GNU – Experimental Open Session @ SPM Ivan Illich (Setola Di Maiale, 2008)

Non so se avete sentito parlare o visto qualche cosa del giro degli improvvisatori bolognesi, ma se ancora non vi fosse capitato, direi che è ora di appuntarselo nell’agenda: un po’ perché giustamente facendo gruppo è questione di tempo che qualcuno si accorga di una buona sinergia e poi per il fatto che dietro questo cappello (composto dai molti musicisti che ruotano attorno all’area dell’improvvisazione bolognese) si nascondono nomi più o meno conosciuti ed emergenti del panorama italiano.
Lo GNU è un evento non troppo diverso da quelli che si hanno a Londra e in altri posti come al Knitting Factory di New York, sessioni di improvvisazione per diversi gruppi/musicisti chiamati appositamente: questo disco ne raccoglie alcune performance. Tanto per andare subito alle categorie che tanto vengono criticate dai radical borghesi da salotto (me incluso, hai ragione amico Fritz!), ma che tanto (magari anche solo a livello inconscio) vanno a cercare tutti, si tratta di un doppio cd di improvvisazioni il cui ambito è per lo più quello del jazz-avanzato, dell’impro più o meno colta, della contemporanea (poca ma c’è), quindi nulla di noise o particolarmente fracassone: anzi, se quello che cercate è l’eleganza provate questo disco senza indugi (e sia chiaro, ben venga anche la "non eleganza": vestiti diversi per occasioni diverse). Un doppio live molto ben registrato ed eseguito allo stesso livello, fra i nomi che possiamo menzionare ci sono quei Nicola Guazzaloca e Tim Trevor-Briscoe che quest’anno hanno siglato un piccolo capolavoro per piano e sax su Leo records, poi Luca Bernard, Cris Iemulo, Edoardo Maraffa, Filippo Giuffrè, Dario Fariello, Fabrizio Puglisi ed altri nomi che se masticate di improvvisazione avrete visto coinvolti in questa o quella impro, o partecipare a questo o a quel disco. Ripeto, inutile continuare con la solfa che siamo tutti uguali, perché queste cazzate da azione boy scout e da centrismo casini-rutelliano-democristian-forzaitaliota non generano altro che mostri: per quanto non esistano compartimentazioni stagne e scale (al più esatonali, anche se manco so che cazzo sono) o soprattutto scuole che garantiscano il livello di un’improvvisazione, ci sono modi, tecniche e risultati differenti per musicisti, approcci e combinazioni differenti. Anche su questo disco stesso non tutti improvvisano allo stesso modo, ma resta che per quanto molto contestualizzato all’interno di un circuito e/o appunto legato proprio al background comune (quanto meno di ascolti) di molti dei musicisti coinvolti, si tratta comunque di materiali molto evoluti e di improvvisazioni ben lungi dall’essere l’aborto di una jam session fatta alla carlona. Il nuovo jazz che avanza se non come jazz propriamente inteso (quindi vade retro al pubblico jazz da serata organizzata dal comune per le autorità in prima fila), nuovi nomi che cercano spazio e che per quel che mi riguarda spesso soppiantano cose che evidenza ne hanno già avuta fin troppa. Una serie di tracce che altalena fra un livello ottimale ed una resa "semplicemente" buona (manco fosse poco), due o tre momenti notevoli, ma quel che conta è che il disco oltre a scorrere molto bene gode di una tracklist ben fatta che quindi alleggerisce di parecchio l’ascolto, altalenando cose più dinamiche a conversazioni che puntellano il silenzio. Un disco grazie a cui si può prendere confidenza con un circuito che bene o male fa parte delle nuove realtà dello stivale.

Tagged under: , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

The Dirty Projectors - Rise Above (Dead Oceans, 2007)

Six Pack, Gimmie Gimmie Gimmie, Rise Above, Thirsty And Miserable, Police Story e così via, eh si, i titoli che…

18 Jan 2008 Reviews

Read more

Holy Hole – Plan Z (Autoprodotto, 2012)

Dalla Toscana, via Berlino, arriva questo EP degli Holy Hole: chitarre loopate e processate fino a sciogliersi in un ambient…

18 Dec 2012 Reviews

Read more

Carpathian Forest - Fuck You All !!!! (Season Of Mist,…

Abbandonati gli arzigogoli tastierati degli ultimi lavori, i Carpatian Forest tornano diretti e brutali come nei demo primi anni novanta. La costruzione…

06 Dec 2006 Reviews

Read more

Sodapop Fizz - Anno 3 Puntata 27 (30/04/15)

Puntata numero ventisette della terza stagione di The Sodapop Fizz, ospite Loris Zecchin deus ex machina della fanzine Solar Ipse:…

04 May 2015 Podcasts

Read more

Osaka Flu - The Revolution (Autoprodotto, 2011)

Frizzantissimo garage 'n' roll dall'aretino. Tre pezzi stringati ed asciutti come un caffè cortissimo bevuto nel regno unito: non…

15 Dec 2011 Reviews

Read more

Ulna - Ligment (Karlrecords, 2013)

Torna il duo degli Ulna al suo secondo disco sempre sulla tedesca Karlrecords: con grafiche e titolo Andrea Ferraris (ultimamente…

22 Jan 2014 Reviews

Read more

Kapalika - A Pop Calipso/Lounge Enfer (Vintage Pharmakon, 2011)

Dopo anni passati a tessere in solitudine le fila sonore del culto della Kapalika, Federico Esposito (Ur, Heartside) esce allo…

24 Oct 2011 Reviews

Read more

Laika Nello Spazio - Dalla Provincia (Overdub, 2019)

Rabbioso trio proveniente dall'hinterland milanese e attivo fin dal 2016. Salta subito all'orecchio la presenza di due bassi che inevitabilmente…

11 Oct 2019 Reviews

Read more

Daniel Menche - Melting Gravity (Sige, 2019)

Il ritorno di Daniel Menche con Melting Gravity continua a mostrare il costante avanzamento linguistico dello sperimentatore di Portland, uno…

29 Nov 2019 Reviews

Read more

Birthmark - Antibodies (Polyvinyl, 2012)

Nate Kinsella, il cugino dei due più noti fratelli, si è aggiunto negli ultimi anni ai Joan Of Arc, creatura…

12 Jun 2012 Reviews

Read more

Luca Sciarratta + Tiziano Milani - Spatial Impulse Response Rendering…

Gran bella collaborazione questa in cui sono coinvolti il boss della rudimentale con Milani, di cui abbiamo recensito l’ultimo lavoro…

26 Mar 2009 Reviews

Read more

Erdem Helvacioglu - Wounded Breath (Ancourant, 2009)

Altro gradito ritorno, infatti come qualcuno di voi si ricorderà avevamo recensito questo compositore turco in occasione del suo lavoro…

06 Sep 2009 Reviews

Read more

Ur - Trieb (Topheth Prophet, 2008)

Trieb in tedesco vuol dire impulso, ma la parola ricorda anche l'inglese tribe, ed entrambi i termini sono utili per…

19 Apr 2009 Reviews

Read more

Gerstein – Live Radio Blackout 1999 (Luce Sia, 2016)

È uno dei nomi storici della musica di ricerca nostrana quello di Gerstein, sigla dietro cui si nasconde il torinese…

22 May 2017 Reviews

Read more

Sparkle In Grey – Brahim Izdag (Old Bicycle/ Moving Records…

Con il ritardo che ultimamente mi contraddistingue, parlo umilmente dell'ultima fatica degli Sparkle In Grey. Un album che omaggia e…

07 Sep 2016 Reviews

Read more

Joe Lally: Fugazi, Roma, more human than human

Strana congiunzione astrale quella che fa sì che nell'ultimo periodo siano tornati alla ribalta musicisti o gruppi che ruotano attorno…

01 Oct 2011 Interviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top