Kelvin/Speedy Peones – Split 10″ (MacinaDischi, 2010)

Metallo dal Nordest, almeno per quel che riguarda la confezione delle prime 300 copie di questo 10″ (45 rpm e registrazione analogica, così da sfruttare al massimo le potenzialità del supporto): una lastra di alluminio da un millimetro, serigrafata e numerata a punzone. Sarà la disperazione dei collezionisti; come se non bastasse il fatto che la tiratura totale è di 500 pezzi, per cui l’edizione con copertina cartonata è più rara di quella metallica, 266 copie di quest’ultima sono in vinile blu, le restanti 44 nero: ancora una volta la versione normale è più limitata di quella speciale. Ma parliamo un po’ di musica, che dite? Kelvin e Speedy Peones sono due gruppi che hanno in comune apparentemente solo la provienienza geografica, ma non sempre le cose sono come appaiono.
Iniziamo dal lato B (se leggete fino in fondo capirete perchè); gli Speedy Peones li conoscerete per aver letto la recensione del loro CD su queste pagine. Garage rock’n’roll normale (passatemi il termine), ma continuamente intersecato da chitarrine sferraglianti e suoni di synth scemi. L’effetto è piuttosto straniante, perchè se tali soluzioni sono solitamente utilizzate da gruppi pesanti e noiosi per darsi una patina di simpatica ironia pop (solitamente fallendo e guadagandosi anzi auguri di morte) quikelvin-speedy_peones_b vanno ad interrompere il fluire di ritornelli vincenti (Ephemera Drown) o di crescendo strumentali. Non proprio la mia cup of tea, ma un gruppo che fa intelligentemente sfoggio di idiozia non gratuita è merce rara e sempre apprezzabile. Il lato di Anna e Woolter, in arte Kelvin, è dedicato invece a un noise chitarra/batteria e voce filtrata che denuncia fortemente il passato hardcore dei componenti. Si apre con l’assalto a tratti disarticolato di Change Yor Feel che di accelerazione in accelerazione ci porta all’altrettanto sparata K-Way, roba da headbanging sloga-collo. La cover della Melvinsiana If I Had An Exorcism, le cui originali cadenza sludge sono felicemente riconvertite in un pezzo hardcore noise, chiude il loro turno. L’ultimo brano del lato è opera degli Spelvin Keones, temibile all star band che combina i membri di entrambi i gruppi. Il pezzo, che per quel che mi riguarda fa guadagnare a tutti loro il mio imperituro rispetto, è My Body Is A Jerk degli indimenticabili Men’s Recovery Project, trasformata in un travolgente inno da sing-along. Come direbbe il duca conte Catellani “questa è classe, coglionazzo”.

Tagged under: , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Bobby Soul And Blind Bonobos - Dodici Lanterne (CNI, 2017)

Riecco Bobby Soul l'inesaurubile oracolo genovese o il Mario Biondi de noartri: sempre più sprofondato nelle radici della Superba e…

06 Dec 2017 Reviews

Read more

Tank of Danzig - Not Trendy (Music à la Coque,…

Grazie alla label barese Music à la Coque, dal dimenticatoio delle band underground anni '80 si fa notare la…

20 Feb 2014 Reviews

Read more

Sodapop Fizz – Anno 3 Puntata 9 (04/12/14)

Nona puntata della terza stagione di The Sodapop Fizz: Emiliano e Stefano in diretta con Jukka Reverberi (Giardini Di Mirò…

09 Dec 2014 Podcasts

Read more

Dilatazione - The Importance Of Maracas In The Modern Age…

Dopo un demotape in piena era "postrock" e un ottimo esordio di qualche anno fa, ritornano i toscani Dilatazione e…

29 Jun 2010 Reviews

Read more

Owls – Scars/Child (Verba Corrige, 2015)

Tornano a farsi vivi gli Owls di Eraldo Bernocchi, Tony Wakeford e Lorenzo Esposito Fornasari dopo il felice esordio. Avevo…

02 Jul 2015 Reviews

Read more

Mathieu Ruhlmann - As A Leaf Or A Stone (Afe,…

Nel darmi questo disco da recensire, mi è stato detto che tanto quanto avrei dovuto abbassare il volume per ascoltare…

03 Jul 2010 Reviews

Read more

Pinback - Autumn Of The Seraphs (Touch & Go, 2007)

I Pinback potremmo tranquillamente definirli un "superduo" risultato dell'unione creativia di Rob Crow (ex Heavy Vegetable, Thingy, Optiganally Yours, collaboratore…

25 Aug 2008 Reviews

Read more

Claudio Rocchetti ‎- Some Songs (Backwards, 2014)

Un dodici pollici inciso su un lato solo, con serigrafia sul lato B e copertina con foto di Fabio Orsi:…

16 Jun 2015 Reviews

Read more

Airportman - Letters (Lizard, 2008)

E’ da un po’ che ho questo disco per le mani, e arrivo a scriverne con un grande ritardo. Letters…

06 Feb 2009 Reviews

Read more

Sergio Messina & the Four Twenties – Sensual Musicology (Hell…

Conobbi Sergio Messina grazie a due dischi, La vendetta del Mulino Bianco e Inaudito, acquistati ad un live dei 99 Posse al Villaggio Globale…

28 Mar 2022 Reviews

Read more

16 Barre / Watch The Dog - Li Ho Visti…

Il problema principale di un certo di tipo di hip hop è la più completa e totale autoreferenzialità, benché…

11 Dec 2009 Reviews

Read more

Jackpine - Return To Zero EP (Wild Love, 2009)

Stavo per esordire dicendo che Return To Zero è lo stesso titolo di un album dei Man Or Astro-Man? ma…

17 Oct 2009 Reviews

Read more

Stefano De Ponti – Fin d’Ersástz/20xx–2016 (Grotta, 2017)

Con meno di vent’anni di musica e un’età anagrafica che non tocca i quaranta è ancora lontano il tempo dei…

10 May 2017 Reviews

Read more

Gerstein – Live Radio Blackout 1999 (Luce Sia, 2016)

È uno dei nomi storici della musica di ricerca nostrana quello di Gerstein, sigla dietro cui si nasconde il torinese…

22 May 2017 Reviews

Read more

Toilet Door n.1 - Avanti Savoia!

In questo clima di libertaria apertura mentale anche Andrea Ferraris, Marco Giorcelli e Emiliano Grigis indagano per capire se…

29 Mar 2010 Podcasts

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 23 (02/04/15)

Puntata numero ventitre della terza stagione di The Sodapop Fizz: Maurizio Gusmerini  è ospite di Emiliano e Stefano con una serie…

08 Apr 2015 Podcasts

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top