Albireon – A Mirror For Ashen Ghosts Part Two (Toten Schwan, 2022)

“Raccontami una fiaba, in cui nessuno muore
e mentimi se vuoi ma fallo con il cuore
raccontami un dolore di vetro scheggiato
giocattoli smarriti nell’erba di un prato”

Davide Borghi, accompagnato da Carlo Baja Guarenti e Stefano Romagnoli, è Albireon. Un nome stellare per un progetto che da più di 20 anni imperversa nella scena più laterale, oscura e romantica d’Italia. A Mirror For Ashen Ghost, edito dalla fedele Toten Schwan, è il secondo capitolo di un tributo drammatico. Se infatti nel primo volume, datato ormai 4 anni, ci si chinava sulle dinamiche che portavano le persone sofferenti verso l’autolesionismo qui andiamo ad interrogarci sulla sofferenza di tredici personaggi, più o meno noti. Andare in profondità a questo lavoro da un senso lenitivo, una condivisione del dolore gestito in maniera intima e misurata da Davide, Carlo e Stefano. Ad un primo ascolto l’inquietudine la fa da padrone ed assurge il macabro ma poi, scavando, la dedica diventa ricordo e cordoglio, senza nessuna esaltazione o vendetta. Il bisturi con il quale si vanno a riaprire queste storie è un folk nero, nerissimo, una voce vicina e gentile ed un’aura elettroacustica che sembra essere trasportata su un carretto da un’altra era. Così Anna Pardini, uccisa a soli 20 giorni dai nazisti a Sant’Anna di Stazzema nel 1944. Così Agostino di Bartolomei, prigioniero di una vita non più sua. Così Alfredino, nel pozzo. Così Luigi Carlo di Borbone, re prigioniero di Francia. Così Leonardo David, slalomista italiano. Così Joseph Merrick, the elephant man. Così Cesare Pavese, scrittore e poeta. Così John Cazale, attore fino all’ultimo. Così Kaspar Hauser, il fanciullo d’Europa. Così George Mallory, alpinista d’Everest. Così Federico Garcia Lorca, poeta ed uomo di mondo. Così Marco Corbelli, musicista e produttore macellaio. Così Gunther Messner, alpinista ed esploratore. Un brano dopo l’altro si rimane sull’abisso, a rimirare ed a meditare sul come e sul perché. A tratti si seguono le parole di Davide, a volte i silenzi fra il termine e l’inizio di un brano, e fra di essi le storie e le immagini. Ma soprattutto, si accendo un ricordo ed una fantasia su quanti non sono più con noi e vengono silenziosamente citati da queste sparute note. Non era semplice uscire a testa alta da quella che poteva facilmente diventare una fiera delle atrocità oppure un banale stereotipo. Il carretto se ne va, vuoto, ma carico delle anime di chi è rimasto impigliato nel suo tragitto. Soul music in bianco e nero.

Tagged under: , , , , , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Enrico Ruggeri – As If (Autoprodotto, 2017)

Parte da un’idea folle questo disco di Enrico Ruggeri, anzi, di quell’idea è in qualche modo il punto d’arrivo, anche…

12 Apr 2018 Reviews

Read more

Le-Li - My Life On A Pear Tree (Unhip/Garrincha, 2010)

Parlavamo tempo fa di pop pandistelle, ed eccolo qua il regalo perfetto per Emiliano Zanotti, il debutto di Le-Li: qui…

24 Mar 2010 Reviews

Read more

Ibisco - Nowhere Emilia (V4V Records, 2022)

Recensione ucronica. Lucio Dalla debutta nel 1966 con 1999, esplode in un successo clamoroso. Adotta un bimbo, lo chiamerà Filippo. Dopo…

24 Feb 2022 Reviews

Read more

Sarram – A Bolu, In C (Talk About, 2017)

I rituali primitivo-futuristi degli Hermetic Brotherhood Of Lux-Or e di tutto il giro di Macomer, le sinfonie post-industriali orchestrate nel…

29 Mar 2017 Reviews

Read more

Lola's Dead – Those Who Read Between The Lines (Autoprodotto,…

Diciamo che, solitamente, quando chi suona decide di cambiare genere, cambia persone con cui suonare. Diciamo anche che ci sono…

24 Mar 2011 Reviews

Read more

Marcus Fjellstrom - Epilogue M EP (Rev Laboratories/Aagoo, 2013)

Marcus Fjellstrom è un musicista elettronico qui al suo quinto disco: il background contemporaneo e da colonna sonora si sente…

26 Jul 2013 Reviews

Read more

Orval Carlos Sibelius – Super Forma (Clapping Music, 2013)

Si dice che dei dischi non bisognerebbe mai parlarne in forma personale, ma quando in qualche modo si rimane coinvolti,…

14 Apr 2014 Reviews

Read more

Secret Colours - Peach (Autoprodotto, 2014)

I Secret Colours sono il seme imbastardito della psichedelia primo periodo e del Britpop. Questa è la prima frase che…

16 Jun 2014 Reviews

Read more

MSMiroslaw - THE AAAge Of Warm Asylum (Trasponsonic, 2020)

La porta di un’antichissima domus de janas abbraccia il nostro pianeta sulla copertina del nuovo lavoro di MSMiroslaw: forse è…

04 Dec 2020 Reviews

Read more

Illachime Quartet - I’m Normal, My Heart Still Works (Fratto9…

Credo che pochi di voi lo ricordino o l’abbiano mai sentito, ma un bel po’ di tempo fa questi ragazzi…

26 Mar 2009 Reviews

Read more

Orko Trio – S/T (Dobialabel, 2011)

Disco dalle complesse architetture progressive rock questo esordio dell'Orko Trio, composto da Michele Cuzziol, Enrico Giletti e Giorgio Pacorig, gode…

22 Feb 2012 Reviews

Read more

Empty Chalice - Ondine's Curse (Ho.Gravi.Malattie., 2018)

Carina l’idea dell’etichetta torinese Ho.Gravi.Malattie. di dedicare una collana di uscite in cassetta a tiratura limitata a una serie di…

11 Aug 2018 Reviews

Read more

Free Nelson Mandoom Jazz - The Shape Of DoomJazz To…

Nell’approcciarsi a questo lavoro, la prima domanda che ci si pone è cosa sia peggio fra il nome che il…

28 Mar 2014 Reviews

Read more

Deprivation - S/T (Diazepam, 2011)

Nuova uscita in solitario sulla sua Diazepam e terzo nome solista per Mauro Sciaccaluga dopo i monicker Shiver e Wailing…

09 May 2012 Reviews

Read more

Belorukov vs Marziano/Fulkanelli – Aggarbatoo! Vol.1 (Lemming/Hysm?, 2012)

Ancora l'attivissima Lemmings Records (era un po' che non ne parlavamo, ma non per inattività loro, bensì per ritardi nostri)…

27 Jun 2012 Reviews

Read more

Haymaker - Let Them Rot 7" (A389, 2014)

Tornano a registrare gli Haymaker, dopo anni di silenzio: i componenti nel frattempo sono/erano impegnati nelle loro altre band (tra…

30 Jan 2014 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top