barzelletta). Credo che nessuno, dal semplice ascolto di XI, possa intuire che le corde vocali che generano queste urla scarnificate siano le stesse che producono il cantato baritonale dei lavori di Daniele Santagiuliana; ma se scendete fino al cuore di tenebra che alimenta entrambi i progetti tutto vi sarà (scusate il paradosso) chiaro. Kotha non ha come obiettivo primario il rinnovare o l’evolvere il linguaggio del black metal, il suo intento è risalire alle fonti del genere (influenze dichiarate sono i primi Mayhem, Darkthrone, Burzum e Bathory) per esprimere una sofferenza e una disperazione che solo questi suoni possono veicolare; l’operazione non si risolve in una banale copia carbone degli originali né in un lagnoso piagnisteo, piuttosto in una mostra di atrocità a cui la forma estremamente spartana (Santagiuliana si occupa di tutti gli strumenti e canta) conferisce una certa personalità, collocando il lavoro ai confini fra il depressive e il weird con alcune notevoli incursioni fuori zona. Non è un’oscurità indistinta quella in cui ci precipita XI: Mankind Is Nothing More Than Shaking Meat e Moloch’s Guts combinano in vari modi melodia e ruvidità scegliendo una ritmi sparatissimi e l’altra lentezze quasi insostenibili (che caratterizzano anche Entering the Decarabia’s Circle), The Blacker The White Becomes è sporcata di elettronica industriale, Beast esalta Kotha flirtando con tribalismi e noise, Embalm Me Now e A Pure Life sono i due apici della raccolta, più classicamente di genere la prima, caratterizzata da una prova vocale maiuscola, più contaminata la seconda, con un groove di matrice godlfeshiana che si ibrida con partiture e vocalizzi tipicamente black. Non fatevi comunque fuorviare dai tanti riferimenti, nel suo sovrapporre sporcizia e melodia, nel suono freddo e tagliente, nel gran lavoro vocale, XI è un album 100%  black metal e potrebbe benissimo essere il vostro disco dell’estate… se odiate questa stagione.

Tagged under: , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Ocean - Pantheon Of The Lesser (Important, 2008)

Secondo album sull'eclettica etichetta Important per i doomster di Portland (da non confondere con gli Ocean tedeschi) e sempre meno…

15 Dec 2009 Reviews

Read more

Grey History - All Dead Stars (Radical Matters, 2010)

E' ritornato Gianluca Becuzzi e si vede, infatti nel giro di poco tempo il toscano si è sparato uno split…

15 Feb 2011 Reviews

Read more

Carlo Garof – Wheel (Setola Di Maiale, 2020)

Carlo Garof, percussionista e batterista, ha costruito la sua visione attraverso un metodo multidisciplinare che comprende un intenso approfondimento di…

06 Mar 2020 Reviews

Read more

Vanishing Life - People Running (Collect, 2014)

Una manciata di minuti, tante riverenze per il passato e altrettante speranze per il futuro. Lo sono i Vanishing Life,…

29 Oct 2014 Reviews

Read more

Anthony Cedric Vuagniaux - Le Clan Des Guimauves (Plombage/Suisa, 2014)

Il compositore svizzero Anthony Cedric Vuagniaux arriva alla terza uscita sulla lunga distanza, sempre restando nel genere della colonna sonora,…

31 Mar 2015 Reviews

Read more

Mondongo - Transparent Skin (Megaplomb, 2011)

Degna accoppiata di Megaplomb che assieme al ritorno dei Calomito fa uscire questi Mondongo, un gruppo nuovo solo nel nome…

25 Jul 2011 Reviews

Read more

Enomisossab - O (CD EdisonBox, 2022)

Ascoltando una voce slegata dal corpo l’immaginazione vola. Spesso si tende a pensare chi sperimenta vocalmente come un gigioneggiatore, dati…

19 May 2022 Reviews

Read more

Two Dead Bodies - Reflect (Afe/Bar La Muerte, 2006)

I due cadaveri nelle sacche nere sono quelli di Luca e Andrea al secolo chitarra e voce degli I/O e…

11 Sep 2006 Reviews

Read more

Marvin – Hangover The Top (Africantape, 2010)

Continua da parte dell'Africantape l'esplorazione del suono post in tutte le sue sfaccettature. Quello che propongono i Marvin, terzetto francese…

01 May 2010 Reviews

Read more

AA.VV. - Pera Ascognüda (Tera Salvaria, 2013)

Non è inutile parlare di un'opera già esaurita in fase di prenotazione (solo 53 gli esemplari prodotti) quando si sta…

25 Sep 2013 Reviews

Read more

Daimon – S/T (Metzger Therapie, 2016)

Daimon è il nome che prende l’incontro fra la chitarra elettrica di Paolo Monti (The Star Pillow), le macchine elettroniche…

13 Feb 2017 Reviews

Read more

Paolo Angeli – Sale Quanto Basta (ReR/Off Set/Arti Malandrine, 2013)

Anche se dal giorno dell'uscita è passato qualche tempo non è troppo tardi per parlare del nuovo lavoro di Paolo…

24 Jun 2013 Reviews

Read more

Laghima (Gian Luigi Diana, Frederika Krier) – S/T (Setola Di…

Laghima, in antico sanscrito, significa "levitazione", il diventare più leggeri di una piuma, andare oltre il proprio corpo. A tale…

12 Dec 2012 Reviews

Read more

Newtone 2060 - Shot (Fratto9 Under The Sky, 2011)

Sono innamorato di questo disco fin dalla prima traccia che avevo ascoltato in rete: non sapevo neppure di chi si…

16 Aug 2011 Reviews

Read more

Cobson - Like A Bike Without Brakes EP (Autoprodotto, 2007)

Gradevole e vezzoso rockettino profumatamente distorto per questo giovane trio di Montpellier. Una voce femminile inserita in un sound…

25 Jan 2008 Reviews

Read more

Hobocombo – 25/02/11 Il Dito e la Luna (Coccaglio -…

Il vento che scende dalla Valcamonica taglia la faccia stasera a due passi dal monastero di Rovato, ma a fine…

21 Feb 2011 Live

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top