Function – The Secret Miracle Fountain (Locust, 2006)

Partiamo dicendo che si tratta di un disco di maniera, come d'altro canto anche i Radiohead (e gli va dato merito di non averlo mai nascosto) che pur essendo un buon gruppo, per loro stessa ammissione hanno sempre saccheggiato a destra e a manca (a scando di equivoci a me i Tom York e soci non dispiacciono affatto). Anzi in merito a ciò forse va detto che spesso molto pop, in quanto tale è manierista per esigenza, come ricordava il nostro "simpaticissimo" Morgan dei Bluvertigo in uno di quei giornalini gratuiti che ho letto: "anche i Beatles copiavano!". Direi che moderno o no i Function per loro stessa definizione scrivono canzoni, certo i mezzisono moderni, i suoni idem, ma pop resta ed in questo non c'è nulla di disonorevole. Il disco si digerisce bene, anzi, se masticate indie questo disco è caldamente consigliato visto che l'elettronica, i pezzi e le melodie vengono da lì e sono fatti con gusto e non in maniera pressapochista. In merito alla perizia direi che l'elettronica o l'uso che ne viene fatto in questo pezzo di plastica rinsalda la mia idea che quella a stelle e strisce risulti molto più easy e più luminosa rispetto a quella europea (ovviamente questa è una generalizzazione visto che per un Telefon Tel Aviv c'è sempre un Venetian Snares, ma questo è assodato). A tratti ho quasi avuto l’impressione che se i Cave In invece che "i Radiohead dei poveri virati in salsa '70", dopo i fasti metal di Until Your Heart Stops si fossero buttati a pesce sul pop e sulle chitarre acustiche, i risultati non sarebbero stati poi così lontani (anche se più brutti, almeno a giudicare gli ultimi Cave In). Certo è che nei Function (omonimi di un gruppo che nei Novanta ha stampato uno dei migliori 7" su Revelation) tutto sta perfettamente al suo posto: i tappeti glitchiosi soft, i coretti eterei che non saprei se accreditare ai Belle and Sebastian o ai Beach Boys, i campionamenti, le chitarre, le sovraincisioni, gli arrangiamenti di archi. So che avrei dovuto dire molto più semplicemente che si tratta di "indietronica" allo stato puro, ma non volevo giocarmi subito una carta ovvia, ma questo è e di questo si tratta. Il disco è molto melenso e suona davvero bene infatti da quel punto di vista c'è poco da dire in merito alla fattura di The Secret Miracle Fountain: questi americani sono capaci a fare il loro mestiere. Però non c'è rosa senza spine ed in questo caso stanno nel fatto che il disco finisca per risultare un po' anonimo, se Bexar Bexar pur non aggiungendo nulla al genere fila molto bene, i Function a tratti mancano leggermente di personalità pur dimostrando di essere capaci. L'altra "spina nel fianco del ragazzo" forse sta nel taglio dei pezzi che a parte qualche piccola variazione tende un po' a ripetersi, soprattuto nell’atmosfera del disco che alla lunga finisce un po' per stufare. Se l'indietronica è il vostro pane qui c'è di che mangiare, se invece siete esigenti, non scordate il titolo di un disco che qualche metallaro (non io) di questo sito possiede: Handle With Care!.

Tagged under: , , , , , , , , , , ,

Leave a Reply

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Blast from the past!

Sanlupo - For Chorus, Cello & Electronics – 17/11/12 Ex…

Capita spesso che si organizzino eventi in ambienti insoliti, dando così la possibilità di restituire questi luoghi al pubblico, di…

30 Nov 2012 Live

Read more

Eine Stunde Merzbauten - 7305 (Autoprodotto, 2014)

Gli Eine Stunde Merzbauten sono la nuova mutazione dei Napalmed, da sempre creatura di RadeK.K., ultimamente ancora di più dopo…

03 Dec 2014 Reviews

Read more

Prosperina - Faith In Sleep (Maybe, 2012)

Musica abbastanza lisa e consunta quella dei Prosperina, ma per chi ama chitarrismi elefantiaci in un magma psichedelico potrebbe esserci…

12 Dec 2012 Reviews

Read more

Andrew Bird - 18/05/09 Musicdrome (Milano)

Un'ora e dieci per arrivare in città e tre quarti d'ora per trovare il posto, locale ex Transilvania (fortunatamente rinnovato…

03 Jun 2009 Live

Read more

Fungi From Yuggoth/Liturgia Maleficarum – Split tape (Diazepam, 2015)

Talvolta le conferme sono inutili, nondimeno averle fa piacere: è questo il caso, per quanto parlare di piacere potrebbe sembrare…

28 Dec 2015 Reviews

Read more

Kaouenn - Mirages (Beautiful Losers/Bloody Sounds Fucktory, 2021)

Secondo lavoro per il connazionale Kaouenn ormai trapiantato oltralpe da qualche anno. Mirages è un autentico meltin' pot musicale che…

23 Mar 2021 Reviews

Read more

Julia Kent - Green And Grey (Important/Tin Angel, 2011)

Torna col suo secondo disco solista la violoncellista Julia Kent, canadese residente a New York, ma in realtà cittadina del…

11 May 2011 Reviews

Read more

Levator - The Biggest Waves Come At Night (Levator Music,…

Recentemente qualcuno lo ha definito dreamcore: un fumoso intruglio di loops, onirico shoegaze ed eteree santità di sapore Cocteau…

24 Feb 2009 Reviews

Read more

Deflore - 2 Degrees Of Separation (Subsound, 2010)

Interessante calcio all'indietro verso le cupe, ma turgide sonorità power dark dei primi anni novanta che portarono (allora) alla ribalta…

12 Oct 2010 Reviews

Read more

Giulio Aldinucci - Aer (Dronarium, 2014)

Con la cadenza di circa un disco solista all'anno Giulio Aldinucci continua il suo percorso musicale che lo sta portando…

20 Mar 2015 Reviews

Read more

The Shipwreck Bag Show - Kc (Wallace/Phonometak/Paint Vox/Brigadisco, 2010)

Credo che ci siano dischi e gruppi interessanti, lavori ben fatti e lavori che per quanto piacevoli finiscano per essere…

16 May 2010 Reviews

Read more

Tor Lundvall: la melodia che viene dal ghiaccio

Tor Lundvall è un nome che nell'ambito elettronico/ambient non è notissimo, ma senz'altro chi viene in contatto con la sua…

23 May 2010 Interviews

Read more

Micah P. Hinson – 16/07/10 Verona Folk Festival (Bovolone -…

Nel cartellone di quello che è certamente il festival peggio pubblicizzato della storia si poteva scorgere, fra i nomi della…

12 Jun 2010 Live

Read more

Tapso II - S/T (Tapso, 2009)

Clamoroso al Cibali: anche la scena indipendente italiana si fonda su hype e mode che poco hanno a…

21 May 2009 Reviews

Read more

Whiting Tennis - Three Leaf Clover (Tarnished, 2007)

Non so se c'è qualcuno tra di voi che sia come me. Nel caso mi capirete e capirete questa recensione.…

10 Nov 2007 Reviews

Read more

XxeNa & D.B.P.I.T. - White Stories Of Black Whales (Gatto…

Oggi, quando si parla di multimedialità, si pensa a qualcosa che permette la fruizione di un lavoro che coinvolge contemporaneamente…

23 Aug 2016 Reviews

Read more
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
Back to top