Davide Cedolin – Contemplations and other Instrumentals from the Valley (CD Ramble, 2022)

Diciamocela tutta, basterebbe il titolo.

Socchiudi gli occhi, un refolo di vento ed è tutto lì. Ma in realtà c’è molto di più anche in questa raccolta di Davide Cedolin, nel mio immaginario ormai diventato un hobo dei colli liguri, chitarra e speroni su terra aspra. Qui non si smentisce, riuscendo a catalizzare l’attenzione in una raccolta spuria e frammentaria, quasi come il terriccio dal quale estrarre quale misera pagliuzza d’oro. Davide parte con quelle che chiama contemplazioni chitarristiche improvvisate, che poi rifinisce aggiungendo una povera strumentazione, composta da un’acustica, armonica, organo e bowed banjo (che sembrerebbe essere un banjo ad arco). Oltre alle sue due mani può disporre di un’elettrica, fornita da Paolo Tortora (già suo sodale nei Japanese Gum) su tre brani.

Ma non pensiamo a tutto questo, limitiamo a socchiudere gli occhi ed a librarci in volo, planando su brevi viaggi oppure soffermandoci su microcosmi, talvolta crogiolandoci su suoli rivoltati. La musica di Davide riesce ad allinearsi con gli elementi, essendo saldamente villana. Brace, specchi lacustri, spighe, insetti. Nulla è levigato, l’alcool è verosimilmente casalingo e le norme produttive e di sicurezza sono quelle che sono. Con Embracing the Unknown parlavo espressamente di west, qui siamo però oltre, drammaticamente. La vallata sembra sia stata rasa al suolo. Saranno state le locuste, gli Indiani, i Rangers…non sta a noi capirlo, quel che è certo è che Davide è riuscito in qualche modo a racimolare il minimo della sua attrezzatura, fare qualche metro in altezza ed appoggiarsi vicino ad una fonte, ritornando prepotentemente alla natura. Ci sono gli insetti, le ruote di un piccolo mulino, la consapevolezza che tutto questo non avrà vita lunga. Ma forse è proprio questa consapevolezza a spingere il bisogno di fissare su nastro tutto ciò: tracce che servano sia da monito che da lenitivo, rendendo attenti i prossimi compagni di ventura a quel che potrebbe accadere, saggi rispetto a poche semplici regole. Rispettare il vento, succhiare il midollo dalle ossa, non scherzare col fuoco, non toccare la mia chitarra.

Sto scherzando, c’è tempo anche per un brano dichiaratamente sorridente, come Sunshine Loner Smile prima di avviarci verso un tramonto che più classico non si può. Gli accordi si dilatano, scalpiccii e tramestii, sabbie e petali.

The need of story telling is sometimes wordless.

È già mattino. Chitarra in circolo, note piccole e semplici, bastone a riattizzare le braci, il proprio soffio a scaldare le mani. È dicembre, non è Cormac Mc Carthy, è solo un altro giorno.

Tagged under:

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Sigillum S + Hate & Merda + P.U.M.A - 16/04/2016…

In un periodo assai scarso di serate mondane è logico che il muoversi avvenga per eventi significativi. E a cosa…

22 Apr 2016 Live

Read more

Tsigoti – The Imagination Liberation Front Thinks Again (Autoprodotto, 2012)

The Imagination Liberation Front Thinks Again è un disco dalla storia complessa. Uscito solo in digitale e attualmente reperibile su…

05 Dec 2012 Reviews

Read more

Koji Asano – August Is Fall (Solstice, 2013)

Autoprodursi i dischi nel 2013 è ormai quasi consuetudine per molti, ma nel 1995, quando Koji Asano pubblica il suo…

10 Jul 2013 Reviews

Read more

Tetuan - Qayin (Brigadisco/Onlyfuckingnoise, 2013)

Ritornano i Tetuan dopo la tiepida accoglienza riservata su questa webzine con l'esordio Tela. La band marchigiana, partita da un…

20 Mar 2013 Reviews

Read more

Spite Extreme Wing - Vltra (Avantgarde/Masterpiece, 2008)

Ritorna per quello che sembra un epitaffio l"'ultima ala dello sdegno". Un album nero, innovativo, con un suono privo di…

07 Jul 2009 Reviews

Read more

Metzengerstein - Albero Specchio (Sonic Meditations, 2013)

Avere la prima uscita della carriera per l'etichetta di Justin Wright (alias Expo '70) è certamente un buon biglietto da…

23 Apr 2013 Reviews

Read more

Diminished Men - Capnomancy (Abduction, 2012)

Questi Diminished Men sono una delle creature meno note del giro Sun City Girls, Master Musicians Of Bukkake e compagnia,…

17 Jan 2013 Reviews

Read more

Ka Mate Ka Ora - Thick As The Summer Stars…

"We are a slowcore – shoegaze band!" Ci pensa già il gruppo di Pistoia a scrivere il succo della storia…

01 Oct 2009 Reviews

Read more

Disfunzione - Storie, Inverni, Secoli EP (Jestrai, 2007)

Quello che trovo assolutamente apprezzabile nei Disfunzione sono le sonorità. Un' immersione totale nei più bui anni ottanta: quelli…

05 Apr 2008 Reviews

Read more

Sodapop Fizz – Anno 3 Puntata 4 (30/10/14)

Quarta puntata della terza stagione di The Sodapop Fizz: Emiliano e Stefano in diretta con l'ospite speciale Andrea Ics Ferraris che…

03 Nov 2014 Podcasts

Read more

John Russell/Andrea ICS Ferraris - After​-​Dinner (Fratto9 Under The Sky,…

Questa registrazione del 2008 vede finalmente la luce ad opera della Fratto9 di Gianmaria Aprile e mostra come il lato…

04 Jan 2016 Reviews

Read more

Robanera - Meco Discordia (Shove, 2013)

Pezzi avviluppanti quanto le spire di un pitone che ti si cementifica intorno alla gola fino a diventar pietra. E…

11 Feb 2014 Reviews

Read more

Moe/Gerda - Karaoke (Shove/Wallace/Icore, 2017)

Come spiega la cartella stampa questo 10” tirato in 300 copie ha la funzione di cementare (e in un certo…

16 Oct 2017 Reviews

Read more

Eternal Zio – Vibbria (Autoprodotto, 2011)

Questo CD-R si presenta in modo assai dimesso, una semplice busta dalla grafica incerta e bruttina, con solo l'indicazione del…

08 Aug 2011 Reviews

Read more

Il Buio - L'Oceano Quieto (Autunno Dischi/To Lose La Track,…

Dopo un esordio fulminante con il 12" del 2012 e il notevole 7" dell'anno scorso a conferma ulteriore dei numeri…

27 Mar 2013 Reviews

Read more

Two Dead Bodies - Reflect (Afe/Bar La Muerte, 2006)

I due cadaveri nelle sacche nere sono quelli di Luca e Andrea al secolo chitarra e voce degli I/O e…

11 Sep 2006 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top