Gräfenberg – The Grind Album (Solitude Beast, 2010)

Dopo i Crampi Punk, i Void, i Kermit e la cronaca nera condita a botte di amianto ecco qualcosa di interessante da Casale Monferrato e non pensiate che si tratti di cose che non si intreccino, i Gräfenberg di base nascono dalle ceneri dei Kermit ed uno di loro è quell'Andrea Prevignano che qualcuno di voi ricorderà per un libro di Castelvecchi sul noise rock americano, qualcun altro per le recensioni su Rumore e qualcun altro ancora per far parte di vari programmi di Radio Deejay a partire da quello con il Trio Medusa. Questa citazione dovuta spiega in parte perchè uno dei due cd veda metà della formazione di stanza a casale (Asbestos city per l'appunto) e metà nella citta eterna, resta che alla luce dei fatti in generale si tratta comunque di casalesi (…non del clan, caro amico camorrista, se stai pensando si tratti di una band di tuoi consociati hai sbaglaito sito!).
Perchè enfatizzo questo particolare? Per l'odio campanilistico che separa gli alessandrini "grigioneri" dai "nerostellati" del Monferrato? No fucking way!… anzi, se un giorno si aprisse una voragine ed inghiottisse le due squadre e chi le va a vedere potrei finalmente dedicarle una sua pagina su facebook… ne parlo solo per il fatto che la colonna sonora di questo scivolare negli abissi forse la conosce di più chi nasce fra le brume di una provincia che più meccanica di così non si può. Immagino che chi di voi conosce la periferia di Milano e di Napoli l'idea del male di provincia faccia un po' ridere, ma provate ad essere "diversi" o "dei diversi" in un paese, in una piccola cittadina, provate a contrastare il male delle domeniche-vestiti-di-bianco-di-fronte-al-selciato-della-chiesa, provate a svegliarvi nel torpore morfinico delle nebbie padane e poi ditemi voi se bisogna andare fino in Norvegia o in una cittadina del Tennesse per sentirsi alla deriva nel nulla. Gräfenberg è intriso di tutto questo e fra i droni post industriali, gli arrangiamenti di piano ed i suoni sommessi e le folate industrial-broaderickiane che fluttuano in questo magma, forse ci sono reminiscenze di tutto quello schifo anche perchè in questo The Grind Album con tanto di titoli/dedica a Repulsion, Sore Throat, Napalm Death e simili e nella dichiarata ispirazione agli albori dell'era "noise" a Bianchi, a Merzbow e gente che esisteva da molto prima di Prurient e dei Sunn O))), probabilmente ci sono parecchi ricordi di quella gioventù. Dark ambient post-industriale per entrambi i cd, suono molto omogeneo quindi non aspettatevi due lavori diversi, forse la sostanziale differenza fra la parte del lavoro come Gräfenberg Asbestos City e quella a nome Gräfenberg Rome sta nell'estetica più marcatamente elettronica del secondo cd e semmai in qualche minima concessione alla melodia. "everyday is like sunday… everyday is silent and grey".

Tagged under: , , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Simon Balestrazzi – The Sky Is Full Of Kites (Boring…

Abbiamo più volte avuto occasione di segnalare la prolificità di Simon Balestrazzi, sia in solo che in collaborazione con altri…

29 Jun 2012 Reviews

Read more

Red Worms' Farm + Squadra Omega + A Flower Kollapsed…

Fra i tanti festival che si propongono di riempire le lunghe e caldi notte estive nella Pianura, quello di Curtarolo,…

29 Jul 2011 Live

Read more

Putan Club – 10/04/10 Le Tits (Brescia)

A un solo giorno di distanza da Amaury Cambuzat coi suoi Ulan Bator anche il cugino Francois (già Gran Teatro…

08 Apr 2010 Live

Read more

The Ex + Ililta Band - 21/03/09 Interzona (Verona)

Trent'anni (beh, qualcuno quasi cinquanta, mi sa...) e non sentirli. Gli olandesi The Ex, in occasione del trentennale, battono…

28 Mar 2009 Live

Read more

Monarch – Sabbath Noir (Heathen Skulls, 2010)

Fra le cose migliori del cospicuo bottino di dischi che il boss ha portata dall'Australia c'è questo vinile dei francesi…

03 Jan 2011 Reviews

Read more

Kleistwahr - Music For Zeitgeist Fighters (Nashazphone, 2017)

Questo è il quarto disco dal ritorno sulle scene di Gary "Ramleh" Mundy con uscite a nome Kleistwahr e devo…

15 Sep 2017 Reviews

Read more

Mother – S/T (Commando Vanessa, 2019)

C’è in giro una nuova etichetta, nata dall’inesauribile substrato della città di Torino: Commando Vanessa è ambigua fin dal titolo,…

15 Oct 2019 Reviews

Read more

Vortice Di Nulla – The Roundabouts Mania (Trazeroeuno, 2010)

A dispetto delle malinconiche immagini del packaging del cd, si presentano invece rocciosissimi all’ascolto questi Vortice Di Nulla. Si muovono…

15 Jan 2011 Reviews

Read more

Sic Alps + Movie Star Junkies – 28/04/12 – Interzona…

Ci volevano proprio i Sic Alps per decidermi ad uscire di casa, stasera. Il fatto che fossero spalleggiati dai Movie…

18 May 2012 Live

Read more

The Soul - Hardfunkinvasion (Autoprodotto, 2009)

Lo avevamo incontrato sulla doppia compilation di funk italiano assemblata sotto la supervisione di Bobby Soul ed ecco qui il…

01 Nov 2009 Reviews

Read more

Panel Of Judges + The Aesthetics + Zond + Hissey…

Serata di band locali assieme ai "cugini" neozelandesi The Aesthetics in uno dei locali con la più lunga tradizione per…

20 Sep 2010 Live

Read more

Yalda - Tavallodi Digar ( CD Taxi Driver, 2022)

A novembre dello scorso anno Massimo Perasso mi passa un live degli Yalda, conoscendo la mia passione per le voci…

23 Jun 2022 Reviews

Read more

The Drift - Money Drawings (Temporary Residence, 2008)

Parlando di questi The Drift possiamo aprire su tutta una serie di considerazioni più o meno interessanti a seconda di…

12 Feb 2008 Reviews

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 16 (05/02/15)

Per la puntata numero sedici della terza stagione di The Sodapop Fizz Emiliano e Stefano ospitano in trasmissione Andrea Serrapiglio…

09 Feb 2015 Podcasts

Read more

Rella The Woodcutter – I Know When It's Time To…

Secondo capitolo della trilogia di Rella The Woodcutter su Boring Machines (che comprende anche uno split 7" con My Dear…

11 Apr 2012 Reviews

Read more

Carver - Raw (Setola Di Maiale, 2010)

Strani casi di omonimia, infatti questo gruppo si chiama come un combo emo-core/indie rock che qualcuno ricorderà di spalla ai Locust.…

27 Jan 2011 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top