Gopota – Music For Primitive (Luce Sia, 2016)

“Calandovi nel suono percepirete chiaramente l’emergere di strutture che cercano di dar ordine al rumore, di imbrigliarlo e disciplinarlo” scrivevamo riguardo al precedente lavoro dei Gopota, facendo notare come non sempre l’operazione riuscisse. La lotta è proseguita fuori campo e ora che il duo italo-russo si ripropone con un nastro su Luce Sia, appare evidente che a prevalere sono stati gli elementi d’ordine. In realtà, pur alla luce di questa coerente evoluzione, i due lavori sono difficilmente confrontabili, troppo diversi sembrano l’ispirazione e il modus operandi: più urgenti nel primo, più meditati in questo caso, senza tuttavia perdere il senso del dramma. Music For Primitive ci restituisce un suono non pacificato ma misurabile, che ha sostituito l’improvvisazione di matrice power-noise con strutture death-industrial che portano ad un nuovo livello le già inquietanti atmosfere di Knots Of Fear. Solo una scrittura solida può consentire di mettere insieme tetre ma affascinante distese ambient fra il dark e l’isolazionista dove il rumore si stende sulle melodie di synth come una tormenta su una pianura deserta – Attitude ed Empty Eye, entrambe sul secondo lato – senza tradire le asprezze della prima facciata. Lì si inizia con i vocalizzi inquietanti e i battiti secchi e discontinui che sezionano le tessiture di suoni temporaleschi e stridenti di Meaningless, brano all’insegna di una solennità deviante e si finisce, non senza logica, nella messa lovecraftiana di Summa Liturgica, che sovrappone alla bellezza del canto gregoriano il fragore di una fonderia in piena attività e cavernose voci d’oltretomba. Forse Gopota, pur non sottovalutandoli, è venuto a patti coi propri demoni; non possiamo saperlo. Quel che è certo è che ha sviluppato una maturità che lo porta, in luogo della pura esibizione delle emozioni, alla loro elaborazione e narrazione, scegliendo un lungo e doloroso esorcismo invece di una temporanea catarsi.

Tagged under:

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

My Disco - Little Joy (Shock/Temporary Residence, 2010)

I melbournians My Disco con questo Little Joy rispettano in pieno la regola aurea del rock and roll: infatti, come…

10 Jan 2011 Reviews

Read more

Loveless Whizzkid - We Were Only Trying To Sleep (Seahorse,…

Mi sarei aspettato dai Loveless Whizzkid, catanesi come gli Uzeda, l'ennesima riproposizione di quei suoni anni '90 immersi in un…

06 Aug 2013 Reviews

Read more

Dead Meadow + Stigmata + Blarke Bayer/Black Widow - 14/10/10…

La nostra seconda serata al Melbourne festival vede un menù interessante: come portata principale gli americani Dead Meadow con due…

10 Sep 2010 Live

Read more

Toilet Door n.7 - Siamo Uomini O Conigli?

Direttamente dal cortile di Sodapop ecco la compilation per allietare i vostri amichetti domestici: una manciata di pezzi per gli…

23 Jun 2012 Podcasts

Read more

Hector's Pets - Pet-O-Feelia (Oops Baby, 2014)

Prendete cinque individui a metà strada tra il geek, l'hipster e il punk-rocker, radici a Austin e ora una "carriera"…

13 Nov 2014 Reviews

Read more

Bachi Da Pietra – Necroide (La Tempesta/Wallace/Tannen, 2015)

Per il sesto album i Bachi Da Pietra abbandonano i giochi di parole numerici - che da Tarlo Terzo ci…

28 Sep 2015 Reviews

Read more

Squarcicatrici - s/t (Wallace-Burp-etc, 2009)

Ecco il ritorno di Jacopo Andreini, non che se ne fosse mai andato in verità, infatti ha sempre continuato a…

03 Nov 2009 Reviews

Read more

Mike Cooper - Tropical Gothic (Discrepant, 2018)

Nomen omen, titolo che rispecchia a pieno le intenzioni di Mike Cooper nella stesura di Tropical Gothic. Un lavoro che…

16 Oct 2018 Reviews

Read more

Burzum - Fallen (Byelobog, 2011)

 Quanto ci sarebbe da dire su ogni nuovo lavoro di Burzum. Nel 2011, dopo sedici anni di prigione ed un…

19 Feb 2011 Reviews

Read more

Joensuu 1685: psichedelia e dissonanze direttamente da Helsinki

Provenienti dall'affascinante Helsinki, i Joensuu 1685 sono, secondo il modesto parere di chi scrive, una delle più promettenti realtà in…

18 May 2010 Interviews

Read more

Arnoux - Cascades (Knifeville, 2008)

A celarsi dietro il nome di Arnoux è il friulano Fabio Arnosti, bassista di Ten Thousand Bees, qui al suo…

09 Sep 2008 Reviews

Read more

Low + Pikelet + Ponzu Island - 21/10/10 The Forum…

L'ultima delle tre serate che dedichiamo al Melbourne festival è quella dei Low ed è per me quella con le…

16 Sep 2010 Live

Read more

Delia Meshlir - Calling the Unknown (CD / LP Irascible,…

Partiamo da molto tempo fa, 2015 quando, durante una delle mie fallimentari esperienze come tour booking riesco a piazzare a…

21 Apr 2022 Reviews

Read more

Dans Les Arbres - Volatile (Sofa, 2019) / Mausoleum (Bandcamp…

Dans Les Arbres è un ensemble composto dal clarinettista francese Xavier Charles e i norvegesi Christian Wallumrød (piano), Ivar Grydeland…

10 Jan 2020 Reviews

Read more

Karma To Burn – Arch Stanton (FABA/deepdive Rec.)

Credo che il motivo per cui la rediviva band della West Virginia non stanchi mai nonostante il susseguirsi di album…

11 Sep 2014 Reviews

Read more

Growing - All The Way (Social Registry, 2008)

Mi ricordo ancora la prima volta che mi hanno imposto l'ascolto del Dream Syndicate con Tony Conrad e La Monte…

29 Sep 2008 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top