Lucifer Big Band – Atto III (Bloody Sound Fucktory, 2017)

Dev’essere l’anno della chiusura delle trilogie il 2017: dopo Deison & Mingle tocca alla Lucifer Big Band completare il triangolo iniziato con l’ottimo Atto I nel 2012. Il progetto, giova ricordarlo, è nato dalla mente e dagli strumenti di Angelo Bignamini di The Great Saunites ed è portato avanti con perseveranza nonostante possa essere inserito con pieno diritto nell’infame classifica dei segreti meglio celati della musica nostrana -e dateglielo almeno un mi piace su Facebook, per poco che possa valere!-, anche oggi che certi suoni oscuri e dilatati sembrerebbero godere di un certo hype. La ragione sta forse nel fatto che la Lucifer Big Band ha caratteristiche di non facile codificazione: qui la psichedelia più che un suono è un’attitudine che attinge alle più disparate fonti dell’alterazione musicalmente indotta, sfruttando ora il trasporto delle melodie, ora le potenzialità del ritmo, ora l’alienazione del rumore (qualità ulteriormente accentuate nella versione web dell’album). Proprio sull’ampliamento del campionario punta Atto III e perciò tutto sembra tranne che un addio: tale è la quantità di nuovi elementi messi in gioco che è impossibile non immaginare possibili evoluzioni (e  già questo è, a ben vedere, psichedelia in potenza). Quella che troviamo nel CD è un’unica traccia divisa in sei distinti movimenti i cui titoli (Death, Fall, Waiting Room, Interview, Atonement e Reinaissance) suggeriscono un percorso di morte e rinascita che sembra confermare l’impressione che la fine non sia veramente una fine. Sicuramente è questa la prova meno rock fra quelle che compongono la trilogia, così come la più stilisticamente varia, unificata però dall’architettura di ciascuna delle parti, costituite da un loop sul quale si innestano variazioni che lo fanno mutare lentamente fino al confluire nella sezione successiva. Si parte in un clima orrorifico sporcato di concretismi (che potrebbe andare a braccetto con l’ultimo Adamennon) e si finisce per risvegliarsi in uno spazio aperto pervaso da un’atmosfera rarefatta e livida dove ci muoviamo come al rallentatore; nel mezzo si incontrano dell’elettronica spigolosa e disturbata, dub minimali e dilatatissimi, sax suadenti che si stendono su rumori di fondo, battiti meccanici che inducono danze stranianti laddove, nei primi due capitoli, erano i ritmi tribali e trascinanti a caratterizzare le parti ritmate delle composizioni. Atto III è un album che si prende dei rischi (lo stacco rispetto alle atmosfere precedenti e la disomogeneità stilistica in primis) ma ne esce bene grazie al raggiungimento di una maturità che consente di maneggiare la materia sonora con inventiva e sicurezza. Un ascolto consigliato, in attesa della reincarnazione.

Tagged under: , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Luca Majer - Matita Emostatica (Volo Libero edizioni)

Questo libro più CD edito da Volo Libero e mandatomi dallo stesso Majer, non raccoglie solo alcune memorie dell'autore relative…

16 Nov 2011 Reviews

Read more

Luigi Turra - Enso (Smallvoices, 2007)

Se non si chiamasse Luigi Turra e se non sapessi che è italiano, ascoltando il disco avrei pensato che si…

16 Nov 2007 Reviews

Read more

Key-Lectric - Blanking Generator (Stuprobrucio, 2009)

Ho avuto l’occasione di sentire in concerto Key-Lectric durante una loro lontana trasferta eporediese e di quella sera mi era…

23 Apr 2009 Reviews

Read more

The Rambo – The Stabbing (Wallace/Il Verso del Cinghiale/Villa Inferno/Cloudhead,…

In due, una chitarra e una batteria e a peggiorare la situazione due maschere che ricordano i wrestler messicani calate…

09 Dec 2016 Reviews

Read more

Hermetic Brotherhood Of Lux-Or – Anacalypsis (Boring Machines, 2016)

Grazie a Boring Machines trovano ospitalità fuori dalla Sardegna gli Hermetic Brotherhood Of Lux-Or, fra gli esponenti di spicco della…

05 Dec 2016 Reviews

Read more

Black Mountain - Wilderness Heart (Jagjaguar, 2010)

Spinto da un grande sforzo pubblicitario arriva il terzo disco dei rcanadesi Black Mountain, ormai consolidati come uno dei più…

14 Oct 2010 Reviews

Read more

Vakki Plakkula - Babirussa Capibara (Le Arti Malandrine, 2009)

Altro cd ed altro supergruppo e porca troia piccoli musicofili del cazzo, non uso supergruppo a casaccio, mentre vi tenete…

06 Jun 2009 Reviews

Read more

Mortification To The Flesh - Le Trésor Maudit (Final…

La Final Muzik inaugura una nuova collana significativamente intitolata Eighties che si propone di rimettere in circolazione titoli di quel…

26 Jan 2012 Reviews

Read more

The Great Saunites – Brown (Neon Paralleli/Hypershape e altre, 2018)

The Great Saunites chiude la trilogia dei colori aggiungendo al nero e al verde il marrone e l’effetto è assolutamente…

26 Apr 2018 Reviews

Read more

Athletic Automation - A Journey Through Roman’s Empire (Skin Graft,…

Steve Mattos, chitarra, già con Arab On Radar, e Patrick Crump, batteria, formano insieme gli Athletic Automation,…

13 Nov 2007 Reviews

Read more

Lost (Songs) in Leominster, tra Tupperware e hardcore

Scostare la tenda della finestra è quasi un rituale quando piove, ripetuto in maniera ossessiva, con il vetro scalfito, ogni…

02 Sep 2018 Writings

Read more

My Dear Killer - The Cold Plan (Under My Bed/EeeE,…

Terzo disco per My Dear Killer, ovvero Stefano Santabarbara, che con il tempo affina sempre più le sue doti: il…

23 Mar 2018 Reviews

Read more

Massimo Falascone – Variazioni Mumacs (Public Eyestore, 2014)

Variazioni Mumacs di Massimo Falascone, sassofonista con una lista di collaborazioni fitta come un elenco del telefono,  è un album…

21 Jul 2014 Reviews

Read more

Ramachandran - Marshmallow (Taxi Driver, 2016)

Inarrestabile punk 'n'roll tantrico venato di noise anni novanta per questo dinamico trio, vagamente (anzi palesemente) ispirato al celebre ed…

14 Mar 2016 Reviews

Read more

Acid Mothers Temple & Melting Paraiso UFO - Interstellar Guru…

Ma quant’è bello essere hippie? Insomma uno può prendere una di queste belle patatone anti-anoressiche in pieno stile Settanta, metterla…

15 Apr 2009 Reviews

Read more

Israel Martinez – The Minutes (Aagoo, 2013)

Israel Martinez è al suo settimo lavoro e si è sempre interessato al mondo della musica ambient/elettronica e sperimentale anche…

23 May 2013 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top