GRAMS – Live at San Pietro in Vincoli MMXIX ( CD Bareteeth, 2022)

Il 26 maggio 2019 al Jazz is Dead di Torino 5 loschi figuri calcano un palco.
Anzi no, non siamo su un palco ma in una cappella sconsacrata nell’ex cimitero di san Pietro in Vincoli a Torino, dove anticamente venivano sepolti i condannati a morte. Riunitisi in un cerchio nello spazio, lasciando adito al pubblico di muoversi fra di loro GRAMS officia un vero e proprio rito.
In questo caso GRAMS (che ricordiamo, è un collettivo aperto e quindi mutevole) si compone di Neuzd, Paul Beauchamp e Paolo Rossano a 3 sintetizzatori, Andrea Peracchia alle percussioni e Dano Batocchio alla chitarra.
Quel giorno, oltre a Grams, si esibirono Enrico Degani e Fabrizio Modonese Palumbo, Antonio Raia e Renato Fiorito, Ramona Ponzini come DJ, Evan Parker e Setoladimaiale Unit, Thurston Moore & Jooklo Duo.
Grams cavarono dall’esibizione un suono terreo e grigio, come se dei cavi scoperti nell’oltretomba fossero percossi da un badile. Poi ronzii, brevi slanci melodici, ponti. Sudore probabilmente, curiosità e timore da parte del pubblico casuale ed estremo interesse da parte del giro fidato (che, essendo i nostri coinvolti in parecchi progetti come Tons, Last Minute To Jaffna, Dogs For Breakfast, Blind Cave Salamander, Tutti I Colori Del Buio, Lama Tematica, Nurse With Wound, presumo fossero parecchi ed eterogenei). Quel che salta all’orecchio dei nostri è l’estremo equilibrio e la leggerezza nei tocchi, ora sulfurei, ora sibillini. Immaginate il suono di un massiccio montuoso che si sgretola al rallentatore, amplificato e controllato. C’è a mio parere una forte componente romantica e di condivisione in questa esibizione, che va ad includere l’audience per potersi poi riunire sulle macerie del suono. L’adesione a questo tipo di performance presuppone uno scollamento dal piano di realtà per immergersi in una trance, che in questo caso si allunga per quasi 75 minuti di durata. Ci si addentra in clangori industriali, nebbie ambient e rarefazioni western. C’è una bella reiterazione che va avanti per tutta la durata. Inutile spendere più parole del necessario, chiudete gli occhi e tuffatevi. Maschera, boccaglio…dentro, fino al collo.

Tagged under: , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Bachi Da Pietra – Necroide (La Tempesta/Wallace/Tannen, 2015)

Per il sesto album i Bachi Da Pietra abbandonano i giochi di parole numerici - che da Tarlo Terzo ci…

28 Sep 2015 Reviews

Read more

Sonic Youth - Simon Werner A Disparu (SYR, 2011)

Come abitudine da qualche anno a questa parte i Sonic Youth, parallelamente alla loro discografia diciamo "ufficiale" e su major,…

07 Apr 2011 Reviews

Read more

STROMBOLI - Exiles (digital ep, Depths, 2021)

Facendo qualche calcolo sono più di 10 anni che in qualche modo ascolto le opere di Nico Pasquini, prima coi…

30 Dec 2021 Reviews

Read more

Gli Putridissimi/Luther Blissett – Split (FromScratch/Hysm/Ashame/Eclectic Polpo/Charity Press, 2012)

Cassetta in limitatissima edizione, novanta copie appena, per cui conviene sbrigarsi, inventarsi un modo per contattare i gruppi coinvolti e…

29 Nov 2012 Reviews

Read more

Ada-Nuki - S/T (Whosbrain, 2008)

Ada-Nuki propone una formula che potrebbe ormai dirsi classica e consolidata, il duo basso e batteria, arricchendola di voce, effetti…

17 Dec 2008 Reviews

Read more

The Star Pillow - Fattore Ambientale (Autoprodotto, 2012)

The Star Pillow è il duo formato da Paolo Monti e Federico Gerini a base di suggestioni cinematiche e sognanti…

18 Dec 2012 Reviews

Read more

Johnny Mox - Obstinate Sermons (Woodworm/Audioglobe, 2014)

Ci sono voluti due anni al reverendo Johnny Mox per dare fare uscire il nuovo disco, ma sono stati anni…

22 Jan 2015 Reviews

Read more

Battles - Mirrored (Warp, 2007)

Il concept del gioco di specchi che campeggiano dalla copertina alle foto promozionali, dal video di Atlas al poster interno,…

21 May 2007 Reviews

Read more

Crash Trio - Live At Crash (Setola Di Maiale, 2010)

Questo è un super trio amici miei, nel caso non conosceste gli altri due compagni di viaggio di Stefano Giust…

28 Jan 2011 Reviews

Read more

Cris X: l'eminenza grigia dei Lendormin prende il largo in…

Neanche troppi anni fa c'erano i Lendormin: a me era capitato di incontrarli nella serie P.O. Box della Wallace con…

24 Nov 2012 Interviews

Read more

Susi Brescia - Tu Mi Dai Il Male (Nutrimenti, 2007)

Ho letto di questo libro su D di Repubblica un sabato mattina durante la colazione, e l'argomento mi ha subito…

29 Mar 2007 Reviews

Read more

Konstrukt & Keiji Haino - A Philosophy Warping, Little By…

L’ensemble free-impro turco Konstrukt, dopo aver condiviso dischi e performance con artisti importanti della scena improv internazionale, invita a collaborare…

01 Sep 2018 Reviews

Read more

Evil Purpose – Normal Life (Spina Bifida, 2010)

La metà più fisica del suono degli Iron Molar la ritroviamo nell'opera di Jacopo Manelli, alias Van Malora, alias Evil…

04 Sep 2010 Reviews

Read more

Andrea Bolzoni / Daniele Frati / Luca Pissavini - Consulting…

Non mi è ben chiaro se le otto tracce che troviamo in questo CD della consultazione all’oracolo rappresentino i quesiti…

18 Nov 2014 Reviews

Read more

Davide Cedolin - Contemplations and other Instrumentals from the Valley…

Diciamocela tutta, basterebbe il titolo. Socchiudi gli occhi, un refolo di vento ed è tutto lì. Ma in realtà c’è molto…

09 May 2022 Reviews

Read more

Ocean Music

O del perdersi e ritrovarsi quando passano le glaciazioni e le ere si consumano come noccioline al circo. Era il…

13 Jun 2010 Articles

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top