Humcrush – Enter Humcrush (Shhpuma, 2017)

A sei anni di distanza da HA!, collaborazione con la singer e improvvisatrice Sidsel Endresen, il duo Humcrush pubbica il suo gradito ritorno su Shhpuma, sottoetichetta della sempre interessante Clean Feed. Ståle Storløkken, tastiere, e Thomas Strønen, batteria, entrambi con le mani contemporaneamente impegnate su diversi ammennicoli elettronici, nomi molto attivi nella scena avant norvegese militando in formazioni come Supersilent, Elephant9, Food, Medow e Motorpsycho tra le altre, hanno avuto tutto il tempo per riflettere e costruire un nuovo approccio espressivo. Se in precedenza l’equilibrio sonoro era decisamente spostato su un linguaggio morbido e fluentemente elettronico, dalle divagazioni cosmiche, già dalla collaborazione con la Endresen le pratiche si erano fatte più asciutte e concrete nella ricercata complementarietà delle combinazioni astratte con la vocalità della cantante norvegese. In Enter Humcrush tutto vira ancora in una direzione più frontale, riuscendo a ottenere con un set strumentale ridotto all’osso un equilibrio sorprendentemente efficace tra componenti space trattenute, piegate allo sviluppo di esternazioni viscerali, e una spigolosità muscolare di fondo che rende la pronuncia dell’insieme urgente. Merito anche di una componente funk che sapientemente sa dare la giusta grana dove serve e a un linguaggio costantemente improvvisativo che mantiene alto il livello di tensione anche nelle parti più rarefatte. Il cambio di prospettiva la si intuisce fin dal velocissimo 4 che scandisce il tempo dell’assalto jazzcore The Beginning. Proseguendo con naturalezza tra le bordate funk della title track, l’impatto roccioso delle angolature frantumate di The Humming, alternando sapientemente con episodi più astratti e sospesi, costruiti ora su crude puntellature di ritmica ed elettronica (The Puncture), ora attorno a climax siderali (Salvare). Mentre Flee è un drone lancinante dalla ritmicità jungle che viaggia dritto verso il suo stesso acuto, Trench sfodera tutta la sua componente funk rock, improvvisando a larghe falcate su un tappeto krauto lisergico. Spliter è un confronto faccia a faccia nervoso e serrato e Sinking mastica psichedelia sci-fi che gioca sui pieni e sui vuoti di un’elettronica dispari. Si riprende un po’ di fiato sul finale con Exit Humcrush, progressione drammatica da titoli di coda e filmica aggravata da un sapore scuro e microsbalzi sottopelle a macchiare la linearità melodica. Ottima capacità di sintesi per un’uscita “liberamente” ben congeniata e ispirata, con una personalità che fa del proprio metodo creativo la cifra di una forte intensità espressiva, senza cali e dall’impatto decisamente punk. Qualcosa di cui personalmente mi sono accorto di sentire il bisogno dopo averla ascoltata.

Tagged under: , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

La Furnasetta - Diary Of A Madamina (Solium, 2021)

Uno, nessuno, centomila. Questo è Diary Of A Madamina, ultima uscita de La Furnasetta, collettivo anonimo (nessuno, quindi) da sempre…

20 Oct 2021 Reviews

Read more

Anthony Cedric Vuagniaux - Le Clan Des Guimauves (Plombage/Suisa, 2014)

Il compositore svizzero Anthony Cedric Vuagniaux arriva alla terza uscita sulla lunga distanza, sempre restando nel genere della colonna sonora,…

31 Mar 2015 Reviews

Read more

Kajsa Lindgren – WOMB (Hyperdelia, 2018)

Seconda uscita per l’etichetta berlinese Hyperdelia, WOMB, lavoro della sound artist Kajsa Lindgren, che partendo da una base di field…

01 Aug 2018 Reviews

Read more

Simon Grab & Francesco Giudici - [No] Surrender (LP OUS,…

Surrender è uno scontro. Uno scontro presuppone sempre una resistenza. Uno scontro presuppone due forze almeno che cozzino, combattano…

11 May 2022 Reviews

Read more

Psychofagist W/Napalmed – Songs Of Faint And Distortion (Fobofile, 2013)

Un occhio al cuore ed un occhio alla testa. I mangiatori di psiche non hanno mai perso di vista il…

29 Apr 2013 Reviews

Read more

Monosonik - 42:728 Hours (Sottomondo, 2008)

Quando ho visto che il cd era uscito per la Sottomondo, senza curarmi troppo del nome del gruppo, avevo subito…

06 Aug 2008 Reviews

Read more

Bobby Soul & Blind Bonobos - L'Insostenibile Leggerezza Del Funk…

A conti fatti, dopo tutti questi anni, questo è il Bobby Soul che preferiamo. Un po' meno caciarone, un po'…

15 Apr 2015 Reviews

Read more

Ka Mate Ka Ora - Thick As The Summer Stars…

"We are a slowcore – shoegaze band!" Ci pensa già il gruppo di Pistoia a scrivere il succo della storia…

01 Oct 2009 Reviews

Read more

Neubau - Rymdmyr (Digital Nonine, 2008)

Nuova etichetta di elettronica da Berlino, per quanto di "elettronica" si tratti il termine tutto sommato va relativamente stretto alla…

08 Jun 2008 Reviews

Read more

Bachi Da Pietra/The Shipwreck Bag Show - Volumorama 3 (Bloody…

La serie Volumorama edita dalla Bloody Sound Fuctory si propone di abbinare ad ogni uscita alcuni dei nomi migliori del…

09 Nov 2016 Reviews

Read more

Sylvano Bussotti - Brutto, Ignudo (Amirani, 2011)

A forza di flirtare pesantemente con la musica contemporanea l'Amirani ci è caduta dentro, o forse ci era già caduta…

14 Dec 2011 Reviews

Read more

Herba Mate - The Jellyfish Is Dead And The Hurricane…

La grafica e le note biografiche mi facevano ben sperare per questi Herba Mate. Le radici emiliane accompagnate da un…

28 Oct 2010 Reviews

Read more

Thee Oh Sees - Carrion Crawler/The Dream EP (In The…

Per me questi Thee Oh Sees non sbagliano un colpo. E dopo averli visti nel maggio di quest’anno esibirsi in…

20 Dec 2011 Reviews

Read more

R-11 - Waschmaschine (Lizard/HysM?/Moving, 2014)

Sfuggente ed eclettica creatura questa lavatrice che come molti power trio consumati da anni di jam crea una fluida  macchina…

29 Jan 2015 Reviews

Read more

Enrico Ruggeri – As If (Autoprodotto, 2017)

Parte da un’idea folle questo disco di Enrico Ruggeri, anzi, di quell’idea è in qualche modo il punto d’arrivo, anche…

12 Apr 2018 Reviews

Read more

March Of RaDOOM - Volume 000/666

Era inevitabile, ora è successo. L’orribile Radu Kakarath rompe il silenzio e con voce sibillina, presenta una serie di brani…

22 Nov 2009 Podcasts

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top